HomePrimo pianoCOVID 19: i vaccini stanno perdendo forza?

COVID 19: i vaccini stanno perdendo forza?

(COVID 19-Immagine: i programmi di vaccino contro COVID-19 per la terza dose sono già iniziati in Israele e stanno iniziando ad arrivare dati sulla loro efficacia. Credit: Kobi Wolf/Bloomberg via Getty).

Mentre i dibattiti sui richiami si infiammano, ciò che si sa sulla durata dell’immunità basata sul vaccino COVID 19 è ancora in evoluzione.

Sei mesi fa, Miles Davenport e i suoi colleghi hanno fatto una previsione audace. Sulla base dei risultati pubblicati degli studi sui vaccini e di altre fonti di dati, hanno stimato che le persone immunizzate contro COVID-19 perderebbero circa la metà dei loro anticorpi difensivi ogni 108 giorni circa. Di conseguenza, i vaccini che inizialmente offrivano, ad esempio, una protezione del 90% contro i casi lievi di malattia potrebbero essere efficaci solo per il 70% dopo 6 o 7 mesi .

- Advertisement -

“All’epoca sembrava un po’ fuori di testa”, afferma Davenport, immunologo computazionale presso l’Università del New South Wales a Sydney, in Australia. “Ma nel complesso, le previsioni del suo gruppo si sono avverate”.

Studi immunologici hanno documentato un costante declino dei livelli di anticorpi tra gli individui vaccinati. Il follow-up a lungo termine dei partecipanti alla sperimentazione del vaccino ha rivelato un rischio crescente di infezione. E i registri sanitari di paesi come Israele, Regno Unito e altrove mostrano tutti che i vaccini COVID-19 stanno perdendo forza, almeno quando si tratta di tenere sotto controllo le malattie trasmissibili.

Questo senza nemmeno tenere conto della minaccia delle varianti SARS-CoV-2, ed è chiaro che gli anticorpi indotti dal vaccino svolgono un lavoro peggiore nel riconoscerle, rispetto al ceppo ancestrale del virus. Ciò che non è chiaro, tuttavia, è fino a che punto le garanzie del sistema immunitario che proteggono le persone vaccinate contro malattie gravi, ospedalizzazione e morte potrebbero anche svanire. “Questa”, dice Davenport, “è la domanda da un milione di dollari al momento”.

Mentre le discussioni sui programmi di richiamo si surriscaldano e i funzionari del Regno Unito che approvano i richiami per gli over 50 e i consulenti delle autorità di regolamentazione statunitensi si sono incontrati il 17 settembre per discutere la questione – la rivista scientifica Nature fa il punto dei dati che informano il dibattito.

Come sta reggendo l’immunità indotta dal vaccino?

- Advertisement -

“Le cose sono peggiorate”, afferma Nicole Doria-Rose, immunologa presso l’Istituto nazionale per le allergie e le malattie infettive degli Stati Uniti a Bethesda, nel Maryland. “Ma non tutte le cose muoiono allo stesso modo”.

Gli anticorpi “neutralizzanti” in grado di intercettare i virus prima che si infiltrino nelle cellule potrebbero non avere molta capacità di resistenza. I livelli di queste molecole in genere aumentano dopo la vaccinazione, per poi diminuire rapidamente mesi dopo. “È così che funzionano i vaccini”, afferma Doria-Rose.

Ma le risposte immunitarie cellulari durano più a lungo e, come spiega Jennifer Gommerman, immunologa dell’Università di Toronto in Canada: “L’immunità cellulare è ciò che ti proteggerà dalle malattie”. I linfociti B di memoria possono dispiegare rapidamente più anticorpi in caso di riesposizione al virus, così come i linfociti T, che possono attaccare le cellule già infette. Entrambi forniscono un’ulteriore misura di protezione nel caso in cui SARS-CoV-2 superi la prima linea di difesa del corpo.

In uno degli unici studi a lungo termine che ha considerato contemporaneamente queste tre assi del sistema immunitario – anticorpi, cellule B e cellule T – i ricercatori hanno scoperto che la vaccinazione stimolava un’immunità cellulare duratura. I linfociti B di memoria hanno continuato a crescere di numero per almeno sei mesi e nel tempo sono migliorati nel combattere il virus. La conta dei linfociti T è rimasta relativamente stabile, scendendo solo leggermente durante il periodo di studio.

“Quindi, hai questa riserva”, afferma John Wherry, immunologo presso la Perelman School of Medicine dell’Università della Pennsylvania a Filadelfia, che ha guidato lo studio. “Gli anticorpi circolanti possono essere in declino, ma il tuo sistema immunitario è in grado di entrare in azione ancora una volta”.

Come può la memoria immunitaria diventare effettivamente più forte?

La ricerca dell’immunologo Ali Ellebedy, della Washington University School of Medicine di St Louis, Missouri, aiuta a spiegare il vigore della risposta dei linfociti B della memoria. Il suo gruppo ha prelevato campioni dai linfonodi di individui vaccinati e ha trovato minuscole scuole di rifinitura delle cellule B – chiamate centri germinali – che sfornavano cellule immunitarie sempre più potenti con il passare del tempo.

I linfociti B in queste strutture mutano casualmente i loro geni per creare interi nuovi set di anticorpi. Quelle cellule che producono i migliori repertori di anticorpi alla fine vincono attraverso un processo evolutivo che aumenta la capacità del sistema immunitario di combattere Delta e altre varianti preoccupanti di SARS-CoV-2.

Ellebedy e i suoi colleghi hanno inizialmente descritto la persistenza di questi centri germinali per 15 settimane dopo l’immunizzazione con un jab a base di RNA, più a lungo di quanto chiunque avesse mai visto prima con vaccini di vecchia tecnologia per altri disturbi. Ora, i ricercatori hanno dati inediti, seguendo i centri germinativi per un massimo di sei mesi. “Il campo di addestramento è ancora in corso”, dice Ellebedy. “È fantastico.”

Quella memoria immunitaria dovrebbe fornire una protezione duratura contro malattie gravi?

“Per la maggior parte, dovrebbe. Ma”, dice Theodora Hatziioannou, virologa della Rockefeller University di New York City, “se la protezione dalle malattie si basa a qualsiasi livello sulla circolazione di anticorpi neutralizzanti, quelle molecole sono chiaramente in declino”.

I dati del mondo reale provenienti da record di test diagnostici e database ospedalieri suggeriscono che questo potrebbe essere il caso. In Israele, ad esempio, le persone anziane che si sono vaccinate all’inizio dell’anno sembravano avere un rischio quasi doppio di contrarre malattie gravi durante un’epidemia di luglio rispetto a individui simili vaccinati più di recente. Come i ricercatori hanno riferito questa settimana, gli individui più anziani a cui era stata somministrata una terza dose di vaccino avevano meno probabilità di contrarre l’infezione e molto meno probabilità di sviluppare malattie gravi rispetto a quelli che non avevano ricevuto i richiami.

Per Eran Segal, biologo computazionale presso il Weizmann Institute of Science di Rehovot, in Israele, che fornisce consulenza al Governo israeliano sulle questioni relative a COVID-19, le implicazioni sono chiare. “Ci sono prove convincenti che la terza dose aumenta notevolmente la protezione”.

Ma come sottolinea Jeffrey Morris, biostatistico dell’Università della Pennsylvania, le inferenze fatte da studi osservazionali di questo tipo dovrebbero essere viste con occhio critico. Le persone che vivono la loro vita quotidiana non sono partecipanti a studi clinici. Non sono randomizzati per tenere conto delle differenze comportamentali e demografiche. E sebbene la modellazione statistica possa aiutare a correggere alcune di queste variabili, è impossibile tenere conto di tutti i potenziali fattori di confondimento.

“La linea di fondo”, afferma Morris, “è che abbiamo bisogno di un’attenta modellazione e abbiamo bisogno di dati davvero approfonditi”.

Vedi anche:Vaccini COVID 19: un trionfo per la scienza

E gli altri paesi oltre a Israele?

I dati preliminari di Regno Unito e Qatar sembrerebbero confermare l’esperienza israeliana. I ricercatori della Public Health England hanno pubblicato questa settimana un preprint che descrive in dettaglio un modesto, ma apprezzabile calo dell’efficacia del vaccino contro il ricovero in Ospedale e la morte. Ciò si è verificato a circa 20 settimane dall’inoculazione per i riceventi sia il vaccino mRNA di Pfizer-BioNTech che il vaccino vettore virale di AstraZeneca, sebbene l’effetto fosse più pronunciato per gli individui più anziani e quelli con condizioni di salute sottostanti. Tra gli anziani, c’era anche qualche indicazione che l‘allontanamento delle due dosi iniziali di vaccino promuovesse un’immunità protettiva più duratura.

Nel frattempo, in Qatar, Laith Abu-Raddad e i suoi colleghi hanno descritto il mese scorso come il vaccino di Pfizer-BioNTech avesse fornito una protezione costantemente elevata contro malattie critiche fino a sei mesi dopo l’immunizzazione. L‘efficacia del vaccino contro le infezioni lievi o prive di sintomi è diminuita gradualmente, come previsto. Ma nel momento in cui ha pubblicato un preprint online, il 27 agosto, Abu-Raddad, un epidemiologo di malattie infettive presso Weill Cornell Medicine-Qatar a Doha, non era sicuro della necessità di vaccinazioni di richiamo.

Poi ha visto i dati di sette mesi dopo l’immunizzazione. Sebbene i risultati siano preliminari, la capacità del vaccino di scongiurare il ricovero e la morte sembra diminuire. “I dati ora hanno forzato un cambiamento nel modo di pensare”, afferma Abu-Raddad. (Uno studio comparabile condotto negli Stati Uniti ha finora riportato dati solo sulla diminuzione della protezione contro le infezioni, non sulle malattie gravi).

Tuttavia, a livello globale, non ci sono ancora indicazioni che i tassi di malattie gravi tra i vaccinati stiano aumentando in modo apprezzabile. “I vaccini sono davvero progettati per prevenire le malattie”, afferma Julie McElrath, specialista in malattie infettive presso il Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle, Washington.

Anche se la maggior parte delle persone vaccinate non si ammala davvero, ci sono altri vantaggi dei richiami?

La riduzione dei tassi di infezione dovrebbe aiutare a interrompere il ciclo di trasmissione virale, che alla fine si tradurrebbe in un minor numero di casi di COVID-19 grave e morte. E secondo Fyodor Kondrashov, genetista evoluzionista presso l’Institute of Science and Technology Austria di Klosterneuburg, dovrebbe anche aiutare a tenere a bada l’emergere di varianti resistenti ai vaccini.

“Le cose che sono buone dal punto di vista epidemiologico”, dice, “sono buone anche dal punto di vista evolutivo”.

Come ha dimostrato il lavoro di modellazione di Kondrashov, è più probabile che emergano virus resistenti quando la trasmissione non è controllata. Far vaccinare più persone è l’intervento più efficace per mantenere bassi i tassi di trasmissione, ma anche qualsiasi aumento dell’efficacia del vaccino può aiutare.

“Finora, nessun vaccino umano è stato completamente minato dalla resistenza quanto molti farmaci antinfettivi”, afferma Andrew Read, che studia l’evoluzione delle malattie infettive alla Pennsylvania State University di University Park. “Ha eroso i loro benefici”, dice, “ma in modi che sono stati risolvibili con modifiche alla progettazione del vaccino”.

Questo non vuol dire che non accadrà con i vaccini COVID-19. “Siamo su un nuovo territorio qui”, dice Read. La variante Delta ha colto di sorpresa il mondo. L’evoluzione – e le nostre risposte immunologiche – potrebbero riservare altre sorprese. Ma qualsiasi discussione sulla necessità di booster non può essere tenuta nel vuoto. Oltre alle considerazioni sulla cinetica immunitaria tra gli immunizzati, ci sono anche problemi di equità del vaccino e disponibilità da tenerne conto”. “E finché le persone vaccinate stanno fuori dagli Ospedali e dagli obitori, allora”, dice Katrina Lythgoe, un’epidemiologa evoluzionista presso l’Università di Oxford, Regno Unito, “gli argomenti teorici sulla resistenza ai vaccini sono secondari. Secondo me, a parte le persone particolarmente vulnerabili, gli sforzi dovrebbero essere diretti a far vaccinare le persone, a livello globale”.

Fonte: Nature

 

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...