Come l’orologio biologico controlla l’infiammazione

infiammazione,orologio biologico

Immagine: una nuova ricerca rivela come l’orologio biologico controlla l’infiammazione. Nella foto da sinistra a destra: Dr Richard Carroll, Dr Annie Curtis, Mariana Cervantes e George Timmons presso l’RCSI (Royal College of Surgeons in Ireland).Credit: Patrick Bolger.

Ricercatori presso l’RCSI e il Trinity College di Dublino hanno rivelato intuizioni su come l’orologio biologico controlla la risposta infiammatoria. Queste intuizioni possono  aprire la strada a nuove opzioni terapeutiche per trattare l’infiammazione in eccesso in condizioni come l’asma, l’artrite e le malattie cardiovascolari. 

“Comprendendo come l’orologio biologico controlla la risposta infiammatoria, potremmo essere in grado di indirizzare queste condizioni in determinati momenti della giornata per ottenere il massimo beneficio. Questi risultati possono anche far luce sul motivo per cui le persone che sperimentano interruzioni dell’orologio corporeo come i lavoratori a turni sono più suscettibili a queste condizioni infiammatorie”, spiegano i ricercatori.

L’orologio biologico, il meccanismo di temporizzazione in ogni cellula del corpo, consente all’organismo di anticipare e rispondere all’ambiente esterno nelle 24 ore. L’infiammazione è normalmente un processo protettivo che consente all’organismo di eliminare l’infezione o il danno, tuttavia se non controllata può portare a malattie. Il nuovo studio, condotto da ricercatori del Laboratorio del Dr. Annie Curtis presso il RCSI (Royal College of Surgeons in Irlanda) in collaborazione con il laboratorio del Prof. Luke O’Neill al Trinity College di Dublino, è stato pubblicato negli Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze ( PNAS ), una rivista scientifica multidisciplinare internazionale leader.

( Vedi anche:Le tossine ambientali possono disturbare l’orologio biologico?).

La Dott.ssa Annie Curtis, docente di ricerca presso il Dipartimento di terapie molecolari e cellulari RCSI e autore senior dello studio, ha spiegato che: “I macrofagi sono cellule immunitarie chiave nei nostri corpi che producono questa risposta infiammatoria quando siamo feriti o malati. Queste cellule tuttavia, reagiscono in modo diverso a seconda dell’ora del giorno in cui si trovano ad affrontare un’infezione o un danno o quando si interrompe l’orologio biologico all’interno di queste cellule “.

Il Dr. Jamie Early, primo autore dello studio, ha dichiarato: “Abbiamo una serie di scoperte sull’impatto dell’orologio corporeo nei macrofagi su malattie infiammatorie come l’asma e la sclerosi multipla, ma i meccanismi molecolari sottostanti con cui l’orologio biologico controlla precisamente la risposta infiammatoria non erano ancora chiari. Il nostro studio dimostra che la proteina dell’ orologio centrale, BMAL1 regola i livelli della proteina di risposta antiossidante NRF2 per controllare una molecola infiammatoria chiave chiamata IL-1β dai macrofagi”.

“I risultati, sebbene in una fase preliminare, offrono nuove conoscenze sul comportamento delle condizioni infiammatorie come l’artrite e le malattie cardiovascolari che sono note per essere alterate dall’orologio biologico“, ha aggiunto il Dott. Early.

Finanziato dalla Science Foundation Ireland, la ricerca è stata intrapresa in collaborazione tra l’RCSI, il Trinity College di Dublino e il Broad Institute di Boston, negli Stati Uniti.

Fonte: EurekAlert

Altri articoli su infiammazione, orologio biologico