HomeSaluteTumoriCancro del colon: successo di una nuova terapia combinata

Cancro del colon: successo di una nuova terapia combinata

(Cancro del colon-Immagine:Credito: Nano Lettere (2022). DOI: 10.1021/acs.nanolett.2c01328).

Una nuova terapia combinata per combattere il cancro del colon, potrebbe un giorno consistere in un virus vegetale e un anticorpo che attiva le cellule “natural killer” del sistema immunitario, secondo uno studio dei ricercatori dell’Università della California di San Diego.

Nei modelli murini di cancro del colon, la terapia combinata ha eliminato tutti i tumori e ne ha prevenuto la recidiva, che a sua volta ha portato a una sopravvivenza del 100%. La terapia ha anche aumentato la sopravvivenza nei modelli murini di melanoma.

- Advertisement -

Il lavoro è riportato in un articolo pubblicato il 17 giugno su Nano Letters.

 Il compito delle cellule natural killer è mirare e distruggere le cellule tumorali, rilasciando così molecole chiamate antigeni che il sistema immunitario può riconoscere e produrre anticorpi contro di esse.

Il problema è che non ci sono abbastanza cellule natural killer dentro o vicino ai tumori, per essere efficaci. E quelle che sono nei tumori non possono fare il loro lavoro perché le cellule tumorali possono secernere molecole che si legano alle cellule natural killer e le sopprimono.

La terapia risolve questi problemi utilizzando due ingredienti chiave: il virus del mosaico del fagiolo dall’occhio, che è un virus vegetale che infetta i legumi, ma è innocuo per gli animali e l’uomo e un anticorpo chiamato anti-4-1BB. Il virus del mosaico del fagiolo dall’occhio ha una capacità speciale di attirare le cellule natural killer nel microambiente tumorale , mentre l’anti-4-1BB si lega ai recettori su queste cellule per farle uscire dal loro stato immunosoppresso. Unendo le forze, il virus della pianta e l’anticorpo non solo attirano una folla abbastanza grande di cellule killer naturali verso i tumori, ma li attivano anche per attaccarli.

- Advertisement -

“Con una terapia combinata, miglioriamo significativamente la risposta al cancro“, ha affermato l’autrice senior dello studio Nicole Steinmetz, Prof.ssa di nanoingegneria e Direttrice del Center for NanoImmunoEngineering presso la UC San Diego Jacobs School of Engineering. “I tumori funzionano manipolando il corpo attraverso più percorsi. Quando ci imbattiamo in più percorsi, combinando diversi agenti terapeutici (virus del mosaico del fagiolo dall’occhio e anti-4-1BB), otteniamo risultati migliori“.

“Oggi il cancro non viene trattato con un solo farmaco, ma richiede un approccio su più fronti. Il nostro lavoro si avvale di diverse strategie per attivare il sistema immunitario innato e distruggere i tumori. Questo può quindi avviare una risposta immunitaria adattativa per aiutare a prevenire la recidiva del tumore “, ha detto il primo autore dello studio Edward (Ted) Koellhoffer, radiologo presso la UC San Diego Health e del laboratorio di Steinmetz.

I ricercatori hanno prima testato la loro terapia combinata su modelli murini di cancro al colon. Il regime di trattamento consisteva in un’iniezione settimanale di virus del mosaico del fagiolo dall’occhio e due iniezioni settimanali di anti-4-1BB. Le iniezioni sono state somministrate nelle cavità addominali dei topi per tre settimane. Tutti i topi a cui è stata somministrata la terapia di combinazione hanno sperimentato la completa eliminazione del tumore e sono sopravvissuti per almeno 90 giorni. Quando a questi topi sono state  successivamente provocate recidive del cancro del colon, anche i nuovi tumori sono stati eliminati e tutti i topi sono sopravvissuti. I ricercatori hanno anche testato il virus del mosaico del fagiolo dall’occhio come terapia da sola e, sebbene mostrasse potenza, la terapia combinata ha dimostrato più sinergia e ha superato qualsiasi controllo.

Vedi anche:Cancro del colon-retto: l’aspirina ne altera l’evoluzione

“La cosa notevole è che i topi trattati acquisiscono una memoria immunologica, il che significa che il loro sistema immunitario ricorda le cellule tumorali e può attaccarle da solo quando il cancro riappare“, ha detto Koellhoffer.

I ricercatori hanno testato lo stesso regime di trattamento su modelli murini di melanoma. Anche in questo caso, la terapia combinata ha ridotto la crescita del tumore e ha protetto i topi sopravvissuti dalla recidiva della malattia quando sono stati ritrattati con il melanoma.

“Sebbene la terapia di combinazione fosse più impressionante nel modello del cancro del colon, il miglioramento è stato osservato anche nel modello del melanoma”, ha affermato Steinmetz. “Sulla base dei dati, sono necessarie ulteriori ricerche per capire se questa terapia è efficace contro un’ampia gamma di tumori o se il vero potenziale è per la malattia disseminata intraperitoneale”.

Il team di Steinmetz ha in programma di esplorarlo ulteriormente le potenzialità di questa terapia combinata e sperano che getti le basi per un vaccino contro il cancro in situ.

Fonte:Nano Letters 

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...