Cocktail con Cleopatra

birra


Scienziati israeliani hanno riesumato il lievito dalle antiche brocche di birra per ricreare una birra di 5000 anni fa.

Che tipo di birra bevevano i Faraoni? Nei tempi antichi, la birra era un ingrediente importante nella dieta quotidiana delle persone. Grandi poteri sono stati attribuiti alla birra nel mondo antico, in particolare per il culto religioso e le proprietà curative. La ceramica usata per produrre birra nell’antichità è servita da base per questa nuova ricerca condotta dal Dr. Ronen Hazan e dal Dr. Michael Klutstein, microbiologi della School of Dental Medicine presso l’Università ebraica di Gerusalemme (HUJI).

I ricercatori hanno esaminato le colonie di lievito che si formavano e si depositavano nei nano-pori della ceramica. Alla fine, sono riusciti a far risorgere questo lievito per creare una birra di alta qualità … che ha circa 5.000 anni.

Molti cuochi sono stati invitati per isolare gli esemplari di lievito dagli antichi detriti e ricreare con essi una birra. Per prima cosa gli scienziati hanno contattato i vignaioli della Kadma Winery. Questa azienda vinicola produce ancora vino in vasi di argilla, dimostrando che il lievito può essere tranquillamente rimosso dalla ceramica, anche se per anni era rimasto dormiente sotto il sole.

Il lievito è stato quindi fotografato dalla Dott.ssa Tziona Ben-Gedalya presso il centro di ricerca e sviluppo orientale della Ariel University. Dopo il suo primo esame, il team ha contattato gli archeologi Dr. Yitzhak Paz dell’Agenzia israeliana per le antichità (IAI), il Professor Aren Maeir presso l’Università di Bar Ilan e i Professori Yuval Gadot e Oded Lipschits dell’Università di Tel Aviv. Questi archeologi hanno fornito i frammenti di ceramica che erano stati usati come boccali di birra e idromele (vino del miele) in tempi antichi -che miracolosamente, avevano ancora conservato all’interno esemplari di lievito. Questi vasi risalgono al regno del faraone egiziano Narmer (circa 3000 aC), al re di Aramean Hazael (800 aEV) e al Profeta Nehemia (400 aEV) che, secondo la Bibbia, governava la Giudea sotto il dominio persiano.

I ricercatori, con l’aiuto dello studente HUJI Tzemach Aouizerat, hanno ripulito e sequenziato il genoma completo di ciascun campione di lievito e li hanno consegnati al Dott. Amir Szitenberg presso il centro scientifico Dead Sea-Arava per l’analisi. Szitenberg ha scoperto che queste colture di lievito di 5.000 anni sono simili a quelle usate nelle tradizionali miscele africane, come il tej etiope e al moderno lievito di birra.

Era giunto il momento di ricreare l’antico infuso. L’esperto locale di birra israeliana Itai Gutman ha aiutato gli scienziati a produrre la birra che è stata campionata dal Dr. Elyashiv Drori della Ariel University, così come da degustatori certificati del programma di certificazione internazionale della birra (BJCP), sotto la direzione del proprietario di birra Biratenu Shmuel Nakai. I tester hanno confermato che la birra è un prodotto di alta qualità e sicuro per il consumo.

Il Dr. Ronen Hazan, Scuola di Medicina Odontoiatrica dell’Università di Hadassah, dice: “La più grande meraviglia qui è che le colonie di lievito sono sopravvissute all’interno delle brocche per migliaia di anni – aspettando solo di essere scavate e cresciute. Questo antico lievito ci ha permesso di ricreare la birra e questo ci ha fatto conoscere il sapore dell’antica birra filistea ed egiziana. Ed a proposito, questa birra dei tempi del Faraone ricreata dagli scienziati, non è affatto male. Questa ricerca è estremamente importante nel campo dell’archeologia sperimentale, un campo che cerca di ricostruire il passato: la nostra ricerca offre nuovi strumenti per esaminare i metodi antichi e ci consente di gustare i sapori del passato “.

Il Dr. Yitzchak Paz, Autorità israeliana per le antichità dice: “Stiamo parlando di una vera svolta: è la prima volta che riusciamo a produrre l’alcol antico dal lievito antico. In altre parole, dalle sostanze originali da cui è stato prodotto l’alcol, cosa mai fatta prima”.

Il Prof. Aren Maeir, del Dipartimento di Studi e Archeologia di Israele dell’Università Bar-Ilan dice: “Queste scoperte dipingono un ritratto che supporta l’immagine biblica dei filistei ubriachi”.

Fonte, mBio


Altri articoli su birra