HomeSaluteDiabeteRhodiola rosea: candidato per la gestione del diabete di tipo 2

Rhodiola rosea: candidato per la gestione del diabete di tipo 2

(Rhodiola rosea-Immagine Credit Public Domain).

Un estratto dalle radici della pianta di Rhodiola rosea è risultato promettente come opzione non farmaceutica sicura ed efficace per aiutare a controllare il diabete di tipo 2, secondo un team di ricercatori guidati dall’Università della California, Irvine.

Le terapie di origine vegetale come gli estratti di cannella e curcumina hanno potenziali proprietà anti-diabetiche, sebbene la loro efficacia non sia stata valutata in studi clinici randomizzati. La pianta adattogena Rhodiola rosea è usata come medicinale nelle pratiche mediche tradizionali in tutto il mondo e ha dimostrato di avere proprietà antinfiammatorie e modulanti il ​​microbioma intestinale. Come adattogeno, la R. rosea rappresenta un’importante categoria di sostanze note per aiutare l’organismo a resistere a un’ampia varietà di fattori di stress (es. biologici, chimici, fisici, ecc.), per mantenere l’omeostasi e stabilizzare i processi fisiologici che possono essere interrotti. L’estratto di Rhodiola rosea sembra essere sicuro negli studi sull’uomo, il che lo rende un candidato interessante per il trattamento del T2D. La Rhodiola rosea ha esteso la durata della vita in diversi modelli animali tra cui vermi, lumache e mosche.

- Advertisement -

Quando testato su un modello di mosca carente nel substrato del recettore dell’insulina, la R. rosea prolungava ancora la durata della vita, ma riduceva i livelli di espressione del peptide simile all’insulina della Drosophila (dILP), suggerendo effetti complessi sulla via di segnalazione dell’insulina. Tuttavia, gli effetti di questo estratto vegetale su un modello animale di diabete non sono stati ancora valutati.

Secondo uno studio recentemente pubblicato su Scientific Reports, la Rhodiola rosea ha ridotto il numero di biomarcatori infiammatori e ha migliorato la risposta all’insulina in un modello murino di diabete di tipo 2. Ha anche ridotto i livelli di zucchero nel sangue a digiuno e alterato la composizione dei batteri nel tratto gastrointestinale.

“La prevalenza del diabete di tipo 2 e i relativi costi sanitari sono aumentati costantemente negli ultimi decenni. Gli esseri umani hanno utilizzato piante e prodotti naturali per migliaia di anni per curare le malattie e il nostro studio mostra che la Rhodiola rosea è un buon candidato per ulteriori indagini”, ha affermato l’autore corrispondente dello studio, il Dottor Mahtab Jafari, Professore di scienze farmaceutiche della UCI. “Le attuali raccomandazioni terapeutiche includono cambiamenti nello stile di vita e farmaci per via orale ed endovenosa. Tuttavia, questi farmaci hanno limitazioni o effetti collaterali significativi, aumentando la necessità di nuovi interventi terapeutici”.

Gli scienziati hanno testato se la Rhodiola rosea potrebbe migliorare l’omeostasi del glucosio utilizzando un modello murino geneticamente modificato che sviluppa obesità, insulino-resistenza e glicemia alta, paragonabile al diabete di tipo 2 umano avanzato. Coorti di topi maschi e femmine della stessa età sono state assegnate casualmente al gruppo di controllo, che ha ricevuto acqua o al gruppo sperimentale a cui è stato somministrato l’estratto di Rhodiola rosea.

- Advertisement -

Vedi anche:Diabete di tipo 2: trattamento efficace dalla medicina tradizionale indiana

“I nostri risultati suggeriscono che la Rhodiola rosea potrebbe essere utile per il trattamento del diabete di tipo 2, agendo attraverso i cambiamenti nel microbioma che si traducono in una maggiore integrità della barriera intestinale e in una diminuzione della traslocazione delle molecole infiammatorie nella circolazione sanguigna”, ha affermato Jafari. “L’integrità della barriera intestinale influenza il peso corporeo e la risposta all’insulina e questo prodotto botanico può migliorare le risposte del fegato e dei tessuti muscolari all’insulina prodotta dal pancreas”.

I prossimi passi del team consistono nell’eseguire uno studio di follow-up più ampio in un diverso modello murino di diabete indotto dall’obesità per confermare questi risultati e studiare i meccanismi molecolari coinvolti. Infine, Jafari spera di condurre studi clinici sulla Rhodiola rosea in pazienti con diabete di tipo 2.

“Abbiamo posto le basi per gli studi clinici sull’uomo, con l’obiettivo finale di migliorare i risultati sanitari per i pazienti con diabete di tipo 2″, ha affermato Jafari.

Spiegano gli autori:

Il diabete di tipo 2 è la malattia endocrina più diffusa al mondo e recentemente il microbiota intestinale è diventato un potenziale bersaglio per la sua gestione. Studi recenti hanno dimostrato che questa malattia può predisporre gli individui a determinate composizioni del microbioma e trattamenti come la metformina hanno dimostrato di modificare il microbiota intestinale e le vie metaboliche associate. Tuttavia, dati i limiti e gli effetti collaterali associati ai farmaci attualmente utilizzati per la terapia del diabete, vi è una significativa necessità di trattamenti alternativi. Abbiamo studiato gli effetti di un estratto di radice di Rhodiola rosea in un modello murino knockout del recettore della leptina ( db/db ) di diabete di tipo 2. Il nostro lavoro precedente ha mostrato che Rhodiola rosea aveva proprietà antinfiammatorie e modulanti il ​​microbioma intestinale, estendendo la durata della vita in diversi modelli animali. In questo studio, il trattamento con Rhodiola rosea ha migliorato i livelli di glucosio nel sangue a digiuno, alterato la risposta all’insulina esogena e diminuito i livelli di trascrizione di lipopolisaccaridi circolanti e della proteina C-reattiva epatica. Ipotizziamo che questi cambiamenti possano in parte riflettere la modulazione del microbiota, con conseguente miglioramento dell’integrità della barriera intestinale e diminuzione della traslocazione delle biomolecole infiammatorie nel flusso sanguigno. Questi risultati indicano che la Rhodiola rosea è un candidato interessante per ulteriori ricerche nella gestione del diabete di tipo 2“.

Lo studio è stato finanziato dalla UCI School of Medicine-Pharmaceutical Sciences Collaborative Research Funds e dai coniugi John P. e Lois C. Wareham.

Fonte: Scientific Reports

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...