HomeSaluteVirus e parassitiCOVID 19: obesità e complicanze cardiovascolari

COVID 19: obesità e complicanze cardiovascolari

Un nuovo studio aiuta a capire perché l’obesità aumenta il rischio di complicanze cardiovascolari in COVID-19. Lo studio condotto su 109 pazienti alla ricerca dei fattori che determinano la disfunzione endoteliale, una condizione in cui i vasi sanguigni diventano incapaci di contrarsi e rilassarsi adeguatamente, aumentando il rischio di infarto, trombosi e ictus.

Nei pazienti COVID-19, l’obesità è il fattore più associato allo sviluppo della disfunzione endoteliale, una condizione in cui i vasi sanguigni diventano incapaci di contrarsi e rilassarsi adeguatamente, aumentando il rischio di eventi come infarto, trombosi (coagulazione del sangue ) e ictus

L’endotelio si riferisce al sottile strato di cellule che riveste le pareti delle arterie e delle vene, così come l’interno del cuore. Le cellule endoteliali rilasciano sostanze che controllano il rilassamento e la contrazione vascolare ed enzimi che regolano la coagulazione del sangue e la funzione immunitaria. 

- Advertisement -

L’associazione tra obesità e disfunzione endoteliale nei pazienti COVID-19 è stata analizzata in un articolo pubblicato sulla rivista Obesity. Gli autori sono ricercatori delle Università brasiliane, tranne uno che è affiliato a un’università colombiana. Il gruppo è supportato da FAPESP.

Lo studio ha analizzato i dati di 109 pazienti ricoverati in Ospedale a causa di COVID-19 acuto, ma non in condizioni critiche. “Abbiamo caratterizzato i pazienti in generale e poi abbiamo deciso di identificare i fattori che potrebbero modulare o intensificare il danno endoteliale. “I risultati hanno mostrato che il fattore chiave era l’IMC o indice di massa corporea, seguito a un certo punto dal livello di creatinina nel sangue, un marker della funzione renale”, ha affermato Alessandro Domingues Heubel, dottorando in fisioterapia presso l’Università Federale di São Carlos (UFSCar) nello stato di São Paulo, Brasile e primo autore dell’articolo.

Heubel ha spiegato che l’IMC (peso diviso per altezza al quadrato) è uno dei principali parametri utilizzati dagli operatori sanitari per misurare il sovrappeso e l’obesità. Gli individui con un BMI di 30 kg/m 2 e più sono considerati obesi.

Nello studio sono stati inclusi pazienti di entrambi i sessi. La loro età media era di 51 anni e il 51% era di sesso maschile. Erano in cura presso il Bauru State Hospital e la Santa Casa de São Carlos nello stato di San Paolo. La loro comorbilità più frequente era l’obesità (62%), seguita da ipertensione (47%) e diabete (17%). 

- Advertisement -

I campioni di sangue sono stati raccolti poco dopo il ricovero ospedaliero e la funzione endoteliale è stata valutata in modo non invasivo 72 ore dopo con il metodo della dilatazione mediata dal flusso (FMD), in cui il diametro dell’arteria brachiale (il principale vaso sanguigno nella parte superiore del braccio) è misurata con ultrasuoni ad alta risoluzione prima e dopo che la circolazione è limitata nell’avambraccio per alcuni minuti. 

“Immediatamente dopo la rimozione della cuffia di occlusione, il flusso di sangue nell’arteria aumenta e questo è uno stimolo meccanico per le cellule endoteliali [ che rivestono l’interno dei vasi sanguigni ] per produrre ossido nitrico, un vasodilatatore. Più l’arteria si dilata, migliore è la funzione endoteliale“, ha affermato Heubel.

Oltre a FMD e BMI, i ricercatori hanno valutato la salute muscolare misurando la forza di presa con un dinamometro e analizzato i livelli ematici di emoglobina, leucociti, linfociti, creatinina e piastrine, nonché proteina C-reattiva, ferritina e D-dimero (marcatori di infiammazione e coagulazione). Altri parametri includevano il tempo trascorso dall’insorgenza dei sintomi, il fumo, le comorbilità e i farmaci in uso. Nessun paziente era in terapia intensiva al momento di questa valutazione, ma il 72% utilizzava ossigeno supplementare.

Per trovare le determinanti della disfunzione endoteliale nel campione di studio, i ricercatori hanno utilizzato la regressione univariata (una tecnica statistica che prevede i valori di una variabile dai valori di un’altra) e la regressione multipla (che analizza diverse variabili contemporaneamente). È stato riscontrato che solo un elevato indice di massa corporea e il livello di creatinina sono correlati direttamente al rischio di malattie cardiovascolari in COVID 19.

“Quando si confrontano due pazienti COVID-19, uno con peso normale [BMI ≈ 20 kg/m 2] e l’altro obeso [BMI ≥ 30 kg/m 2], quest’ultimo tende ad avere una dilatazione mediata dal flusso (FMD) inferiore dell’1,9%. Sulla base delle conoscenze precedenti, ciò suggerisce un rischio cardiovascolare più elevato del 17%“, ha detto Mendes ad Agência FAPESP. 

“Nella pratica clinica, troviamo che i pazienti obesi hanno più eventi cardiovascolari durante il ricovero. Il nostro studio può aiutare a comprendere i meccanismi alla base di questo problema e il motivo per cui l’obesità aumenta il rischio di progredire verso  COVID-19 grave».

Prove precedenti

Dall’inizio della pandemia causata da SARS-CoV-2, i ricercatori hanno avanzato l’ipotesi che il virus possa infettare e danneggiare direttamente le cellule endoteliali e questo è stato confermato in studi che hanno utilizzato campioni ottenuti nelle autopsie di pazienti morti per COVID-19. 

Il danno arrecato all’endotelio dal virus può anche essere associato a disturbi della coagulazione del sangue che portano alla formazione di microtrombi e allo sviluppo di un’intensa disfunzione endoteliale sistemica, entrambi fattori che spiegherebbero la progressione verso COVID-19 grave.  

“Non sappiamo ancora con certezza fino a che punto la disfunzione endoteliale sia direttamente causata dal danno fatto dal virus o dalla tempesta di citochine tipica di questa malattia [ in cui il sistema immunitario rilascia grandi quantità di molecole infiammatorie ]”, ha detto Heubel.

Vedi anche:COVID 19: liposomi potrebbero essere gli eroi non celebrati della pandemia? 

Ricerche precedenti hanno mostrato che l’obesità aumenta il rischio di COVID-19 grave indipendentemente da età, sesso, etnia e comorbidità come diabete, ipertensione e malattie cardiache o polmonariLe ragioni di ciò includono alterazioni meccaniche del sistema respiratorio dovute all’aumento della massa addominale, che comprime il diaframma e i polmoni. Le persone obese hanno spesso anche un sistema immunitario compromesso.

Ci sono prove che SARS-CoV-2 può infettare le cellule adipose e che il tessuto adiposo può diventare un serbatoio per l’agente patogeno. Di conseguenza, la carica virale negli obesi tende ad essere più elevata rispetto agli individui di peso normale

“Una possibile spiegazione per i nostri risultati è che carichi virali più elevati negli obesi aumentano il rischio di infezione diretta delle cellule endoteliali“, ha detto Heubel. “Può anche darsi che il processo sia influenzato dall’infiammazione che è tipicamente esacerbata nelle persone in sovrappeso”.

Per i ricercatori, gli operatori sanitari dovrebbero essere più attenti alle complicanze vascolari nel trattamento di pazienti obesi COVID-19. “Questi pazienti sono più suscettibili agli eventi cardiovascolari e quindi hanno bisogno di più assistenza. Sono disponibili diverse strategie per prevenire lo sviluppo di complicazioni”, ha affermato Heubel.

Secondo Mendes, i risultati dello studio aprono la strada a nuovi approcci terapeutici che si concentrano sull’endotelio. “Sarebbe una buona idea cercare un composto in grado di bloccare il processo che porta alla disfunzione endoteliale, dato il rischio associato di gravi complicazioni”, ha affermato.

Molti partecipanti allo studio sono passati a una condizione critica dopo il ricovero ospedaliero e hanno richiesto cure intensive, secondo  Emmanuel Gomes Ciolac, Professore all’Università statale di San Paolo (UNESP) a Bauru e penultimo autore dell’articolo. “Si tratta di un progetto su larga scala, in cui i pazienti vengono valutati in tre momenti: in Ospedale, 30-45 giorni dopo la dimissione e quattro mesi dopo la dimissione. Presto saranno riportati altri risultati”, ha detto il ricercatore.

Per Ciolac, i dati finora ottenuti sottolineano la necessità per la società di considerare l’obesità come un problema serio. “Abbiamo urgente bisogno di politiche di sanità pubblica ampie ed efficienti per combattere questa malattia che è associata a una grave COVID-19 e a innumerevoli altri disturbi”, ha affermato Ciolac.

Fonte:Newswise

 

ULTIMI ARTICOLI

Paradosso biologico offre nuove intuizioni sul mistero del cancro

(Cancro-Immagine: Carlo Maley è ricercatore presso il Biodesign Center for Biocomputing, Security and Society presso l'Arizona State University.Credito: The Biodesign Institute presso l'Arizona State...

Malattie da prioni: come muoiono le cellule cerebrali

(Malattie da prioni-Immagine:neuroni cresciuti in coltura che esprimono una proteina prionica mutante (ciano) che causa malattie da prioni nell'uomo. Questi neuroni mostrano assoni rigonfi che...

Vaccinazione: cosa guida la scelta?

(Vaccinazione-Immagine: modello che collega le variabili di fondo non specifiche del COVID e quelle specifiche del COVID con i cambiamenti nell'intenzione di vaccinazione. Attestazione: PNAS). Nell'esaminare il...

Dolore cronico legato a differenze nella struttura cerebrale

Sapevi che la principale causa di disabilità nel mondo è il dolore cronico? Milioni e milioni di persone vivono la loro quotidianità segnata dal dolore. Non solo causa...

Malattia di von Hippel-Lindau: Belzutifan offre nuova speranza

(Malattia di von Hippel-Lindau-Immagine Credit Public Domain). I pazienti con malattia di von Hippel-Lindau, una condizione genetica causata da una mutazione nel gene VHL che...