HomePrimo pianoVaccini COVID 19: un trionfo per la scienza

Vaccini COVID 19: un trionfo per la scienza

Quando la rivista Science ha incoronato lo sviluppo di vaccini COVID 19 efficaci come svolta scientifica dell’anno nel dicembre 2020, è stato un momento di festa. “Questa svolta è un trionfo per tutta la scienza”, ha scritto il caporedattore Holden Thorp in un editoriale. “Ci sarà tutto il tempo per un’esegesi di ciò che è andato storto. Ma per ora, ciò che è andato bene è molto più importante”.

Un anno dopo, cosa è andato bene e cosa è andato storto con i vaccini COVID-19 non può essere diviso in modo così netto.

I vaccini sono stati sviluppati a una velocità sorprendente e la loro efficacia in studi clinici su larga scala – protezione del 95% dalle malattie sintomatiche per i vaccini con RNA messaggero – ha superato i sogni della maggior parte degli scienziati. Ma una volta entrati nel mondo reale, le cose si sono complicate. La produzione e la distribuzione di miliardi di dosi ha posto enormi ostacoli logistici. “In seguito la  protezione stellare cominciò a scemare”. Il virus si è dimostrato altamente adattabile, con nuove varianti che sono apparse in rapida successione . E il brillante trionfo scientifico è entrato nel regno più oscuro della politica e delle regole sui brevetti, del commercio e delle teorie della cospirazione. Il risultato è stato un pasticcio, mezzo trionfo, mezzo tragedia.

- Advertisement -

Sono state somministrate più di 8 miliardi di vaccini in tutto il mondo, con tutti vaccinati nella maggior parte degli elenchi di priorità: persone che hanno più di 60 anni, che lavorano nel settore sanitario o soffrono di condizioni di base che possono peggiorare il COVID-19. Ma non è successo solo questo! Gli adolescenti in alcuni paesi hanno ricevuto tre dosi; le persone altrove con un rischio molto più elevato di morire stanno ancora aspettando la loro prima dose.

Milioni di persone sono oggi vive perché sono state vaccinate, ma milioni di altre hanno rifiutato l’offerta di un vaccino sicuro e gratuito. Centinaia di migliaia di persone morirono inutilmente. E ogni speranza che i vaccini possano frenare la trasmissione abbastanza da fermare la diffusione del virus si è rivelata infondata. Mentre quest’anno volge al termine, stanno crescendo le prove che la variante Omicron potrebbe erodere ulteriormente la protezione dei vaccini. “È un po’ deprimente essere qui a dicembre 2021 e sentirsi ancora come se avessimo una battaglia in salita“, afferma Natalie Dean, bio-statistica alla Emory University.

PER QUALSIASI FARMACO o vaccino, le aspettative aiutano a determinare se è visto come un successo. All’inizio, gli scienziati temevano che i vaccini anti COVID-19 potessero prevenire solo il 50% dei casi. Con quello standard, i vaccini hanno ampiamente superato le prestazioni. Ma molti nel pubblico si aspettavano qualcosa come i vaccini contro il morbillo o la rosolia, che offrono una protezione completa e permanente dall’infezione, una speranza irrealistica. “Nella nostra eccitazione di avere un vaccino e di averne uno rapidamente, ci siamo dimenticati che non tutti nel pubblico in generale sono vaccinologisti o virologo”, afferma Boghuma Titanji, virologo presso Emory.

Vedi anche:Variante Omicron: i vaccini ci salvano?

- Advertisement -

La speculazione precoce e piena di speranza che la vaccinazione diffusa creerebbe l’immunità di gregge, quando così tante persone sono protette che il virus non ha un posto dove andare, ha aggravato la delusione in seguito. L’immunità di gregge, sempre un obiettivo ambizioso, è sfuggita di mano quando la variante Delta più infettiva si è diffusa in tutto il mondo e la protezione dei colpi è diminuita.

Nel complesso, i vaccini si sono dimostrati molto sicuri. Ma in primavera è emerso un disturbo della coagulazione molto raro, ma potenzialmente mortale in persone che avevano ricevuto vaccini prodotti da AstraZeneca e Johnson & Johnson, che si basano su un vettore di adenovirus. Sebbene il rapporto rischio-beneficio fosse ancora molto buono, molti paesi ricchi hanno smesso di usare i vaccini una volta che avevano alternative, il che ha danneggiato la fiducia nei vaccini vettori altrove, specialmente nei paesi più poveri che hanno ricevuto grandi spedizioni del vaccino AstraZeneca. “La percezione … è stata che all’Africa sono stati somministrati vaccini scadenti”, afferma Titanji, che ha dovuto convincere i suoi stessi genitori in Camerun a ottenere il vaccino.

Cinici venditori ambulanti di mezze verità e bugie sui rischi dei vaccini e la promessa di rimedi non ortodossi hanno sfruttato la confusione, aiutati da un ecosistema di informazioni che dà la priorità al “coinvolgimento” rispetto alla veridicità e ai politici che preferiscono mettere a rischio la vita dei loro elettori piuttosto che riconoscere il rischio una verità complessa. Alla fine, molte persone si sono sentite più a loro agio a deglutire un farmaco non provato usato per sverminare i cavalli o a rischiare con un virus mortale piuttosto che ottenere un vaccino che aveva dimostrato di proteggere la stragrande maggioranza delle persone da malattie gravi e morte.

La ricerca non biomedica avrebbe potuto aiutare: studi sull’esitazione ai vaccini, il modo in cui le persone prendono decisioni mediche e come la disinformazione si diffonde e può essere combattuta. “Anche questa è scienza e non vi prestiamo abbastanza attenzione”, afferma Dean. !Le Agenzie di Sanità Pubblica hanno trascurato di avvicinarsi ai più vulnerabili alla disinformazione prima che fossero bombardati di bugie, dice Titanji.

MOLTE PERSONE non hanno avuto il lusso di scegliere se ottenere i vaccini. Solo l’8% della popolazione africana è completamente vaccinata. “Cìè stata una  disdicevole corsa con i paesi ricchi che pagavano tutto ciò che potevano per ottenere ciò che volevano e il resto è stato spinto in fondo alla coda”, afferma Helen Clark, co-Presidente dell’Independent Panel for Pandemic Preparedness and Response, Istituito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per trarre insegnamenti dalla pandemia.

L’OMS e altri gruppi nel 2020 hanno formato il COVID-19 Vaccines Global Access Facility (COVAX) per garantire una distribuzione più equa. “Ma il suo approccio, l’acquisto di vaccini all’ingrosso e la loro fornitura gratuita ai paesi poveri, era imperfetto!”, afferma Clark. I paesi ricchi sono stati felici di donare denaro, ma hanno conquistato il mercato dei vaccini, lasciando poco a COVAX. E il principale fornitore del programma, il Serum Institute of India, ha fornito molte meno dosi di quelle promesse quest’anno. “Saremmo stati anche peggio senza COVAX“, afferma Clark. Ma il suo modesto track record – circa 650 milioni di dosi spedite finora a paesi a basso e medio reddito – “ha esposto il limite dell’ottimismo nel multilateralismo”, afferma John Nkengasong, Direttore dei Centri africani per il controllo e la prevenzione delle malattie.

Prendere di mira le persone più a rischio in tutto il mondo non solo sarebbe stato più giusto, ma avrebbe anche evitato più morti“, afferma Maria Van Kerkhove, epidemiologa di spicco dell’OMS. E se i paesi ricchi avessero avuto meno dosi, avrebbero potuto seguire il consiglio dell’OMS di non allentare le misure di salute pubblica come l’uso di mascherine e i limiti alle riunioni, che avrebbero potuto attenuare le recenti ondate. “Soprattutto in quei paesi con accesso ai vaccini, c’era la sensazione che il peggio fosse passato”, afferma Jeremy Farrar, capo del Wellcome Trust. Questo senso ha anche alleviato la pressione per aumentare la produzione di vaccini e fornire più dosi in più luoghi rapidamente. Come ha affermato di recente il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus: “In troppi paesi, la luce brillante dei vaccini è diventata anche una luce accecante per la continua necessità di fermare la diffusione di questo virus”.

LA PANDEMIA INFURIA. È tornato con prepotenza nell’emisfero settentrionale, anche nei paesi ad alta copertura vaccinale. Finora, i vaccini hanno retto bene contro nuove varianti, dall’Alpha alla Delta. Ma la continua diffusione del virus gli offre tutte le opportunità per evolversi e trovare modi migliori per aggirare l’immunità umana, come suggeriscono i primi dati su Omicron. (Autore: Kai Kupferschmidtìt-corrispondente collaboratore della rivista Science).

È stato dimostrato che i colpi di richiamo rafforzano l’immunità calante e potrebbero essere un modo per i paesi ricchi di tenere sotto controllo le ondate future, ma i paesi a basso e medio reddito non possono adottare una tale strategia “senza distruggere i loro budget sanitari”, afferma Gagandeep Kang, un virologo al Christian Medical College di Vellore, in India. “A lungo termine, potremmo aver bisogno di una nuova generazione di vaccini”, afferma Richard Hatchett, capo della Coalition for Epidemic Preparedness Innovations. Hatchett afferma di aver sempre considerato l’attuale arsenale come “vaccini a risposta rapida”, adatti all’emergenza pandemica, ma non alla lotta a lungo termine con il virus.

Forse la scienza offrirà un nuovo vaccino come svolta. l’anno prossimo o l’anno dopo. Ma qualunque sia il prossimo vaccino che il mondo svilupperà, dovremo anche trovare modi per usarli meglio. Finora in questa pandemia, è stato il virus, non l’umanità, ad aver fatto la maggior parte dell’evoluzione.

(Autore: Kai Kupferschmidtìt-corrispondente collaboratore della rivista Science).

Fonte:Science

 

ULTIMI ARTICOLI

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...

Cibo giapponese da aggiungere alla dieta

(Cibo giapponese-Zuppa di miso-Immagine: gli alimenti fermentati come il miso sono noti per essere benefici per la salute del microbioma.Credito Scitechdaily). Il cibo giapponese è...

Cucinare al barbecue: grigliare provoca il cancro?

(Barbecue-Immagine Credit Public Domain). Quali sono le conseguenze sulla salute, in particolare legate al cancro, del barbecue che griglia carne su una fiamma viva? Il barbecue...

Toxoplasmosi: nuovo farmaco prende di mira la forma cistica del parassita

(Toxoplasmosi-Immagine Credit Public Domain). I risultati di un nuovo studio dell'Università del Kentucky College of Medicine pubblicato sul Journal of Biological Chemistry il 28 maggio,...

Cancro gastrico: studio rivela come si forma

(Cancro gastrico-Immagine:astratto grafico. Credito: Gastroenterologia (2022). DOI: 10.1053/j.gastro.2022.06.021). Uno studio pubblicato di recente rivela nuove intuizioni su come si sviluppa il cancro gastrico e suggerisce un trattamento preventivo. Eunyoung Choi,...