HomeSaluteVirus e parassitiCOVID 19: nuovo potente anticorpo neutralizza tutte le varianti conosciute

COVID 19: nuovo potente anticorpo neutralizza tutte le varianti conosciute

(COVID 19: Immagine Credit Public Domain).

Gli anticorpi terapeutici che erano efficaci all’inizio della pandemia COVID 19 hanno perso la loro efficacia poiché SARS-CoV-2 è cambiato e mutato e le varianti più recenti, in particolare l’Omicron, hanno imparato come aggirare gli anticorpi che i nostri sistemi producono in risposta alle vaccinazioni. Potremmo essere in grado di proteggerci meglio da possibili variazioni grazie a un nuovo anticorpo ampiamente neutralizzante creato al Boston Children’s Hospital. 

Nei test, l’anticorpo ha neutralizzato tutte le varianti note di SARS-CoV-2 preoccupanti, comprese tutte le varianti di Omicron.

- Advertisement -

“Ci auguriamo che questo anticorpo umanizzato si dimostri efficace nel neutralizzare SARS-CoV-2 nei pazienti come ha dimostrato finora nelle valutazioni precliniche”, afferma Frederick Alt, Ph.D., del Program in Cellular and Molecular Medicine presso il Boston Children’s Hospital, che ha co-diretto la ricerca.

In uno studio pubblicato su Science Immunology, Alt e Sai Luo, Ph.D., hanno utilizzato una versione modificata di un modello murino umanizzato che il suo laboratorio aveva precedentemente utilizzato per cercare anticorpi ampiamente neutralizzanti contro l’HIV, un altro virus che spesso muta. Poiché i topi hanno effettivamente un sistema immunitario umano integrato, il modello ricorda da vicino il processo per tentativi ed errori utilizzato dal nostro sistema immunitario per creare anticorpi sempre più efficaci.

I ricercatori inizialmente hanno introdotto due segmenti di geni umani nei topi, facendo sì che i loro linfociti B creassero un ampio repertorio di anticorpi umanizzati in un breve periodo di tempo. Successivamente hanno esposto i topi alla proteina spike SARS-CoV-2 del ceppo originale Wuhan-Hu-1, che è la principale proteina presa di mira dai nostri anticorpi e dai vaccini attuali. I topi modificati hanno sviluppato nove lignaggi o “famiglie” di anticorpi umanizzati che si sono legati alla spike in risposta.

Insieme a un  team della Duke University guidato dal Dottor Barton Haynes, Alt e Luo hanno quindi valutato l’efficacia di questi anticorpi.

Vedi anche:COVID 19: terapia inalatoria blocca la replicazione virale

- Advertisement -

Gli anticorpi di tre dei nove lignaggi sono stati efficaci nel neutralizzare il virus Wuhan-Hu-1 originale. L’anticorpo SP1-77 e altri membri del suo lignaggio, in particolare, hanno dimostrato un’attività estremamente ampia, neutralizzando Alpha, Beta, Gamma, Delta e tutti i ceppi Omicron precedenti e attuali.

Un nuovo approccio alla neutralizzazione dei virus

Cosa ha causato la neutralizzazione dell’anticorpo SP1-77 in modo così ampio? Studi strutturali di un team collaboratore guidato da Bing Chen, Ph.D. e Jun Zhang, Ph.D. presso il Boston Children’s Hospital e il gruppo Haynes presso la Duke, hanno dimostrato che SP1-77 funziona in modo diverso dagli anticorpi attuali (anticorpi terapeutici o quelli che produciamo in risposta ai vaccini attuali).

Anticorpi che attaccano la cellula del virus del coronavirus

L’anticorpo potrebbe migliorare notevolmente la nostra capacità di difenderci dalle varianti future.

Molti degli anticorpi esistenti funzionano legandosi al dominio di legame del recettore (RBD) di spike in alcune regioni, impedendo a SARS-CoV-2 di legarsi ai recettori ACE2 delle nostre cellule, che è il passaggio iniziale dell’infezione. L’anticorpo SP1-77 si lega anche all’RBD, ma in un modo completamente diverso che non impedisce al virus di legarsi ai recettori ACE2.

Utilizzando una nuova piattaforma di imaging a cellule vive descritta in un preprint, i collaboratori Alex Kreutzberger, Ph.D. e Tomas Kirchhausen, Ph.D., del Boston Children’s Hospital, hanno dimostrato che SP1-77 impedisce al virus di fondere la sua membrana esterna con la membrana della cellula bersaglio. Questo vanifica l’ultimo passaggio necessario che apre la porta all’infezione.

“Queste caratteristiche possono influenzare la progettazione di nuovi vaccini SARS-CoV-2. “SP1-77 lega la proteina spike in un sito che finora non è stato mutato in nessuna variante SARS-CoV-2, neutralizzando ampiamente le varianti attuali con un nuovo meccanismo”, afferma Kirchhausen.

Riferimento: “An Antibody from Single Human VH-rearrange Mouse Neutralizes All SARS-CoV-2 Variants Through BA.5 by Inhibiting Membrane Fusion” di Sai Luo, Jun Zhang, Alex JB Kreutzberger, Amanda Eaton, Robert J. Edwards, Changbin Jing , Hai-Qiang Dai, Gregory D. Sempowski, Kenneth Cronin, Robert Parks, Adam Yongxin Ye, Katayoun Mansouri, Maggie Barr, Novalia Pishesha, Aimee 

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Science Immunology.

Alt e Ming Tian, ​​Ph.D., presso Boston Children’s sono autori di una domanda di brevetto che descrive il modello murino. Luo, Haynes e Alt sono autori di domande di brevetto che descrivono gli anticorpi.

Fonte:Science Immunology

 

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...