Alzheimer, nuova promettente generazione di terapie

alzheimer

Una  nuova promettente generazione di terapie per il trattamento dell’ Alzheimer è all’orizzonte.

Una strategia scientifica che esplora obiettivi terapeutici basati sulla biologia dell’invecchiamento sta guadagnando terreno come approccio efficace per prevenire e curare il morbo di Alzheimer, secondo una ricerca pubblicata nel numero online di Neurology del 7 dicembre 2018.

Una revisione completa del panorama clinico, compresi gli attuali agenti studiati per la prevenzione e il trattamento del morbo di Alzheimer (e di altre demenze), sottolinea la necessità di sviluppare e testare farmaci basati sulla comprensione dei molteplici effetti dell’invecchiamento sul cervello .

“Il morbo di Alzheimer è una malattia complessa con molti fattori diversi che contribuiscono alla sua insorgenza e progressione”, afferma il Dr. Howard Fillit, Direttore esecutivo, fondatore e Direttore scientifico della Fondazione per l’individuazione della malattia di Alzheimer (ADDF) e autore senior del documento di revisione. “Decenni di ricerche hanno rivelato processi comuni rilevanti per capire perché l’invecchiamento del cervello è vulnerabile alla malattia di Alzheimer. Nuove terapie per il morbo di Alzheimer verranno da questa comprensione degli effetti dell’invecchiamento sul cervello”.

Gli unici farmaci approvati per la malattia di Alzheimer alleviano alcuni sintomi, ma non fermano la progressione della malattia. Nuove terapie che prevengono, rallentano o arrestano la malattia sono urgentemente necessarie per combattere il crescente carico della malattia di Alzheimer negli Stati Uniti e in tutto il mondo.

E la biologia dell’invecchiamento fornisce numerosi nuovi obiettivi per lo sviluppo di nuovi farmaci per il morbo di Alzheimer‘, osserva il Dr. Fillit.

“Il nostro successo nella lotta contro il morbo di Alzheimer probabilmente deriverà dalla terapia combinata – farmaci stimolanti che hanno effetti positivi sui malfunzionamenti che avvengono quando le persone invecchiano”, afferma il Dr. Fillit. “Le terapie combinate sono lo standard di cura per altre principali malattie dell’invecchiamento, come malattie cardiache, cancro e ipertensione e saranno probabilmente necessarie nel trattamento della malattia di Alzheimer e di altre forme di demenza”.

L’aumento dell’età è il principale fattore di rischio per il morbo di Alzheimer, una malattia neurodegenerativa progressiva che colpisce 5 milioni di persone negli Stati Uniti e circa 50 milioni a livello globale. Con il crescente invecchiamento della popolazione, i progetti di controllo e prevenzione dei centri per il morbo di Alzheimer raggiungeranno quasi il triplo entro il 2060.

Con l’invecchiamento, molti processi biologici son o disfunzionali e sono anche stati implicati nella malattia di Alzheimer. Ad esempio, mentre le persone invecchiano, hanno maggiori probabilità di avere un’infiammazione sistemica cronica e neuroinfiammazione che è associata a una funzione cognitiva peggiore. Altri malfunzionamenti dell’invecchiamento includono compromissione della clearance di proteine ​​tossiche errate, disfunzioni mitocondriali e metaboliche (associate al diabete), problemi vascolari, cambiamenti epigenetici (cambiamenti nella regolazione genica senza alterazioni nella sequenza del DNA) e perdita di sinapsi (punti di comunicazione tra neuroni).

Gli studi di fase successiva (fase 3) sono dominati dai farmaci che prendono di mira la proteina beta-amiloide e la tau, le classiche caratteristiche patologiche del morbo di Alzheimer (degli studi di fase 3, il 52% si rivolgono all’amiloide o alla tau), ma altre strategie stanno guadagnando terreno e sono in fase 1 o 2, secondo il documento di revisione.

Sebbene i tentativi terapeutici di rimuovere o ridurre la produzione di beta-amiloide siano stati in gran parte infruttuosi nel modificare il decorso della malattia di Alzheimer, i ricercatori hanno appreso informazioni importanti da tali studi clinici che suggeriscono che i problemi con la clearance della beta-amiloide possono ancora rivelarsi fruttuosi.

“Al momento non è noto se queste patologie classiche (amiloide e tau) rappresentano bersagli farmacologici validi e se questi obiettivi da soli sono sufficienti per trattare la malattia di Alzheimer”, afferma il Dr. Fillit. “Mirare ai comuni processi biologici dell’invecchiamento può essere un approccio efficace per lo sviluppo di terapie per prevenire o ritardare malattie legate all’età, come l’Alzheimer”.

Fonte, Neurology

Altri articoli su alzheimer