HomeSaluteDiabeteDiabete di tipo 2: nuovo e migliorato farmaco

Diabete di tipo 2: nuovo e migliorato farmaco

Il diabete di tipo 2 è una condizione che colpisce il modo in cui il corpo regola e utilizza il glucosio come carburante.

Tirzepatide, un nuovo farmaco per il diabete somministrato settimanalmente tramite iniezione, ha aiutato le persone con diabete di tipo 2 a raggiungere gli obiettivi glicemici da 4 a 12 settimane prima rispetto a quelli che ricevevano farmaci diabetici convenzionali.

Gli studi di fase 3 SURPASS, pubblicati nel 2021, hanno dimostrato che  Tirzepatide riduce la glicemia e promuove la riduzione del peso meglio di altri farmaci per il diabete di tipo 2 (T2D). Ora, un nuovo studio che valuta il tempo necessario per raggiungere gli obiettivi di glucosio nel sangue mostra che  Tirzepatide soddisfa gli obiettivi di controllo della glicemia e riduzione del peso più rapidamente rispetto ai farmaci per il diabete esistenti.

- Advertisement -

Le ultime analisi degli studi SURPASS-2 e SURPASS-3, presentati all’incontro annuale dell’Associazione europea per lo studio del diabete (EASD) del 2022 a Stoccolma, in Svezia, hanno scoperto che gli adulti trattati con varie dosi di tirzepatide iniettabile (5, 10 , e 15 mg) hanno raggiunto gli obiettivi glicemici circa quattro settimane prima rispetto a quelli trattati con semaglutide iniettabile (1 mg) e tra quattro e 12 settimane prima rispetto a quelli trattati con insulina una volta al giorno (degludec; iDeg), insieme a dieta ed esercizio fisico e farmaci ipoglicemizzanti orali.

“Tirzepatide è un farmaco unico perché imita due ormoni naturali che rilasciano insulina e sopprimono l’appetito in un’unica iniezione”, afferma l’autore principale Dr. Adie Viljoen, medico consulente e patologo chimico dell’East and North Hertfordshire NHS Trust, Regno Unito. “La velocità che stiamo vedendo nell’abbassamento del glucosio e nella perdita di peso è al di là di qualsiasi altra cosa che abbiamo a disposizione in questo momento e potrebbe mettere gli adulti con diabete di tipo 2 in una posizione migliore per prevenire complicazioni a lungo termine. Ma è importante ricordare che questi farmaci dovrebbero essere usati in aggiunta alla dieta e all’esercizio fisico”.

Il diabete di tipo 2 è una malattia cronica e progressiva in cui il corpo non produce o utilizza normalmente insulina, con conseguente aumento dei livelli di glucosio nel sangue. Nonostante la disponibilità di diversi farmaci per il trattamento del diabete, solo circa la metà degli adulti statunitensi con T2D raggiunge un target di emoglobina A1c (HbA1c; una misura del controllo della glicemia) inferiore al 7%. Livelli più elevati di HbA1c sono legati a malattie cardiache, ictus, malattie renali (nefropatia), malattie degli occhi (retinopatia) e malattie dei nervi (neuropatia).

Trzepatide è una singola molecola che appartiene a una nuova classe di farmaci per il diabete che imita due ormoni, il peptide-1 simile al glucagone (GLP-1) e il polipeptide insulinotropico glucosio-dipendente (GIP), coinvolti nel controllo della glicemia e nella soppressione dell’appetito. È stato approvato per il trattamento del T2D dalla Food and Drug Administration statunitense nel maggio 2022.

- Advertisement -

Gli studi SURPASS-2 e SURPASS-3 hanno confrontato diverse dosi di Tirzepatide (5, 10 e 15 mg) con una dose di Semaglutide iniettabile una volta alla settimana 1 mg (che è un singolo ormone, agente mimico del GLP-1) come componente aggiuntivo alla  terapia con metformina, o insulina ad azione prolungata (iDeg), come terapia aggiuntiva alla metformina con o senza un inibitore del cotrasportatore sodio-glucosio-2, rispettivamente [3].

In media, i partecipanti trattati con tutte le dosi di Tirzepatide hanno avuto una riduzione della HbA1c più di quelli trattati con Semaglutide e iDeg e una percentuale maggiore ha raggiunto una HbA1c inferiore al 7% (<53 mmol/mol), inferiore o uguale al 6,5% ( ≤48 mmol/mol) e meno del 5,7% (<39 mmol/mol) rispettivamente a 40 settimane (SURPASS-2) e 52 settimane (SURPASS-3).

In quest’ultima analisi, confrontando il tempo necessario per raggiungere i target di HbA1c dall’inizio dello studio, i ricercatori hanno scoperto che i partecipanti che assumevano tirzepatide hanno raggiunto target di HbA1c inferiori al 7% e 6,5% o meno considerevolmente più velocemente sia di semaglutide che di iDeg (vedi tabella nelle note a editori).

Il tempo medio (mediano) per raggiungere un livello di HbA1c inferiore al 7% è stato di circa 8 settimane per tutte le dosi di Tirzepatide rispetto a 12 settimane sia per Semaglutide che per iDeg; per raggiungere il 6,5% o meno sono state rispettivamente 12 settimane rispetto a circa 16 settimane e 24 settimane.

Vedi anche:Rhodiola rosea: candidato per la gestione del diabete di tipo 2

Ulteriori analisi di SURPASS-2 hanno scoperto che i partecipanti trattati con Tirzepatide hanno anche raggiunto obiettivi di perdita di peso significativamente più velocemente di Semaglutide. Il tempo medio per raggiungere il 5% o più di perdita di peso è stato di circa 12 settimane con le due dosi più elevate di tirzepatide (10 e 15 mg) rispetto alle 24 settimane di semaglutide (vedi tabella nelle note ai redattori).

Anche una modesta perdita di peso del 5% del peso corporeo iniziale è associata a miglioramenti clinicamente significativi dei problemi di salute legati al peso per molte persone“, afferma Viljoen. “Per le persone con diabete di tipo 2 essere in grado di ottenere questi miglioramenti della salute in circa la metà del tempo è piuttosto incredibile”.

Eventi avversi gastrointestinali da lievi a moderati come nausea, vomito e diarrea sono stati osservati nei partecipanti che assumevano Tirzepatide e sono stati segnalati più frequentemente durante il periodo di aumento della dose e sono diminuiti nel tempo.

Gli autori riconoscono diversi limiti dello studio, incluso il fatto che gli studi non sono stati specificamente progettati per confrontare il tasso di controllo glicemico e perdita di peso e quindi queste analisi dovrebbero essere interpretate con cautela.

Riferimento: questo articolo si basa sull’abstract 591 dell’Associazione europea per lo studio del diabete (EASD). Tutti gli abstract accettati sono stati ampiamente sottoposti a revisione paritaria dal comitato di selezione del congresso.

Questo studio è stato finanziato da Eli Lilly and Company. Gli autori hanno ricevuto sovvenzioni da Sanofi e compensi da Novartis, Boehringer Ingelheim e Napp. Il supporto non finanziario è stato fornito anche da Lilly, Novo Nordisk e AstraZeneca.

Fonte:Scitechdaily

ULTIMI ARTICOLI

Encefalite anti-NMDA: curato con successo un bambino affetto da questa malattia misteriosa

Encefalite anti-NMDA-Immagine Credit  Rutgers University.  Un bambino che soffriva di encefalite anti-NMDAR (recettore N-metil-D-aspartato), una disfunzione cerebrale rara e difficile da diagnosticare, è stato curato...

Depressione: sviluppato un antidepressivo nuovo e migliore

Depressione-Immagine Credit Public Domain. I farmaci antidepressivi attualmente disponibili hanno effetti collaterali spiacevoli, proprietà di dipendenza o possono indurre la schizofrenia. Lo sviluppo di antidepressivi a...

Cancro del pancreas: nuovo trattamento dissolve il cancro nell’80% dei casi

Cancro del pancreas-Immagine Credit Scitechdaily Il nuovo approccio, che combina farmaci chemioterapici tradizionali con un nuovo metodo di irradiazione del cancro del pancreas, è risultato...

Memoria a breve termine: la terapia laser la migliora

Memoria-Immagine Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico. La laser terapia ha dimostrato di essere efficace nel migliorare la memoria a breve termine in uno studio pubblicato su...

Carne di organi e frattaglie sono sane da mangiare?

Sebbene la maggior parte delle persone mangi raramente frattaglie, ovvero carne di organi, in realtà sono ricche di importanti vitamine, minerali e micronutrienti che possono...