HomeSaluteCuore e circolazioneCoaguli: farmaco derivato dall'intestino di maiale li scongiura

Coaguli: farmaco derivato dall’intestino di maiale li scongiura

(Coaguli-Immagine Credit Public Domain).

Quando il corpo tenta di combattere un’infezione, le cellule immunitarie chiamate neutrofili possono sparare reti di proteine ​​​​tossiche simili a ragnatele per aiutare a contenere gli invasori. Tuttavia, quando non adeguatamente regolate, queste trappole extracellulari di neutrofili simili a reti, o NET, svolgono un ruolo nella formazione di coaguli di sangue e nel promuovere l’infiammazione per diverse malattie, tra cui COVID-19.

Utilizzando il raro farmaco chiamato Defibrotide, i ricercatori hanno recentemente riscontrato il suo successo nell’arrestare la formazione e la progressione dei NET nocivi. Il Defibrotide è una miscela complessa di brevi frammenti di DNA, purificati dalle cellule dell’intestino di maiale. Attualmente è usato per trattare i blocchi nei vasi sanguigni del fegato dopo il trapianto di cellule staminali.

- Advertisement -

Credito immagine: Justine Ross, Michigan Medicine

I NET contribuiscono in modo determinante alla coagulazione del sangue nei pazienti con una malattia autoimmune nota come sindrome da antifosfolipidi, comunemente indicata anche come APS. Il Defibrotide è stato segnalato per la prima volta come  possibile trattamento per una forma pericolosa per la vita di APS  circa 20 anni fa, ma il meccanismo era sconosciuto.

Ispirato da questa osservazione, un team di reumatologi della Michigan Medicine ha recentemente testato come il Defibrotide interagiva con le cellule immunitarie. I ricercatori hanno scoperto non solo che il trattamento ha soppresso i neutrofili dal rilascio di NET, ma ha anche ridotto la coagulazione del sangue a valle nei topi con APS.

- Advertisement -

I risultati dello studio sono stati pubblicati su Arthritis & Rheumatology.

Vedi anche:Milvexian efficace per la prevenzione dei coaguli

“Il trattamento è stato così efficace nel neutralizzare i NET e la trombosi che ha fatto sembrare e comportare i topi con APS come topi completamente sani”, ha affermato Jason Knight, MD, Ph.D., autore senior dell’articolo e Professore associato di reumatologia presso la Michigan Medicine.

“Questo potrebbe essere significativo per le forme più gravi di APS, i casi che portano le persone in Ospedale dove necessitano di cure di emergenza”, ha detto Knight. “I progressi sono stati bloccati su studi clinici adeguati data la scarsa comprensione dei meccanismi con cui il Defibrotide ha trattata l’APS”.

Il primo e unico caso di Defibrotide e APS è stato descritto 20 anni fa da Doruk Erkan, MDMPH, coautore dell’articolo e reumatologo presso l’Hospital for Special Surgery di New York City. “Questo studio è storico”, ha detto Erkan. “Due decenni dopo l’unico caso segnalato di uso di Defibrotide nell’APS catastrofico, abbiamo supporto scientifico su come potrebbe interferire con la trombosi associata all’APS“.

In uno studio complementare separato, pubblicato su  JCI Insight, il team di Knight ha scoperto che oltre al rilascio di NET, il Defibrotide neutralizzava efficacemente anche i NET una volta che si erano già formati. Il team ha scoperto che le proprietà biochimiche della molecola di Defibrotide la rendono ideale per legare gli istoni, uno dei tipi più tossici di proteine ​​presenti nei NET. Gli istoni sono noti per attivare il rivestimento dei vasi sanguigni e causare coaguli di sangue.

“Poiché la molecola di Defibrotide ha una carica negativa, è davvero efficace nel sopprimere gli istoni, fungendo da una sorta di spugna che assorbe questa parte tossica delle reti e quindi impedisce l’attivazione delle cellule dei vasi sanguigni”, ha detto Knight. “Questa proprietà del Defibrotide potrebbe avere un ampio uso per molte malattie in cui i NET causano infiammazione e coagulazione“.

Un esempio si è presentato l’anno scorso quando i ricercatori, incluso il gruppo di Knight, hanno scoperto che i pazienti COVID-19 più gravi avevano livelli più alti di NET. Le trappole extracellulari dei neutrofili a forma di rete svolgono anche ruoli dannosi in una varietà di altre malattie che vanno dalle condizioni autoimmuni al cancro.

“Mentre sono necessarie ulteriori ricerche, la speranza è che farmaci come il Defibrotide possano prevenire i tipi infiammatori di coagulazione del sangue, a volte chiamati immunotrombosi, in un modo che non aumenti il ​​rischio di sanguinamento”, ha detto Knight”.

Fonte: Università del Michigan

ULTIMI ARTICOLI

Paradosso biologico offre nuove intuizioni sul mistero del cancro

(Cancro-Immagine: Carlo Maley è ricercatore presso il Biodesign Center for Biocomputing, Security and Society presso l'Arizona State University.Credito: The Biodesign Institute presso l'Arizona State...

Malattie da prioni: come muoiono le cellule cerebrali

(Malattie da prioni-Immagine:neuroni cresciuti in coltura che esprimono una proteina prionica mutante (ciano) che causa malattie da prioni nell'uomo. Questi neuroni mostrano assoni rigonfi che...

Vaccinazione: cosa guida la scelta?

(Vaccinazione-Immagine: modello che collega le variabili di fondo non specifiche del COVID e quelle specifiche del COVID con i cambiamenti nell'intenzione di vaccinazione. Attestazione: PNAS). Nell'esaminare il...

Dolore cronico legato a differenze nella struttura cerebrale

Sapevi che la principale causa di disabilità nel mondo è il dolore cronico? Milioni e milioni di persone vivono la loro quotidianità segnata dal dolore. Non solo causa...

Malattia di von Hippel-Lindau: Belzutifan offre nuova speranza

(Malattia di von Hippel-Lindau-Immagine Credit Public Domain). I pazienti con malattia di von Hippel-Lindau, una condizione genetica causata da una mutazione nel gene VHL che...