HomeSaluteVirus e parassitiBiomarcatore rileva precocemente COVID-19 grave

Biomarcatore rileva precocemente COVID-19 grave

(COVID-19: Immagine Credit Public Domain).

I casi gravi di COVID-19 possono ora essere rilevati in una fase precoce. I ricercatori dell’Università di Zurigo hanno identificato il primo biomarcatore in grado di prevedere in modo affidabile quali pazienti svilupperanno sintomi gravi. Questo può aiutare a migliorare il trattamento dei casi gravi di COVID-19.

La maggior parte delle persone infette da SARS-CoV-2 non sviluppa sintomi o sviluppa solo lievi sintomi. Tuttavia, alcuni pazienti soffrono di gravi complicazioni potenzialmente letali di COVID-19 e richiedono cure mediche intensive e un ventilatore per respirare. Molti di questi pazienti alla fine soccombono alla malattia o subiscono significative conseguenze sulla salute a lungo termine. Per identificare e trattare questi pazienti in una fase iniziale, sono necessari biomarcatori predittivi in ​​grado di riconoscere coloro che sono a rischio di sviluppare COVID-19 grave.

- Advertisement -

Lo studio è stato pubblicato su Immunity.

Primo biomarcatore per predire la gravità di COVID 19

  • Un team guidato dal Professor Burkhard Becher dell’Istituto di Immunologia sperimentale dell’Università di Zurigo, in collaborazione con ricercatori di Tubinga, Tolosa e Nantes, ha ora scoperto un tale biomarcatore: il numero di cellule T natural killer nel sangue. Queste cellule sono un tipo di globuli bianchi e fanno parte della risposta immunitaria precoce. “Il numero di cellule T natural killer nel sangue può essere utilizzato per prevedere casi gravi di COVID-19 con un alto grado di certezza, anche il primo giorno di ricovero di un paziente in Ospedale“, afferma Burkhard Becher.

Il nuovo test dei biomarcatori aiuta i medici a decidere quali misure organizzative e terapeutiche devono essere adottate per i pazienti con COVID-19, come il trasferimento in terapia intensiva, la frequenza delle misurazioni dell’ossigeno, il tipo di terapia e l’inizio del trattamento. “I biomarcatori predittivi sono molto utili per prendere queste decisioni. Aiutano i medici a fornire ai pazienti che soffrono di sintomi gravi la migliore assistenza possibile”, afferma Stefanie Kreutmair, prima autrice dello studio. “I nostri risultati consentono anche di indagare su nuove terapie contro COVID-19”.

Vedi anche:Covid 19: situazione nel mondo-31 maggio

Con l’aiuto dell’alta tecnologia

Il rapido deterioramento della salute dei pazienti COVID-19 è causato da una reazione eccessiva del sistema immunitario del corpo. “Il corpo produce piccole proteine ​​chiamate citochine a una velocità molto più elevata in questi pazienti che porta a una ‘tempesta di citochine’ e innesca un’infiammazione massiccia. Le cellule immunitarie invadono i polmoni, dove interrompono lo scambio di gas“, spiega Becher. Per rilevare le cellule immunitarie e le citochine nei campioni dei pazienti, i ricercatori dell’UZH hanno utilizzato la citometria. Questa tecnologia consente ai ricercatori di caratterizzare molte proteine ​​di superficie e intracellulari in milioni di singole cellule e di elaborarle utilizzando algoritmi informatici.

Decifrata la firma immunitaria specifica per COVID-19

- Advertisement -

Molti altri agenti patogeni oltre a SARS-CoV-2 possono causare polmonite e quindi innescare una risposta immunitaria. La risposta immunitaria innescata da COVID-19 è stata ampiamente studiata, ma fino ad oggi l’esatta natura della risposta immunitaria al SARS-CoV-2 non è stata chiarita. Per caratterizzare questa risposta, i ricercatori hanno anche analizzato campioni di sangue di pazienti con polmonite grave causata da un agente patogeno diverso dal nuovo coronavirus. Confrontando le risposte immunitarie nei pazienti COVID-19 con quelle del gruppo di controllo, i ricercatori sono stati in grado di determinare le caratteristiche uniche della risposta immunitaria SARS-CoV-2.

“Le risposte immunitarie alle varie polmoniti sono molto simili e fanno parte della risposta infiammatoria generale dell’organismo, come spesso si osserva nei pazienti in terapia intensiva. Quando si tratta di COVID-19, tuttavia, le cellule T e le cellule natural killer mostrano un comportamento unico e descrivono una sorta di schema nel sistema immunitario: la firma immunitaria specifica per COVID-19“, spiega Becher.

Fonte:Immunity

ULTIMI ARTICOLI

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...

Singhiozzo: pronta una strategia per intervenire

(Singhiozzo-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università del Texas Health Science Center di San Antonio (UT Health San Antonio) e colleghi di tutto il mondo...