HomeSaluteTumoriCancro al seno: intestino malsano pone le basi per la diffusione

Cancro al seno: intestino malsano pone le basi per la diffusione

(Cancro al seno-Immagine:Credito: Unsplash/CC0 di dominio pubblico).

“Un intestino malsano innesca cambiamenti nel normale tessuto mammario che aiutano il cancro al seno a diffondersi ad altre parti del corpo”, rivela una nuova ricerca dell’UVA Cancer Center.

Il microbioma intestinale, la raccolta di microbi che vivono naturalmente dentro di noi, può essere interrotto da una dieta scorretta, dall’uso di antibiotici a lungo termine, dall’obesità o da altri fattori. “Quando ciò accade, il microbioma malato riprogramma importanti cellule immunitarie nel tessuto mammario sano, chiamate mastociti, per facilitare la diffusione del cancro”, mostra la nuova scoperta di UVA Health

- Advertisement -

La scoperta potrebbe aiutare gli scienziati a sviluppare modi per evitare che il cancro al seno metastatizzi (diffondendosi ad altre parti del corpo). Quando lo fa, è spesso mortale: solo il 29% delle donne con carcinoma mammario metastatico sopravvive cinque anni; per gli uomini con carcinoma mammario metastatico, quella cifra è solo del 22%.

“La scoperta potrebbe anche consentire ai medici di prevedere quali pazienti sono a maggior rischio di recidiva del cancro dopo il trattamento”, affermano gli scienziati dell’UVA.

“Mostriamo come la disbiosi commensale intestinale, un microbioma intestinale malsano e infiammatorio, modifica sistematicamente i tessuti mammari dei topi che non hanno il cancro. I cambiamenti tissutali migliorano l’infiltrazione dei mastociti che, in presenza di un tumore, facilitano la metastasi del tumore al seno”, ha affermato la ricercatrice Melanie R. Rutkowski, Ph.D., dell’UVA Cancer Center e della University of Virginia School of Medicine.

“I mastociti reclutati nell’ambiente tissutale durante la disbiosi ristrutturano l’architettura del tessuto in modo tale che le cellule tumorali metastatizzino ad altri organi”.

- Advertisement -

Il microbioma e il cancro al seno

Rutkowski è stato un pioniere nello svelare la sorprendente relazione tra la salute dell’intestino e il cancro al seno. Il suo ultimo lavoro rivela complesse interazioni tra i nostri microbi intestinali e i mastociti nel seno. I mastociti sono cellule del sangue che aiutano a regolare la risposta immunitaria del corpo alle malattie e agli allergeni. Il nuovo lavoro di Rutkowski suggerisce che il microbioma intestinale può influenzare sistematicamente il comportamento e la funzione dei mastociti in presenza di tumori.

Rutkowski e il suo team hanno scoperto che un microbioma malsano ha causato l’accumulo di mastociti nel seno. Questi cambiamenti sono continuati dopo la formazione del tumore in un modello murino di cancro al seno positivo al recettore ormonale, rendendo il tessuto mammario un terreno di lancio privilegiato per le incursioni del cancro in altre parti del corpo.

Vedi anche:Cancro al seno: il collagene è un attore chiave

Inoltre, gli scienziati hanno scoperto che i mastociti aumentavano la quantità di collagene nel tessuto mammario dei topi e stimolavano la diffusione precoce del cancro. Il blocco del processo che ha portato all’accumulo di mastociti ha impedito entrambi, riducendo significativamente la diffusione del tumore ai polmoni.

Sulla base dei risultati di laboratorio, i ricercatori hanno esaminato campioni di tessuto prelevati da pazienti umani con carcinoma mammario positivo ai recettori ormonali. Hanno scoperto che questi pazienti, come i topi, avevano un numero maggiore di mastociti e un aumento dei depositi di collagene. Il numero di mastociti era correlato alla quantità di collagene e, in particolare, al rischio di recidiva del cancro al seno dei pazienti.

“I mastociti hanno avuto un ruolo controverso nel cancro al seno, con alcuni studi che hanno identificato una correlazione positiva con l’esito mentre altri hanno identificato associazioni negative”, ha affermato Rutkowski, del Dipartimento di microbiologia, immunologia e biologia del cancro dell’UVA. “La nostra indagine suggerisce che per definire meglio la relazione tra mastociti e rischio di metastasi del tumore al seno, dovremmo considerare gli attributi funzionali dei mastociti, la densità del collagene tissutale e la posizione dei mastociti rispetto al tumore”.

“In definitiva”, afferma, “i medici potrebbero essere in grado di indirizzare la relazione intestino-mastociti nei pazienti con cancro al seno per aiutare a prevenire la recidiva e la diffusione del cancro. Potrebbero anche essere in grado di utilizzare la scoperta per identificare i pazienti a rischio di recidiva, consentendo loro di personalizzare la strategia di trattamento per la prevenzione della malattia metastatica”.

“La medicina personalizzata in oncologia è un approccio promettente per facilitare risultati migliori per i pazienti”, ha affermato il ricercatore Tzu-Yu Feng, Ph.D., il primo autore di un nuovo articolo scientifico che delinea i risultati. “La nostra ricerca sull’asse intestino-mastociti ha identificato possibili punti di intervento che potrebbero essere presi di mira per un approccio personalizzato alla terapia. L’obiettivo finale sarebbe quello di migliorare la sopravvivenza dei pazienti con diagnosi di cancro al seno“.

Rutkowski ei suoi collaboratori hanno pubblicato i loro risultati in Cancer Immunology Research.

Fonte: Cancer Immunology Research 

 

 

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...