HomeSaluteMangiare cibo ultraprocessato accorcia i telomeri

Mangiare cibo ultraprocessato accorcia i telomeri

Immagine: Public Domain.

La ricerca ha dimostrato che i telomeri (TL), le regioni non codificanti dei cromosomi, sono i marcatori dell’età biologica nel materiale genetico. Oltre ai fattori genetici, diversi fattori dello stile di vita possono influenzare i telomeri, come l’attività fisica e il fumo. Ci sono stati studi che mostrano un’associazione tra dieta e lunghezza dei telomeri. 

Ora, un nuovo studio intitolato “Consumo di alimenti ultra trasformati e rischio di telomeri corti in una popolazione anziana del progetto Seguimiento Universidad de Navarra (SUN)“, viene presentato alla Conferenza europea e internazionale di quest’anno sull’obesità (ECOICO 2020 ), che si tiene online dall’ 1 al 4 settembre 2020.

- Advertisement -

Gli autori dello studio includevano Lucia Alonso-Pedrero, la Prof.ssa Maira Bes-Rastrollo e la Prof.ssa Amelia Marti, Università di Navarra, Pamplona, ​​Spagna. 

Vedi anche: Aggiungere alghe ai cibi trasformati riduce il rischio di malattie cardiovascolari

Di cosa tratta questo studio?

La dieta influenza i meccanismi di ossidazione e infiammazione. Questi cambiamenti ossidativi e processi infiammatori svolgono un ruolo nei marker biologici dell’età come i telomeri. Con ogni divisione cellulare, i telomeri si accorciano. Quindi con l’età, c’è un considerevole accorciamento dei telomeri.

I ricercatori hanno aggiunto che c’è un aumento vertiginoso del consumo di alimenti ultra-trasformati (UPF) in tutto il mondo e questi alimenti sono associati a diversi processi patologici come obesità, diabete e malattie cardiache. Questi alimenti sono altamente redditizi per i produttori grazie agli ingredienti a basso costo utilizzati nella produzione e alla lunga durata di conservazione.

- Advertisement -

Questo studio mirava a verificare un’associazione tra il consumo di UPF e il rischio di avere telomeri più corti negli anziani. Questo obiettivo faceva parte del progetto Seguimiento Universidad de Navarra (SUN).

Non ci sono stati in precedenza, studi che hanno cercato l’associazione del consumo di UPF e TL utilizzando la classificazione NOVA. Questo è stato il primo studio del genere. “La classificazione NOVA”, hanno scritto i ricercatori, è il “sistema di classificazione basato sulla natura, l’estensione e lo scopo della lavorazione industriale degli alimenti”.

Cosa è stato fatto?

“Questo è stato uno studio trasversale”, hanno scritto i ricercatori. Ciò significa che un totale di 886 partecipanti, compresi 645 uomini, sono stati inclusi nello studio. I partecipanti avevano un’età compresa tra 59 e 71 anni e sono stati reclutati nel progetto SUN in Spagna tra il 1999 e il 2018.

Dai partecipanti, sono stati raccolti campioni di saliva e la lunghezza dei telomeri è stata misurata utilizzando qPCR in tempo reale al basale. Utilizzando un questionario alimentare di 136 voci, sono stati raccolti dati sul consumo di alimenti ultra trasformati. Gli autori hanno esaminato l’associazione tra il consumo di UPF e il rischio di avere telomeri corti. Il consumo di UPF è stato classificato in quattro quartili: basso, medio-basso, medio-alto e alto. L’accorciamento della lunghezza dei telomeri è stato misurato come inferiore al 20 ° percentile della popolazione.

Cosa è stato trovato?

I risultati hanno rivelato che i partecipanti che avevano il più alto consumo di UPF avevano il doppio del rischio di avere telomeri corti rispetto a quelli con il più basso consumo di UPF. Il team scrive: “I partecipanti con il più alto consumo di UPF hanno quasi raddoppiato il rischio di avere telomeri corti”.

I ricercatori hanno anche notato che coloro che non aderivano alla dieta mediterranea consumavano più UPF. Hanno scritto: “I latticini, le carni lavorate, i dolci e i biscotti erano i principali alimenti che contribuiscono al consumo totale di UPF“. Coloro che erano nell’alto quartile del consumo di UPF avevano anche una storia familiare di malattie cardiache, diabete, grassi corporei anormali e avevano anche l’abitudine di fare spuntini tra i pasti. Consumavano più grassi saturi, grassi totali, grassi polinsaturi, colesterolo, fast food, sodio, carni lavorate, ecc. E mangiavano meno proteine, carboidrati, fibre, olio d’oliva, frutta, verdura, micronutrienti come minerali e vitamine.

Con l’aumento del consumo di UPF, anche le possibilità di avere telomeri accorciati sono aumentate in modo significativo. Con ciascuno dei quartili sopra il più basso, c’è stato un aumento dell’accorciamento dei telomeri del 29%, 40% e 82% rispettivamente per i gruppi di consumo UPF “medio-basso”, “medio-alto” e “alto”. Inoltre, quelli che consumavano più UPF erano anche a maggior rischio di depressione. Ciò era particolarmente vero per coloro che avevano livelli inferiori di attività fisica. Anche il rischio di altre condizioni come ipertensione, obesità, decessi per qualsiasi causa (mortalità per tutte le cause) è aumentato con il consumo di UPF.

Conclusioni

I ricercatori hanno scritto in conclusione: “Un consumo più elevato di UPF (> 3 porzioni / giorno) è stato associato a un rischio più elevato di avere telomeri più corti in una popolazione spagnola anziana del progetto SUN“. Hanno chiesto più studi che seguissero i soggetti per decenni per vedere se ci sono cambiamenti significativi nella lunghezza dei telomeri con il consumo a lungo termine di UPF rispetto a coloro che non consumavano cibi trasformati e avevano una dieta più sana.

ULTIMI ARTICOLI

Il multivitaminico quotidiano può essere un’abitudine non necessaria

(Multivitaminico-Immagine Credit Public Domain). Una persona su tre ingurgita un multivitaminico ogni mattina, probabilmente con un sorso d'acqua. La verità su questa abitudine popolare può...

Alzheimer: come l’intestino contribuisce allo sviluppo

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La ricerca guidata dai Dott. Yuhai Zhao e Walter J Lukiw del LSU Health New Orleans Neuroscience Center e dei Dipartimenti...

COVID 19: terapia inalatoria blocca la replicazione virale

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università della California, a Berkeley, hanno creato un nuovo terapeutico COVID-19 che potrebbe un giorno rendere il trattamento...

Asma: trovato un potenziale trattamento a lungo termine

(Asma-Immagine Credit Public Domain). Un possibile modo per affrontare una delle cause alla base dell'asma è stato sviluppato dai ricercatori dell'Aston University e dell'Imperial College...

Cancro al seno: un nuovo farmaco riduce le metastasi cerebrali

(Cancro al seno-Immagine:grafico a cascata delle risposte nei pazienti valutabili per la risposta in base ai criteri RANO-BM nello studio TUXEDO-1. Le barre blu illustrano...