HomeSaluteTumoriCancro intestinale: efficaci i farmaci per la leucemia

Cancro intestinale: efficaci i farmaci per la leucemia

(Cancro intestinale-Immagine Credit Public Domain).

I farmaci che vengono sperimentati per curare la leucemia potrebbero essere utilizzati anche per combattere il cancro intestinale dopo una svolta degli scienziati dell’Hudson Institute of Medical Research.

In una prima mondiale, i ricercatori hanno scoperto che i farmaci utilizzati per combattere la leucemia potrebbero essere potenzialmente utilizzati per combattere il cancro dell’intestino, utilizzando la tecnologia di screening genetico CRISPR.

- Advertisement -

I ricercatori stavano usando CRISPR per identificare nuovi bersagli per il cancro intestinale quando si sono resi conto che il gene KMT2A, solitamente associato alla leucemia mieloide acuta, promuove il cancro intestinale. Lo fa alimentando la crescita incontrollata del tumore e incoraggiando la capacità delle cellule tumorali di “auto-rinnovarsi”, impedendo al tumore la regressione o la differenziazione.

I ricercatori hanno quindi testato due agenti che inibiscono KMT2A e hanno scoperto che bloccano la crescita del cancro intestinale e l’auto-rinnovamento, con pochissimi danni alle cellule normali. Questi inibitori sono molto simili ad altri attualmente in fase di sperimentazione clinica per il trattamento della leucemia. “Prendere di mira questo gene KMT2A, inverte l’aggressività delle cellule tumorali intestinali e le rieduca a diventare cellule normali“, ha affermato il Dott. Chunhua Wan, primo autore dell’articolo pubblicato su Science Advances.

Vedi anche:Cancro intestinale: biomarcatore predice la recidiva

Spiegano gli autori:

- Advertisement -

Il cancro del colon-retto (CRC) rappresenta una delle principali neoplasie maligne e una delle principali cause di morte per cancro in tutto il mondo. La via aberrante Wnt/β-catenina svolge un ruolo fondamentale nella carcinogenesi del colon. La β-catenina citoplasmatica è fosforilata da un complesso proteico contenente poliposi adenomatosa (APC), AXIN1 o AXIN2, caseina chinasi 1α (CK1α) e glicogeno sintasi chinasi-3β (GSK3β), che porta alla distruzione della β-catenina attraverso il sistema ubiquitina-proteasoma. Il legame Wnt ai recettori della proteina 5/6 (LRP5/6) correlata al recettore LDL provoca lo smontaggio del complesso di distruzione della -catenina e il conseguente accumulo di -catenina. La -catenina quindi entra nel nucleo e si lega ai fattori di trascrizione del fattore di cellule T/fattore potenziatore linfoide (TCF/LEF) per avviare la trascrizione dei bersagli a valle della -catenina. Quasi tutti i tumori del colon-retto (CRC) ospitano mutazioni genetiche che portano all’iperattivazione della segnalazione della -catenina. Ad esempio, mutazioni germinali o spontanee nell’APC oncosoppressore possono causare l’attivazione costitutiva della -catenina nelle cellule staminali del colon e lo sviluppo di polipi del colon, che possono eventualmente evolvere in carcinomi del colon-retto. La -catenina iperattivata avvia l’espressione di vari bersagli a valle attraverso il legame alle regioni promotrici tramite fattori di trascrizione TCF/LEF. Gli studi che utilizzano approcci trascrittomici hanno caratterizzato vari bersagli sensibili alla -catenina , come cMYC , AXIN2 , ASCL2 , LGR5 e CD44. Collettivamente, questi bersagli promuovono la proliferazione (ad esempio, cMYC ) e mantengono uno stato di cellule staminali (ad esempio, LGR5 e ASCL2 ), evidenziando il potenziale valore dello sviluppo di trattamenti che mirano alla segnalazione della β-catenina nel cancro. Tuttavia, la stessa β-catenina è un bersaglio farmacologico intrattabile. Inoltre, i meccanismi alla base della trascrizione guidata dalla -catenina rimangono in gran parte sfuggenti, sottolineando la necessità di identificare i componenti trattabili terapeuticamente dell’output trascrizionale della -catenina”.

Come funziona la terapia mirata contro il cancro intestinale

La terapia mirata è un modo relativamente nuovo di trattare il cancro intestinale. Ha molti vantaggi rispetto alle terapie convenzionali come la chemioterapia e la radioterapia, poiché colpisce solo le cellule tumorali, è meglio tollerato dai pazienti e ha meno effetti collaterali.

“A causa delle limitate opzioni terapeutiche, i pazienti con cancro intestinale, specialmente quelli diagnosticati in fasi avanzate, hanno esiti molto scarsi. I nostri risultati possono aprire la strada allo sviluppo di nuove terapie mirate e beneficiare del trattamento dei pazienti con cancro intestinale”, ha affermato il Professore associato Ron Firestein.

A proposito di cancro intestinale

  • Il cancro intestinale è il secondo cancro più mortale nella popolazione generale australiana
  • A circa 300 australiani viene diagnosticato un cancro all’intestino ogni settimana e più di 100 australiani muoiono a causa della malattia
  • Le donne australiane hanno un rischio dell’otto percento e gli uomini hanno un rischio del 10 percento di sviluppare il cancro intestinale.
Fonte: Science

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...