HomeSaluteVirus e parassitiCOVID 19: variabili associate alla risposta anticorpale

COVID 19: variabili associate alla risposta anticorpale

(COVID 19-Immgine Credit Public Domain).

In un recente studio pubblicato sul server di preprint medRxiv *, un gruppo di ricerca italiano ha dimostrato che la risposta anticorpale può essere attenuata in soggetti con determinati fattori di rischio subito dopo la seconda dose di vaccino mRNA contro SARS -CoV-2.

Tra i maggiori fattori di rischio per COVID 19 grave, l’adiposità e l’eccesso di grasso viscerale sono sicuramente quelli che mettono in pericolo gli individui infetti. Altri fattori di rischio importanti sono il diabete, l’ipertensione (ipertensione), la malattia polmonare cronica e il fumo.

- Advertisement -

Ci sono anche problemi correlati alla protezione immunitaria negli individui con i rischi sopra menzionati, in particolare l’obesità centrale. Pertanto, anche prima che i vaccini fossero sul mercato, c’erano gravi preoccupazioni che la presenza di questi fattori di rischio potesse comportare una protezione inferiore.

Un recente studio ha dimostrato che un indice di massa corporea (BMI) più elevato è associato a risposte sierologiche inferiori dopo il vaccino COVID-19 negli operatori sanitari italiani. Allo stesso modo, l’ipertensione e la risposta inadeguata ai vaccini possono avere radici nel sistema immunitario disfunzionale, almeno secondo alcune recenti prove di ricerca.

Al fine di esplorare le variabili associate alla risposta sierologica dopo il vaccino Pfizer / BioNTech COVID-19 mRNA in modo più approfondito, un gruppo di ricerca guidato dal Dottor Mikiko Watanabe dell’Università La Sapienza di Roma ha condotto uno studio osservazionale completo e monocentrico.

Vedi anche:IBD e COVID 19: nuovi farmaci a base di yogurt probiotico

Dai test di laboratorio ai metodi di imaging

- Advertisement -

In questo studio, un totale di 86 operatori sanitari che sono stati vaccinati contro COVID-19 sono stati arruolati a gennaio e febbraio 2021. A tutti i soggetti sono state somministrate due dosi del vaccino Pfizer / BioNTech a mRNA a tre settimane di distanza.

Di conseguenza, sono stati prelevati campioni di sangue per l’analisi prima della prima dose e da una a quattro settimane dopo la seconda dose. Gli anticorpi contro SARS-CoV-2 sono stati misurati utilizzando un test di elettrochemiluminescenza disponibile in commercio. La storia clinica, i dati demografici e gli effetti collaterali del vaccino sono stati registrati. Inoltre, i parametri antropometrici sono stati misurati al basale, mentre la misurazione della composizione corporea è stata eseguita utilizzando l’assorbimetria a raggi X a doppia energia.

COVID 19 e produzione ridotta di anticorpi 

Questo studio ha dimostrato che i pazienti con obesità centrale avevano titoli inferiori di anticorpi contro SARS-CoV-2 rispetto a quelli senza obesità centrale; inoltre, i fumatori hanno mostrato una risposta immunitaria attenuata rispetto ai non fumatori, la stessa cosa è stata rilevata quando sono stati confrontati individui con aumento della pressione sanguigna con individui con livelli normali.

Un’analisi dettagliata ha anche dimostrato che una maggiore circonferenza della vita, fumo, aumento della pressione sanguigna e un tempo maggiore dalla seconda dose di vaccino erano collegati a titoli anticorpali inferiori – indipendentemente dall’indice di massa corporea, dal sesso e / o dall’età.

Tuttavia, il legame tra la circonferenza della vita e i titoli degli anticorpi non è stato dimostrato durante il controllo del grasso corporeo, indicando l’accumulo viscerale come potenziale spiegazione. È interessante notare che gli eventuali effetti collaterali dopo la prima o la seconda dose del vaccino non erano correlati a diversi titoli anticorpali, né lo era la vaccinazione antinfluenzale nei 12 mesi precedenti.

Risposta sierologica delle sottopopolazioni analizzate.  I titoli degli anticorpi anti SARS CoV-2 erano significativamente inferiori nei soggetti con obesità centrale (A), soggetti appartenenti al secondo quartile della circonferenza della vita rispetto a quelli appartenenti al quarto quartile (complessivamente

Risposta sierologica delle sottopopolazioni analizzate. I titoli degli anticorpi anti SARS CoV-2 erano significativamente più bassi nei soggetti con obesità centrale (A), soggetti appartenenti al secondo quartile della circonferenza della vita rispetto a quelli appartenenti al quarto quartile (p totale = .046) (B), fumatori (C ), soggetti ipertesi (D), soggetti dislipidemici (E). * p <.05, ** p <.01, ** p <.001, *** p <.000

Per un programma di vaccinazione COVID 19 ottimale

Sebbene sia attualmente impossibile valutare se una quantità inferiore di anticorpi SARS-CoV-2 porti a una maggiore probabilità di sviluppare COVID 19, l’esperienza precedente ci insegna che potrebbe essere così; quindi, tutti i fattori di cui sopra legati a una risposta immunitaria attenuata giustificano un ulteriore esame. “Il fatto che la risposta anticorpale sia attenuata in alcuni soggetti poco dopo la seconda inoculazione deve portare a un approccio molto vigile, poiché i dati a medio e lungo termine saranno disponibili solo quando il programma sarà stato necessariamente già fissato”, avvertono gli autori dello studio.

Ciò significa che i fumatori e le persone con obesità centrale e / o ipertensione potrebbero trarre vantaggio da precedenti richiami vaccinali o da programmi vaccinali diversi, motivo per cui dovrebbero essere condotti ulteriori sforzi di ricerca sugli aggiustamenti del programma di vaccinazione.

Fonte:medRxiv *

ULTIMI ARTICOLI

Melanomi uveali: non sempre sono innocui

(Melanomi uveali- Immagine Credit Public Domain). Un nuovo articolo dei ricercatori della Liverpool University dimostra che i piccoli melanomi uveali (intraoculari) non sono sempre innocui,...

Melanoma: individuato nuovo obiettivo farmacologico

(Melanoma-immagine Credit Public Domain). Nonostante rappresenti solo l'1% circa dei tumori della pelle, il melanoma causa la maggior parte dei decessi correlati al cancro della...

Glaucoma: vitamina B3 possibile trattamento

(Glaucoma-Immagine Credit Public Domain). Il glaucoma comporta un alto rischio di perdere la vista. I ricercatori del Karolinska Institutet e del St. Erik Eye Hospital, tra...

Disturbo bipolare: 64 regioni del genoma aumentano il rischio

(Disturbo Bipolare-Immagine Credit Public Domain). Nel più grande studio genetico sul disturbo bipolare fino ad oggi, i ricercatori hanno identificato 64 regioni del genoma contenenti...

Cancro al seno: come diventa aggressivo

(Cancro al seno-Immagine Credit dominio pubblico Unsplash / CC0). I ricercatori del Baylor College of Medicine hanno seguito la progressione del cancro al seno in...