Degenerazione retinica ereditaria: nuovo metodo di terapia genica migliora la visione

0
5

Immagine: esempi di terapia di integrazione genica e terapia di sostituzione delle mutazioni. Nella terapia di integrazione genica, nuove copie dell’intero gene vengono aggiunte alle cellule malate. Nella terapia sostitutiva delle mutazioni, la mutazione viene asportata localmente e sostituita con una sequenza. Credito: Koji Nishiguchi, Tohoku University Graduate School of Medicine

I topi con degenerazione retinica ereditaria hanno mostrato un significativo miglioramento della visione dopo aver subito una nuova terapia genica sviluppata da un team di scienziati giapponesi.

I risultati dello studio sono stati pubblicati il ​​24 gennaio su Nature Communications.

Questo nuovo metodo è una strategia alternativa di integrazione genica che prevede l’integrazione di un gene difettoso, come quelli che possono portare alla degenerazione retinica ereditaria, con un gene sano. Il gene sano viene rilasciato attraverso il virus adeno-associato (AAV). Tuttavia, il virus può contenere solo un piccolo gene sano e la stragrande maggioranza dei pazienti con difetti in un gene più grande non può essere trattata con questo metodo. Per ovviare a questo problema, abbiamo sviluppato una singola piattaforma di terapia genica AAV che consente la sostituzione locale di una sequenza mutata con la sua controparte sana in grado di curare quasi ogni mutazione“, ha affermato Koji Nishiguchi, co-primo autore dell’articolo e Professore associato nel Dipartimento di Medicina Oftalmica Avanzata presso la Tohoku University Graduate School of Medicine.

Vedi anche: Degenerazione retinica ereditaria: individuato un farmaco che aiuta a preservare la visione

La singola piattaforma di terapia genica AAV combina la tecnologia CRISPR-Cas9 con la giunzione finale mediata da micro-omologia. Queste due cose agiscono essenzialmente come forbici genetiche e colla genetica. I ricercatori possono prendere di mira uno specifico gene difettoso, ritagliarlo e incollarlo in un sostituto sano.

Nei topi ciechi, questo approccio ha salvato circa il 10% dei fotorecettori, con conseguente miglioramento della sensibilità alla luce e un aumento dell’attività visiva. Il miglioramento della visione era circa lo stesso risultato che può produrre l’integrazione di geni.

“Trattando i topi non vedenti a causa della degenerazione retinica ereditaria con il nuovo trattamento, mostriamo che è possibile ottenere un robusto ripristino visivo a un livello simile a quello mediato dalla supplementazione genica convenzionale, assicurando il suo potenziale per l’applicazione clinica“, ha detto Nishiguchi. “La piattaforma apre la strada al trattamento di pazienti con mutazioni di geni più grandi, che comprendono la stragrande maggioranza di quelli con degenerazione retinica ereditaria. Inoltre, un approccio simile può essere applicato per trattare quasi tutte le condizioni ereditarie oculari e non oculari”.

Ora, i ricercatori stanno utilizzando la nuova piattaforma di editing del genoma per sviluppare una terapia per pazienti umani con retinite pigmentosa, un gruppo di rare condizioni che possono causare perdita della vista periferica e difficoltà a vedere di notte. Mireranno a mutazioni comuni tra i pazienti che non sono curabili con la terapia genica convenzionale. Il team di Nishiguchi prevede di verificare la terapia in una sperimentazione clinica già nel 2025.

Fonte, Nature