HomeSaluteCervello e sistema nervosoDeclino cognitivo: fattori sorprendenti che possono proteggerti

Declino cognitivo: fattori sorprendenti che possono proteggerti

(Declino cognitivo-Immagine Credit Public Domain).
L’istruzione, il lavoro e la vita sociale possono aiutare a proteggere il cervello dal declino cognitivo.

Perché alcuni individui con placche amiloidi legate al morbo di Alzheimer nel cervello non mostrano sintomi della condizione, mentre altri con la stessa quantità di placca hanno evidenti problemi cognitivi e di memoria?

 In uno studio pubblicato su Neurology, la rivista medica dell’American Academy of Neurology, i ricercatori hanno esaminato i fattori genetici e del ciclo vitale che possono aiutare a stabilire una “riserva cognitiva” che funge da cuscinetto contro la malattia.

Hanno scoperto che la partecipazione a club, organizzazioni religiose, attività sportive o artistiche, livello di istruzione entro i 26 anni, impiego e capacità di lettura possono tutti avere un impatto sulla riserva cognitiva del cervello. Secondo la ricerca, imparare cose nuove nel corso della propria vita può aiutare a proteggere il cervello, soprattutto per coloro che da bambini hanno ottenuto risultati peggiori nei test cognitivi. Precedenti ricerche hanno indicato che le persone con punteggi bassi durante l’infanzia hanno maggiori probabilità di avere un declino cognitivo maggiore in età avanzata rispetto alle persone con punteggi alti.

- Advertisement -

Questi risultati sono entusiasmanti perché indicano che l’abilità cognitiva è soggetta a fattori durante tutta la nostra vita e prendere parte a uno stile di vita intellettualmente, socialmente e fisicamente attivo può aiutare a scongiurare il declino cognitivo e la demenza”, ha affermato l’autrice dello studio Dorina Cadar, Ph.D, Brighton and Sussex Medical School nel Regno Unito. “È incoraggiante scoprire che la costruzione della propria riserva cognitiva può compensare l’influenza negativa della scarsa cognizione infantile per le persone che potrebbero non aver beneficiato di un’infanzia arricchente e offrire una maggiore resilienza mentale fino a tarda età”.

Hanno partecipato allo studio 1.184 persone nate nel Regno Unito nel 1946. Hanno completato i test cognitivi quando avevano otto anni e di nuovo quando avevano 69 anni. Un indice di riserva cognitiva combina il livello di istruzione delle persone all’età di 26 anni, l’impegno nell’arricchire le attività ricreative all’età di 43 anni e l’occupazione fino all’età di 53 anni. Anche le loro capacità di lettura all’età di 53 anni sono state esaminate come misura dell’apprendimento permanente complessivo distinto dalla scuola e dal lavoro.

Il test cognitivo che i partecipanti hanno sostenuto all’età di 69 anni ha un punteggio totale massimo di 100. Il punteggio medio per questo gruppo era 92, con il punteggio più basso 53 e il punteggio più alto 100.

I ricercatori hanno scoperto che abilità cognitive più elevate nell’infanzia, un indice di riserva cognitiva più elevato e una maggiore capacità di lettura erano tutti associati a punteggi più alti nel test cognitivo all’età di 69 anni. I ricercatori hanno scoperto che per ogni unità di aumento dei punteggi dei test dell’infanzia, il punteggio del test per il livello cognitivo di vecchiaia è aumentato in media di 0,10 punti. Per ogni unità di aumento dell’indice di riserva cognitiva, i punteggi cognitivi sono aumentati in media di 0,07 punti e per ogni unità di aumento della capacità di lettura, i punteggi cognitivi sono aumentati in media di 0,22 punti.

Vedi anche:Declino cognitivo: farmaco sperimentale inverte la condizione in pochi giorni

- Advertisement -

Le persone con una laurea o un altro titolo di istruzione superiore hanno ottenuto in media 1,22 punti in più rispetto a quelle senza istruzione formale. Le persone che si sono impegnate in sei o più attività ricreative come corsi di istruzione per adulti, club, volontariato, attività sociali e giardinaggio hanno ottenuto in media 1,53 punti in più rispetto alle persone che si sono impegnate in un massimo di quattro attività ricreative. Le persone con un lavoro di livello professionale o intermedio hanno ottenuto in media 1,5 punti in più rispetto a quelle con occupazioni parzialmente qualificate o non qualificate.

Lo studio ha anche scoperto che per le persone con un indice di riserva cognitiva e capacità di lettura più elevati, i loro punteggi nei test cognitivi non sono diminuiti così rapidamente come le persone con punteggi più bassi, indipendentemente dai punteggi dei test all’età di otto anni.

Michal Schnaider Beeri, Ph.D., della Icahn School of Medicine at Mount Sinai a New York, che ha scritto un editoriale che accompagna lo studio, ha affermato: “Dal punto di vista della salute pubblica e della società, potrebbero esserci ampi benefici a lungo termine nell’investire nell’istruzione superiore, ampliare le opportunità per le attività ricreative e fornire attività cognitive stimolanti per le persone, in particolare quelle che lavorano in occupazioni meno qualificate”.

Una limitazione dello studio è che le persone che sono rimaste coinvolte nello studio fino all’età di 69 anni potrebbero avere maggiori probabilità di essere più sane, avere migliori capacità di pensiero complessive ed essere socialmente più avvantaggiate rispetto a quelle che non hanno completato lo studio, quindi i risultati potrebbero non rispecchiare la popolazione generale.

Fonte:Neurology

ULTIMI ARTICOLI

Encefalite anti-NMDA: curato con successo un bambino affetto da questa malattia misteriosa

Encefalite anti-NMDA-Immagine Credit  Rutgers University.  Un bambino che soffriva di encefalite anti-NMDAR (recettore N-metil-D-aspartato), una disfunzione cerebrale rara e difficile da diagnosticare, è stato curato...

Depressione: sviluppato un antidepressivo nuovo e migliore

Depressione-Immagine Credit Public Domain. I farmaci antidepressivi attualmente disponibili hanno effetti collaterali spiacevoli, proprietà di dipendenza o possono indurre la schizofrenia. Lo sviluppo di antidepressivi a...

Cancro del pancreas: nuovo trattamento dissolve il cancro nell’80% dei casi

Cancro del pancreas-Immagine Credit Scitechdaily Il nuovo approccio, che combina farmaci chemioterapici tradizionali con un nuovo metodo di irradiazione del cancro del pancreas, è risultato...

Memoria a breve termine: la terapia laser la migliora

Memoria-Immagine Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico. La laser terapia ha dimostrato di essere efficace nel migliorare la memoria a breve termine in uno studio pubblicato su...

Carne di organi e frattaglie sono sane da mangiare?

Sebbene la maggior parte delle persone mangi raramente frattaglie, ovvero carne di organi, in realtà sono ricche di importanti vitamine, minerali e micronutrienti che possono...