HomeSaluteCompresse di iodio potrebbero aiutare in caso di guerra nucleare?

Compresse di iodio potrebbero aiutare in caso di guerra nucleare?

(Iodio-Immagine Credit Public Domain).

Il mondo è cambiato il 24 febbraio 2022. L’attacco della Russia all’Ucraina ha segnato la più grande guerra che l’Europa abbia visto dalla seconda guerra mondiale, innescando una serie di increspature che hanno scosso l’intero pianeta, lasciando molte persone a chiedersi come sarà il loro futuro. 

Tra le tante tragedie provocate da questa invasione, la prospettiva di una guerra nucleare spaventa comprensibilmente molte persone. Sebbene il rischio non sembri particolarmente alto, anche il rischio di una guerra su larga scala non sembrava così alto fino a pochi mesi fa.

- Advertisement -

È anche comprensibile che di fronte a uno scenario così estremo, le persone vogliano sentire un certo livello di controllo sulla situazione. Ma di fronte ad una guerra nucleare anche se a centinaia o migliaia di chilometri di distanza, c’è poco che puoi fare per influenzare direttamente la situazione. Quindi, le persone si concentrano su altre cose come lo iodio, per mettersi al riparo. Molte persone hanno iniziato ad accumulare maschere, disinfettanti o persino carta igienica, e alcuni ora, hanno iniziato ad acquistare iodio.

Iodio-131

Non è un segreto che le truppe russe abbiano preso il controllo delle centrali nucleari, inclusa Chernobyl. Mentre le truppe sono state ora costrette a lasciare quella zona, il ricordo della catastrofe del 1986 e la possibilità di una guerra nucleare hanno fatto gelare il sangue alla gente. 

Dopo un incidente nucleare, una grande quantità di radionuclidi (atomi con nuclei instabili) viene rilasciata nell’atmosfera, incluso uno chiamato Iodio-131. Come tutti i radionuclidi, questo radioisotopo di iodio contiene energia nucleare in eccesso, che lo rende instabile. È anche molto mobile e può diffondersi per migliaia di miglia dal luogo dell’incidente e i suoi effetti negativi possono essere avvertiti per 1-2 mesi.

L’esposizione allo iodio-131 può avvenire in due modi : esternamente, provoca ustioni alla pelle e agli occhi. Internamente, può fare ancora più danni, causando il cancro alla tiroide. Questo rende lo iodio-131 uno dei prodotti di fissione più temuti rilasciati nell’atmosfera da bombe atomiche o incidenti come Chernobyl. Inoltre, se rilasciato nell’aria, lo iodio-131 può essere inalato o ingerito attraverso il consumo di cibo o liquidi che sono stati esposti a radiazioni.

Cancro alla tiroide 

- Advertisement -

Sebbene un incidente nucleare possa influenzare negativamente l’intero corpo, la tiroide è uno degli organi più inclini al cancro. Questo perché la tiroide utilizza lo iodio (ottenuto naturalmente dal cibo quotidiano) per sintetizzare gli ormoni tiroidei, ma non ha la capacità di distinguere tra iodio normale e radioattivo (I-131) e può assorbire lo iodio radioattivo. 

Gli studi dimostrano che le donne sono più inclini al cancro della tiroide rispetto agli uomini. Esistono diversi tipi di cancro alla tiroide con il cancro della tiroide papillare che è il più comune ed è più frequentemente diagnosticato nelle persone di età compresa tra 30 e 50 anni. L’entità del cancro alla tiroide dipende dal livello di esposizione, età, salute e stile di vita, ma di solito ha un alto tasso di sopravvivenza. Tuttavia, in caso di grave esposizione agli elementi radioattivi, la prognosi può essere molto peggiore.

I sintomi delle radiazioni potrebbero non essere avvertiti, ma ciò non significa che il corpo non sia stato esposto. Per rilevare il livello di radiazioni, le persone possono eseguire uno screening medico, che include ecografia ed esame clinico. Un altro metodo consiste nell’analisi cromosomica , utilizzando il metodo PNA-FISH: ibridazione in situ a fluorescenza con sonde di acido nucleico peptidico. Il metodo rileva le anomalie colorando i centromeri e i telomeri dei cromosomi con questa fluorescenza. 

Trattamento 

Se il radioiodio è tossico e può portare al cancro alla tiroide, lo iodio normale potrebbe essere la soluzione al problema? Bene, è un po’ come combattere il fuoco con il fuoco, o meglio, combattere il cattivo tipo di fuoco con il buon tipo di fuoco.

L’ Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) raccomanda la somministrazione di iodio stabile, come lo ioduro di potassio (KI) in caso di incidente nucleare. Come accennato in precedenza, la tiroide non distingue tra iodio radioattivo e stabile. Se l’I-131 entra nel corpo, la tiroide vuole usare quello iodio per secernere gli ormoni. L’assunzione di pillole di KI prima o immediatamente dopo l’interazione con le radiazioni assicura che la ghiandola sia satura dello iodio di cui ha bisogno e non assorba quello nucleare. Le compresse di iodio devono essere assunte meno di 24 ore prima dell’esposizione o non più di due ore dopo il contatto. 

Le pillole di iodio hanno i loro rischi e non dovrebbero essere assunte in eccesso o quando qualcuno lo desidera. Ad esempio, se assunte entro due ore dall’esposizione alle radiazioni, metterebbero ulteriormente in pericolo l’organismo, poiché creeranno un surplus nella tiroide che ha già assorbito lo iodio radioattivo. Possono anche causare effetti collaterali: iper o ipotiroidismo e reazioni allergiche. 

Fermare le guerre nucleari

Se dovesse iniziare una vera guerra nucleare, tuttavia, lo iodio fornirebbe solo una protezione immediata limitata. Senza un minimo di dubbio, saremmo tutti in un mondo di guai. In effetti, se c’è un evento che potrebbe spazzare via rapidamente la civiltà umana, è probabilmente una guerra nucleare.

Oltre a chissà quante vite perse, una guerra nucleare significherebbe drastici cambiamenti climatici e la devastazione dell’agricoltura. Le esplosioni rilascerebbero enormi quantità di fumo fuligginoso, cambiando il clima mondiale e provocando un temuto inverno nucleare. Il conflitto nucleare porterebbe inevitabilmente a una carestia diffusa, poiché i raccolti sarebbero contaminati dalle radiazioni.

Vedi anche:Guerra in Ucraina: gli europei si affrettano a comprare pillole di iodio tra i timori di una catastrofe nucleare

Non saremmo del tutto impotenti. Il carbone attivo granulare (GAC) e la mordenite d’argento (AgM) potrebbero essere utilizzati per impedire la diffusione della radiazione. Di solito sono utilizzati per rimuovere il radionuclide (come lo iodio-131) dai siti nucleari. Una volta che assorbono completamente le radiazioni, GAC e AgM devono essere stabilizzati in una matrice di smaltimento, come una forma di rifiuto cementizio. 

Ma qualunque cosa facciamo, una guerra nucleare si rivelerebbe devastante per la civiltà umana.

Il Trattato sulla proibizione delle armi nucleari è stato adottato il 7 luglio 2017 e tutti i paesi delle Nazioni Unite sono stati invitati a firmarlo. Questo trattato richiede agli stati firmatari di accettare di cessare la produzione, lo stoccaggio e il test di armi nucleari ed esplosivi, nonché di cessare di minacciare altri stati con una guerra nucleare. La legge è entrata in vigore lo scorso anno, il 22 gennaio 2021, con 86 paesi che l’hanno firmata e 59 che l’hanno ratificata.

Tuttavia, nessuno stato che attualmente possiede armi nucleari ha rispettato il trattatoAl contrario, i paesi stanno perfezionando la loro tecnologia nucleare, con Russia e Stati Uniti che possiedono il 90% delle armi nucleari mondiali. La Russia, secondo quanto riferito, sta sviluppando nuovi tipi di armi: missili da crociera a propulsione nucleare, veicoli di consegna ipersonici in cima a missili balistici e siluri nucleari a lungo raggio progettati per esplodere nelle acque vicino alle città. Con l’invasione dell’Ucraina che non sta andando secondo i piani, la Russia probabilmente vedrà il suo arsenale nucleare come un deterrente importante per qualsiasi azione militare contro di essa ed è improbabile che rinunci alle sue armi nucleari. Con la Russia che fa questo, anche altri paesi avranno un incentivo a mantenere le loro armi nucleari e la prospettiva di una guerra nucleare rimane all’orizzonte.

Alla fine è improbabile che inizi una guerra nucleare, ma l’idea stessa che possa accadere è sufficiente a preoccupare le persone. La guerra in Ucraina, e in particolare intorno a Chernobyl, ha portato molte persone a cercare pastiglie di iodio. L’assunzione di iodio stabile può aiutare in alcuni casi, ma non dovresti assumere integratori senza il consiglio di un medico. Lo iodio, in particolare, può influire negativamente sulla salute.

Fonte: ZMEScience

 

 

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...