Home Alimentazione & Benessere Il cioccolato causa dipendenza?

Il cioccolato causa dipendenza?

0
22

Sei uno dei milioni di persone che si definiscono un chocoholic? Ti senti le ginocchia deboli quando cammini davanti ad un negozio di cioccolato? Nascondi un pezzo di cioccolato nel cassetto in modo che nessuno lo troverà? Hai voglia di cioccolato  a mezzanotte ? Fin qui nessuna preoccupazione….

Il cioccolato effettivamente vi coinvolge, ed ecco perché: quando mangiamo cibi dolci o ad alto contenuto di grassi, il nostro cervello diventano felice come le nostre papille gustative. Cibi zuccherati e grassi, inducono il cervello a rilasciare la serotonina, che aiuta a stabilizzare i nostri stati d’animo e scongiurare la depressione. E poichè questi alimenti attivano i centri del piacere nel cervello, gli studi dimostrano che le persone possono diventare dipendenti da zucchero e grassi nella loro alimentazione. Alcuni dipendenti dal cioccolato addirittura mostrano caratteristiche simili a quelle dei tossicodipendenti, come voglia smisurata, mangiare irregolare, ansia e stati d’animo anormali [fonte:Collingwood ].

Diamo un’occhiata a ciò che la  scienza dice sulla dipendenza da cioccolato.

Tre componenti fondamentali costituiscono la dipendenza:

  1. Un intenso desiderio
  2. Una perdita di controllo sull’oggetto di tale desiderio
  3. L’uso continuato di tale oggetto, nonostante le conseguenze negative

Questi componenti descrivono la dipendenza e gli studi dimostrano che alcune persone possono avere questi comportamenti con alcuni alimenti. Gli studi hanno anche dimostrato un’ attività cerebrale simile tra i tossicodipendenti ed i partecipanti ad uno studio in presenza di frappè al cioccolato [fonte: Miller ]. Tuttavia, queste situazioni sono estreme e non rappresentano la maggioranza della popolazione.

Alcune ricerche individuano nella feniletilamina, un composto presente nel cioccolato, la causa della dipendenza. La feniletilamina è una sostanza chimica che imita la chimica del cervello di qualcuno in amore. Ma si possono trovare alte concentrazioni di feniletilammine anche in alimenti come il formaggio, mandorle e avocado.

Un altro studio condotto nel 1994 su alcuni amanti del cioccolato ha prodotto risultati interessanti. I partecipanti sono stati assegnati a mangiare cioccolato quando non avevano voglia di cioccolato. Alcuni pacchetti da consumare contenevano cioccolato, alcuni cioccolato bianco (che non contiene gli elementi attivi del cioccolato) e alcuni una capsula insapore piena di cacao. Con ragionamento scientifico, se il cioccolato è davvero coinvolgente, le capsule avrebbero dovuto colmare la necessità chocoholic. Ma non è stato così!! I partecipanti hanno scelto il cioccolato bianco al posto delle capsule, anche se non conteneva gli elementi attivi del cioccolato. [fonte: cioccolato Yoon ].

Il consenso generale è che noi desideriamo e cerchiamo il cioccolato, semplicemente perché ha un sapore davvero, davvero impressionante – non perché è coinvolgente. Molti di noi vedono il cioccolato come un piacere proibito e e questo aumenta la nostra voglia di cioccolato. Ed è anche per questo che ci sembra così coinvolgente!!

E ricordate, non c’è niente di sbagliato nell’essere indulgenti di tanto in tanto….