Home Salute Virus e parassiti COVID-19 uccide alcune persone e lascia altre relativamente indenni. Perchè?

COVID-19 uccide alcune persone e lascia altre relativamente indenni. Perchè?

Immagine:Public Domain.

COVID-19 uccide alcune persone e lascia altre relativamente indenni. Perché? L’età e le condizioni di salute sottostanti sono fattori di rischio, ma gli scienziati stanno cercando di individuare altre differenze, anche nei geni o nel sistema immunitario delle persone, che possono avere un ruolo.

Due nuovi studi mostrano che i difetti nella risposta precoce del corpo all’infezione virale, difetti genetici e risposte immunitarie anomale, sono alla base di alcuni casi gravi di COVID-19.

- Advertisement -

In uno studio, pubblicato online il 24 settembre su Science, i ricercatori hanno identificato alcuni difetti genetici in alcune persone con COVID-19 grave che inducono il corpo a produrre meno interferoni, proteine ​​che fanno parte del sistema di allerta precoce del sistema immunitario. “In altre persone con malattie gravi, tuttavia, le risposte immunitarie del corpo disabilitano gli interferoni”, rileva un secondo studio pubblicato online su Science lo stesso giorno.

I risultati si aggiungono alla crescente evidenza che una forte risposta immunitaria precoce a COVID-19 è cruciale per proteggere le persone dall’ammalarsi gravemente ( SN: 9/23/20 ). “I risultati dello studio potrebbero alla fine portare a trattamenti che possono aiutare quelle persone che si ammalano gravemente”, afferma Brianne Barker, immunologa della Drew University di Madison, NJ, che non è stata coinvolta in nessuno degli studi.

Mentre le persone con i difetti genetici potrebbero trarre vantaggio dal ricevere ulteriore interferone nelle prime fasi di un’infezione per aumentare i loro livelli, per altre persone non è così.

È noto che una risposta immunitaria iperattiva a SARS-CoV-2 può fare più danni che bene. Le persone con sintomi gravi tendono ad avere alti livelli di proteine ​​immunitarie legate all’infiammazione, segno che il sistema immunitario non è riuscito a controllare il virus precocemente durante l’infezione e sta compensando eccessivamente nel tentativo di tenerlo sotto controllo.

- Advertisement -

Gli interferoni sono una parte fondamentale del sistema di allerta precoce del corpo ( SN: 8/6/20 ). Avvisano le cellule non infette che un virus di qualsiasi tipo ha invaso il corpo. In risposta agli interferoni, le cellule mettono in atto misure di protezione che mirano a frenare la replicazione virale. Ma gli studi hanno rivelato che in una minoranza di persone con COVID-19 potenzialmente letale, c’era un problema con quel sistema di allarme.

“Per i ricercatori, aver trovato prove dell’importanza dell’interferone nel 14 per cento dei loro pazienti gravi, è enorme”, dice Barker. “È incredibile vedere un fattore giocare un ruolo così importante in una malattia infettiva”.

In uno dei nuovi studi, il genetista Jean-Laurent Casanova e colleghi hanno analizzato i modelli genetici di 364 pazienti che erano stati ricoverati in Ospedale con COVID-19 grave. Da altre 295 persone in condizioni critiche, i ricercatori hanno esaminato pezzi più piccoli di DNA che insieme formano messaggeri genetici che aiutano a produrre proteine. Per confronto, il team ha anche analizzato 534 persone leggermente sintomatiche o asintomatiche.

Vedi anche:L’agenzia europea per i farmaci approva gli steroidi per il trattamento di COVID 19

Di quei 659 pazienti gravemente malati, 23 persone avevano difetti nei geni immunitari coinvolti nella difesa virale. Tipicamente, i geni identificati – noti per svolgere un ruolo nella polmonite pericolosa per la vita causata dall’influenza – producono proteine ​​che percepiscono gli invasori virali o allertano le cellule immunitarie per iniziare a produrre interferoni. Ma i difetti nel codice genetico di alcuni pazienti producono proteine ​​che non funzionano correttamente, facendo sì che il corpo produca meno interferoni del solito. Esperimenti su cellule in piatti da laboratorio e misurazione dei livelli di interferone nel sangue mostrano che le persone con questi difetti genetici non hanno prodotto molti interferoni.

“Questi difetti significano che il coronavirus che causa COVID-19, SARS-CoV-2, può infettare le cellule eludendo il solito assalto di difese causato dagli interferoni e portando a malattie più gravi”, dicono i ricercatori.

Casanova e il suo team hanno scoperto nel secondo studio che in altre persone con COVID-19 grave, il sistema immunitario si rivolge contro gli interferoni stessi per causare malattie gravi. Su 987 pazienti ricoverati in Ospedale con COVID-19 grave, 135 persone, o quasi il 14%, avevano proteine ​​immunitarie nel sangue che potrebbero attaccare gli interferoni.

In 101 pazienti gravemente malati, quelle proteine ​​immunitarie – chiamate autoanticorpi perché riconoscono parti dell’ospite piuttosto che invasori estranei – potrebbero anche impedire all’interferone di attivare altre parti del sistema immunitario. Quando i ricercatori hanno utilizzato il plasma, la parte di sangue che contiene anticorpi, da otto pazienti con gli autoanticorpi, il team ha scoperto che il coronavirus potrebbe infettare quelle cellule anche in presenza di interferone.

Nessuna delle 663 persone con malattia lieve o asintomatica aveva quelle proteine. Il team ha anche testato campioni di sangue prelevati da 1.227 persone prima dell’inizio della pandemia e ha scoperto che solo quattro persone avevano autoanticorpi che riconoscevano l’interferone.

“Nei pazienti gravemente malati, quegli autoanticorpi probabilmente esistevano nel loro sangue prima che si ammalassero”, dice Casanova, della Rockefeller University di New York City. “Esistono diverse condizioni autoimmuni note, ad esempio, in cui le persone generano autoanticorpi che si legano all’interferone, inclusa una chiamata sindrome da poliendocrinopatia autoimmune di tipo I o APS-1”.

I medici possono testare gli autoanticorpi per determinare chi è ad alto rischio di sintomi COVID 19 pericolosi.

Inoltre, i risultati potrebbero spiegare perché gli uomini hanno maggiori probabilità delle donne di ammalarsi gravemente o morire ( SN: 4/23/20 ). Delle 101 persone che avevano gli autoanticorpi, il 94% erano uomini. Le proteine ​​immunitarie possono anche aumentare con l’età: più della metà delle persone con autoanticorpi aveva più di 65 anni.   

La presenza di autoanticorpi in alcune persone può anche rappresentare un problema per trattamenti come il plasma convalescente ( SN: 8/25/20 ). Le persone che si sono riprese da un grave attacco di COVID-19 tendono ad avere quantità maggiori di anticorpi che riconoscono il coronavirus nel loro siero, che è l’ideale per il trattamento di pazienti con tale plasma. Ma se nel plasma sono presenti anche autoanticorpi che bloccano l’interferone, ciò potrebbe ostacolare la risposta immunitaria correlata all’interferone nei pazienti che li ricevono. “Ciò significa che è necessaria molta cautela e molti più studi devono essere fatti con plasma convalescente”, dice Barker.

Di 

Fonte: Science news

ULTIMI ARTICOLI

Cancro: accorciamento dei telomeri protegge dal rischio

Cancro/telomeri.Immagine:Telomeri umani (verdi) alle estremità dei cromosomi (blu). Credito: Rockefeller University. L'accorciamento dei telomeri protegge dalla rischio di sviluppare il cancro, secondo uno studio dei ricercatori...

COVID 19: gravissimi i danni ai polmoni in alcuni casi

COVID 19-Immagine Credito Public Domain. COVID-19 può causare danni polmonari così gravi che i pazienti richiedono un trapianto di polmone per sopravvivere, secondo quanto confermato...

Distrofie retiniche: scoperto nuovo obiettivo farmacologico

Immagine Credito: Louisiana State University. Un team di ricercatori della LSU Health New Orleans riferisce per la prima volta che l'eliminazione di uno degli inibitori...

HIV: come è diventato “il virus che possiamo curare”

Come l'HIV è diventato "il virus che possiamo curare"? Con l'aumento del numero di infezioni da COVID-19, è facile dimenticare che ci sono ancora...

Declino cognitivo legato all’età: nuovo farmaco lo inverte

Declino cognitivo-Immagine: Public Domain. Il declino cognitivo legato all'età può essere causato da una sorta di "blocco fisiologico reversibile piuttosto che da una degradazione permanente. Secondo...