Home Salute Tumori Cancro del pancreas: la vitamina A rende più efficace il trattamento

Cancro del pancreas: la vitamina A rende più efficace il trattamento

Immagine: cellule tumorali pancreatiche coltivate in coltura, SEM. Credito: Anne Weston, Francis Crick Institute. Attribution-NonCommercial 4.0 International (CC BY-NC 4.0).

Una combinazione che prevede l’aggiunta di una forma di vitamina A all’attuale regime di trattamento standard per il cancro del pancreas è sicura per i pazienti, secondo uno studio clinico di fase iniziale condotto dalla Queen Mary University di Londra.

Ci sono circa 10.300 nuovi casi di cancro al pancreas diagnosticati nel Regno Unito ogni anno e sebbene questo rappresenti solo il 3% dei casi totali di cancro, il cancro del pancreas ha il tasso di sopravvivenza più basso di tutti i tumori comuni. Sfortunatamente, ogni anno uccide circa 9.200 persone e solo il 7% circa di coloro a cui è stato diagnosticato questo tipo di cancro sopravvive per cinque anni o più. Si ritiene che entro il 2030 il cancro del pancreas sarà la seconda causa più comune di mortalità per cancro (dopo il cancro ai polmoni).

La chemioterapia e la radioterapia da sole sono relativamente infruttuose nel trattamento del cancro del pancreas, e mentre la chirurgia per rimuovere il tumore offre le migliori possibilità di sopravvivenza, una mancanza di sintomi nelle prime fasi della malattia significa che la maggior parte dei pazienti viene diagnosticata quando il cancro è avanzato. È necessario un nuovo approccio in grado di colpire il cancro in modo più efficace.

Vitamina A nella lotta contro il cancro del pancreas

STARPAC è stato lanciato a seguito di una ricerca condotta dal laboratorio del Professor Kocher che ha scoperto che l’uso di ATRA per trattare un particolare tipo di cellula, nota come cellule stellate, all’interno di tumori pancreatici, limita la crescita del tumore. Le cellule stellate hanno un ruolo importante nella normale formazione dei tessuti; tuttavia, si corrompono nel cancro e aiutano a formare una barriera impenetrabile, nota come stroma, attorno al tumore pancreatico.

Si è scoperto che il trattamento delle cellule stellate con ATRA (un farmaco preesistente utilizzato per il trattamento dell’acne e di alcuni tipi di leucemia) ripristina il contenuto di vitamina A delle cellule, convertendole da cellule che promuovono il tumore a cellule che hanno un effetto protettivo. Combinando questo farmaco con la chemioterapia in modelli preclinici, il team è riuscito a interrompere la comunicazione tra le cellule tumorali e le cellule stromali circostanti, portando a una riduzione della proliferazione e dell’invasione delle cellule tumorali.

Vedi anche: Nuovo bersaglio farmacologico per il cancro del pancreas

Hemant Kocher, Professore di Chirurgia del fegato e del pancreas presso il Queen Mary’s Barts Cancer Institute (BCI) e Consultant Liver and Pancreas Surgeon presso Barts Health NHS Trust, ha dichiarato: “È notevole dimostrare che i cambiamenti nello stroma (o tessuto cicatriziale) che circonda il cancro può essere utilizzato per modificare potenzialmente il comportamento del cancro del pancreas. Questa prova di principio che lo stroma può essere mirato nei pazienti è una scoperta nuova ed entusiasmante e questo approccio può essere applicato anche ad altri tumori e malattie in cui lo stroma ha un ruolo fondamentale nella progressione della malattia”.

Lo studio è stato condotto in collaborazione con l’Institute of Cancer Research, Londra e il Cancer Research UK Cambridge Institute e finanziato dal Medical Research Council (MRC) con il supporto di Celgene Corporation.

Nuova sperimentazione clinica di fase II per il cancro del pancreas

In seguito a STARPAC, l’MRC assegnerà 1,5 milioni di sterline ad una sperimentazione clinica di fase II che si prefigge di determinare se l’aggiunta di ATRA all’attuale chemioterapia standard possa migliorare l’esito del trattamento nel cancro del pancreas. La borsa di studio MRC sarà accompagnata da circa 1 milione di sterline forniti da Celgene.

Guidato dal Professor Kocher, il team spera che lo studio STARPAC2 possa portare alla realizzazione di una nuova opzione di trattamento vitale per i pazienti con cancro del pancreas.

Il team si impegna affinché STARPAC2 sia aperto in almeno 16 centri del Regno Unito per reclutare pazienti con cancro del pancreas localmente avanzato, ovvero casi in cui il cancro è troppo avanzato per la rimozione chirurgica, ma non si è ancora diffuso ad altri organi. In definitiva, il team spera che per alcuni pazienti questa nuova combinazione di trattamento riduca il tumore al punto in cui è possibile un intervento chirurgico per rimuovere il tumore rimanente.

Fonte: Nature Communications 

ULTIMI ARTICOLI

Come i resti di virus antichi modellano la risposta immunitaria dei nostri giorni

Immagine:virus preistorico trovato sotto i ghiacciai della Siberia. Credit: Public Domain. Perché alcune persone sono più resistenti ai virus di altre? La risposta è sfuggita agli...

Inaspettato vantaggio dall’ E. coli: aiuta le cellule ad assorbire il ferro

Meglio conosciuto come un agente patogeno che causa intossicazione alimentare o sottrae sostanze nutritive al suo ospite, il batterio E. coli svolge in realtà un ruolo fondamentale...

Anemia falciforme: diagnosi in tempi record con nuova tecnologia

Immagine: Credit:Università del Colorado Boulder. L'anemia falciforme, richiede tradizionalmente un'intera giornata, un noioso lavoro di laboratorio e costose apparecchiature per la diagnosi, ma i ricercatori...

Le bioplastiche sono tossiche quanto le altre plastiche

La plastica convenzionale è prodotta dal petrolio. La produzione di plastica non è sostenibile e può contenere sostanze che sappiamo essere pericolose se ingerite. Negli ultimi...

Sfruttare i leucociti contro la cirrosi

Immagine:Public Domain. Esaminando il sistema immunitario sulla cirrosi scompensata In pazienti con cirrosi acuta scompensata, la somministrazione di albumina sierica umana (HSA) ha dimostrato di ridurre...