Colangite biliare primitiva: nuovo trattamento efficace

colangite biliare primitiva

I primi risultati del sub-studio POISE hanno confermato che il trattamento a lungo termine con acido obeticolico (OCA) porta all’inversione o alla stabilizzazione della fibrosi / cirrosi nei pazienti con colangite biliare primitiva (PBC ) che hanno avuto una risposta incompleta all’acido ursodesossicolico (UDCA). Questi risultati forniscono la prima evidenza che i miglioramenti nei marcatori biochimici della colangite biliare primitiva osservati in studi precedenti sono accompagnati da effetti anti-fibrotici in linea con quelli osservati in studi pre-clinici.

“Dai test clinici emerge una forte evidenza che l’acido obeticolico porta a significative riduzioni della fosfatasi alcalina (ALP) che migliorano i risultati clinici dei pazienti con colangite biliare primitiva che non rispondono adeguatamente o non tollerano l’ acido ursodesossicolico“, ha affermato il Dr. Christopher Bowlus l’Università della California, Davis negli Stati Uniti, che ha presentato i risultati dello studio oggi al The International Liver Congress ™ 2018 a Parigi.  “Questo studio offre la prima evidenza secondo cui l’ acido abeticolico è effettivamente una terapia che modifica la malattia”.

La colangite biliare primitiva è una malattia epatica autoimmune rara caratterizzata da distruzione biliare, colestasi progressiva e, infine, sviluppo di fibrosi, cirrosi e carcinoma epatocellulare (HCC).  Il trattamento medico primario per la colangite biliare primitiva è l’acido ursodesossicolico, tuttavia, fino al 40% dei pazienti ha una risposta insufficiente a questo trattamento e corre il rischio di complicanze potenzialmente letali.

L’acido obeticolico è un potente agonista del recettore del farnesoide X (FXR) che regola la sintesi e il trasporto degli acidi biliari. Due studi di fase 2 riportati in precedenza e uno studio  di fase 3 (POISE)  hanno confermato che l’acido obeticolico, principalmente in combinazione con l’acido ursodesossicolico, porta a significative riduzioni della fosfatasi alcalina sierica e miglioramenti in altri marcatori epatici biochimici, portando alla recente approvazione del trattamento da parte della Food and Drug Administration (FDA) statunitense.

Il sottoprogramma POISE ha coinvolto pazienti sottoposti a biopsie epatiche prima e dopo 3 anni di trattamento con acido obeticolico. Le biopsie sono state lette centralmente e valutate utilizzando un sistema di stadiazione a sei livelli (da nessuna fibrosi a cirrosi). Tredici pazienti – tutti sottoposti a trattamento con acido ursodesossicolico al basale – avevano biopsie abbinate che erano adeguate per l’analisi.

Al basale, nove dei 13 pazienti (69%) presentavano fibrosi pre-cirrotica e quattro (31%) cirrosi. All’ultima visita prima della biopsia finale, la fosfatasi alcalinan sierica è stata ridotta e i livelli di bilirubina diretta erano paragonabili al basale (variazioni mediane dal basale: -99 U / L e 0,0 μmol / L, rispettivamente). Dopo 3 anni di trattamento con l’acido obeticolico, la maggior parte dei pazienti ha mostrato un miglioramento (n = 6; 46%) o ha mantenuto (n = 5; 38%) lo stadio istologico, mentre due pazienti (15%) sono peggiorati. Dei quattro pazienti con cirrosi al basale, tre (75%) hanno migliorato la fibrosi durante il trattamento con OCA.

“L’ottantacinque per cento dei pazienti con PBC in questo studio, con una risposta incompleta all’acido UDCA, ha avuto regressione o nessun peggioramento della fibrosi o cirrosi dopo 3 anni di trattamento con l’acido obeticolico – un periodo di tempo durante il quale ci saremmo aspettati un certo grado di progressione della fibrosi”, ha affermato il Dr. Bowlus. L’acido obeticolico rappresenta il primo nuovo trattamento approvato per la colangite biliare primitiva dopo decenni e questi risultati supportano il potenziale dell’ acido obeticolico di rallentare la progressione della malattia in questo gruppo di pazienti che hanno il maggior bisogno di nuovi trattamenti. I risultati dello studio COBALT in corso determineranno se i miglioramenti biochimici dello studio POISE e i risultati istologici riportati qui si traducono in migliori risultati clinici “(NCT02308111).

“Sono in corso cambiamenti rilevanti per la gestione dei pazienti con PBC, per i quali l’acido ursodesossicolico è stata l’unica opzione di trattamento per un lungo periodo”, ha affermato il Prof. Marco Marzioni dell’Ospedale universitario di Ancona e membro del consiglio di amministrazione EASL. “Ora stanno arrivando nuovi farmaci e il primo di questi a essere disponibile, l’acido obeticolico, ha dimostrato di migliorare i marker surrogati della progressione della malattia. L’attuale studio, tuttavia, riporta la prima evidenza che l’OCA è anche in grado di fermare la deposizione di tessuto di collagene nel fegato, un risultato significativo per la storia naturale della colangite biliare primitiva”.

Fonte: EurekAlert

Altri articoli su colangite biliare primitiva