HomePsicologiaDarwin ha scritto di come si sono evolute le espressioni, anticipando di...

Darwin ha scritto di come si sono evolute le espressioni, anticipando di un secolo la psicologia moderna

Charles Darwin è stato una meraviglia unica? Secondo gli scienziati che hanno una visione genetica dell’evoluzione, il naturalista inglese del 19° secolo ha contribuito con un’idea cruciale alla comprensione di come cambiano le specie: la selezione naturale o “progettazione senza designer”.

Tuttavia, un libro di Darwin che è poco letto dagli evoluzionisti moderni – L’espressione delle emozioni nell’uomo e negli animali – risulta contenere preziose lezioni per gli scienziati che cercano di capire come e perché gli esseri umani “fanno quello che fanno”.

Pubblicato 150 anni fa, il libro ha a lungo confuso i lettori scientifici perché a malapena menziona la selezione naturale. Al contrario, pone il modo in cui si comportano gli organismi al centro dell’adattamento evolutivo, un’idea che sta diventando un luogo comune nella biologia del 21° secolo.

- Advertisement -

Mettere l’agenzia in evoluzione

Dagli anni ’40, gli evoluzionisti hanno visto la selezione naturale come un meccanismo senza scopo: sorgono variazioni genetiche casuali e eventi ambientali casuali consentono a quelli più vantaggiosi (o “più adatti”) di sopravvivere.

Più recentemente, i biologi hanno ritenuto necessario introdurre in questo quadro il comportamento effettivo delle creature viventi. Da questa prospettiva, gli organismi si adattano alle loro circostanze e la genetica stabilizza i cambiamenti.

Come mostro nel mio libro “La psicologia di Darwin”, per Darwin, l’azione degli organismi – la loro capacità di fare le cose – era la chiave, sia nel guidare la lotta per l’esistenza, sia nello spiegare le buffonate di piante rampicanti, bambini e lombrichi. Questo perché le azioni producono reazioni: ciò che fa una creatura ha conseguenze per se stessa e per ciò che la circonda. Quelle conseguenze modellano le sue azioni successive e il modo in cui i suoi discendenti alla fine si evolvono.

- Advertisement -

Alcune conseguenze si rivelano dannose o fatali. Altre migliorano la vita di chi agisce, anche se in modi che non sono immediatamente ovvi, come gli alberi della foresta e le api mellifere che prestano “aiuto reciproco” ad altri membri della loro stessa specie.

Darwin prese questa visione dell’agency e la applicò a quella che chiamava la specie sociale più sociale, noi stessi.

Espressioni e significato

Darwin ha analizzato in dettaglio più di 70 diversi componenti e tipi di espressioni facciali oltre ad altri gesti non facciali. Ha concluso che i movimenti che chiamiamo espressioni, come sorridere e piangere, non si sono evoluti per comunicare. Per Darwin, sorrisi e lacrime non arrivano alla superficie del corpo già intriso di significati emotivi fermentati nei recessi nascosti della mente dell’espressore. Sono effetti collaterali accidentali di altre “abitudini” o del modo in cui funziona il sistema nervoso.

Le “espressioni” diventano significative solo quando gli altri le leggono come tali, quindi il significato di qualsiasi cosiddetta “espressione emotiva” dipende dal contesto e dalle altre persone.

Visto in questo modo, il libro di Darwin sostiene che un’espressione potrebbe essersi evoluta o “diventata istintiva” solo se la capacità di riconoscerla si fosse evoluta e “allo stesso modo fosse diventata istintiva”. “E se riconoscere le espressioni è istintivo”, ragionò Darwin, “gli esseri umani dovrebbero nascere in grado di comprendere i gesti e le manifestazioni facciali”.

150 anni fa, Charles Darwin scrisse di come si sono evolute le espressioni, anticipando di un secolo la psicologia moderna
Darwin studiò nei minimi dettagli la meccanica delle espressioni facciali. Credito: L’espressione delle emozioni nell’uomo e negli animali / Wikimedia

Gioco da ragazzi

Per scoprire se fosse così, Darwin studiò attentamente il comportamento sociale del suo primogenito, Doddy. Osservò che Doddy comprendeva, “in un periodo molto precoce, il significato o i sentimenti” di coloro che si prendevano cura di lui, “dall’espressione dei loro lineamenti”.

Darwin ci dice di aver rivolto molti “strani rumori e strane smorfie” a suo figlio di quattro mesi. Questi non spaventavano Doddy, tuttavia, essendo “presi come buone battute”, perché erano “preceduti o accompagnati da sorrisi”: i sorrisi si sono rivelati leggibili a Doddy in quanto rendevano umoristiche le urla altrimenti temibili di suo padre.

Queste osservazioni anticipano di più di un secolo le scoperte della psicologia moderna: i bambini hanno una capacità intrinseca di leggere la mente e condividere la mente con simpatia.

Vedi anche:Scoprire l’evoluzione del cervello per capire che cosa ci rende umani

Emozioni universali?

Darwin ha chiarito che il suo libro presentava una teoria dell’espressione piuttosto che una teoria dell’emozione. Sebbene abbia scrupolosamente aperto la strada a un moderno modo fisiologico di studiare i movimenti umani di cui si parla, ha scoperto che i significati di tali movimenti, emotivi o meno, sono inevitabilmente sociali.

Gli psicologi moderni discutono su una scissione tra presunte emozioni “di base”, “biologiche” o “universali” come la rabbia, che sono ritenute direttamente collegate al proprio stato fisico, ed emozioni “sociali” come l’invidia, che dovrebbero risultare dalle nostre letture degli altri.

Il lavoro di Darwin elude questa controversia, sostenendo che solo i modelli osservabili dell’azione facciale che chiamiamo “espressioni” possono mai essere universali. Qualunque significato venga attribuito a quelle azioni deve derivare dalle relazioni sociali che riflettono.

Leggere i volti

Ai tempi di Darwin, il modo tradizionale di studiare le emozioni era chiedere alle persone perché sorridevano o per cosa erano arrabbiate. Tuttavia, la ricerca di Darwin è andata nella direzione opposta: ha chiesto alle persone come intendessero le espressioni degli altri.

Ha chiesto agli europei espatriati che vivono in sei continenti di compilare un sondaggio sulle forme di movimento espressivo che avevano visto in diversi popoli indigeni “che si sono associati poco agli europei”.

Ha anche chiesto a una ventina di membri ben istruiti della sua cerchia di giudicare quali significati vedevano nelle fotografie di 11 manifestazioni facciali che il neurologo Guillaume Duchenne aveva prodotto attaccando elettrodi ai muscoli dei volti dei volontari in modo da simulare diverse espressioni emotive.

Darwin riteneva che solo le fotografie su cui i giudici fossero d’accordo potessero essere chiamate espressioni “genuine”. Immagini di terrore, dolore o risate hanno prodotto risposte unanimi. Altre foto, compreso il ritratto dell’odio di Duchenne, si sono rivelate indecifrabili.

Arrossire

Il colpo da maestro di The Expression of the Emotions in Man and Animals arriva nel suo capitolo più lungo, sul rossoreI rossori, mostra Darwin, sono il risultato del rimbalzo della nostra facoltà di leggere gli altri: è “il pensare ciò che gli altri pensano di noi che causa un rossore”.

Così i fard arrossiranno quando immaginano che qualcuno li incolpa per qualcosa, anche quando sono innocenti. Questa conclusione, che la lettura degli atteggiamenti degli altri modella il modo in cui si agisce, è alla base dei trattamenti di coscienza e moralità, civetteria sessuale e cultura che riempiono il precedente libro di Darwin The Descent of Man (1871).

Ha anche ispirato l’invenzione del teorico sociale George Herbert Mead di ciò che i sociologi ora chiamano interazionismo simbolico“: l’idea che tutte le azioni umane sono modellate da ciò che significano nei gruppi in cui si verificano.

Letto insieme a The Descent of Man, di cui inizialmente doveva far parte The Expression of the Emotions, dimostra che la visione darwiniana della natura come teatro dell’agire ha fatto molto di più che anticipare la più recente teoria dell’adattamento della biologia. Quella stessa visione ha gettato le basi per un’idea di psicologia basata sull’evoluzione, in cui ogni significato umano ha un’origine sociale.


Fonte:Medicalxpress

 

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...