Bassi livelli plasmatici di acidi grassi omega 3 associati alla nascita pretermine

acidi grassi omega 3,nascita pretermine

 Le donne in gravidanza che avevano bassi livelli plasmatici di acidi grassi omega 3 nei primi e secondi trimestri, avevano un rischio significativamente più elevato di parto prematuro rispetto alle donne che avevano livelli più alti di questi acidi grassi, secondo nuova ricerca dalla Harvard TH Chan School of Public Health in collaborazione con Statens Serum Institut di Copenhagen.

 Lo studio suggerisce che basse concentrazioni di alcuni acidi grassi a catena lunga – acido eicosapentaenoico e acido docosaesaenoico (EPA + DHA) – possono essere un forte fattore di rischio per il parto prematuro.

“In un momento in cui molte donne incinte ascoltano messaggi che incoraggiano a evitare l’assunzione di pescea causa del contenuto di mercurio, i nostri risultati supportano l’importanza di garantire un’adeguata assunzione di acidi grassi omega-3 a catena lunga in gravidanza. Lo scorso anno l’Agenzia statunitense per la sicurezza alimentare e la tossicodipendenza e l’ambiente ha fatto scelte informate sui migliori tipi di pesce da consumare ed evitare in gravidanza “, ha detto l’autore principale Sjurdur F. Olsen, Professore aggiunto di nutrizione presso la Harvard Chan School e responsabile del Centro per la programmazione fetale presso Statens Serum Institut di Copenhagen, in Danimarca.

Lo studio è stato pubblicato online il 3 agosto 2018 in EBioMedicine.

La nascita pretermine è una delle principali cause di morte neonatale ed è associata a deficienze cognitive e problemi cardiometabolici più tardi nella vita tra i sopravvissuti. Per decenni, è stato ipotizzato che un’elevata assunzione di EPA + DHA, che si trova in pesci d’acqua fredda come sgombro, acciughe, salmone e tonno e anche in specie come il merluzzo, può ridurre il rischio di nascita prematura. Mentre alcuni studi hanno supportato questa ipotesi, altri sono stati incoerenti.

( Vedi anche: Acidi grassi omega 3 favoriscono la salute dell’intestino).

Per questo nuovo studio, i ricercatori hanno esaminato i dati della Danish National Birth Cohort, uno studio nazionale che segue 96.000 bambini in Danimarca attraverso questionari. Hanno analizzato campioni di sangue da 376 donne che hanno dato alla luce bambini molto prematuramente (prima delle 34 settimane di gestazione) tra il 1996 e il 2003 e 348 donne che hanno avuto un parto a termine. A tutte le donne sono stati prelevati campioni di sangue durante il loro primo e secondo trimestre di gravidanza.

L’analisi dei campioni di sangue hanno mostrato che le donne che erano nel quintile più basso dei livelli sierici di EPA + DHA – con livelli di EPA + DHA pari o inferiori all’1,6% degli acidi grassi plasmatici totaliavevano un rischio 10 volte più elevato di parto prematuro rispetto alle donne nei tre quintili più alti, i cui livelli di EPA + DHA erano dell’1,8% o superiori. Le donne nel secondo quintile più basso avevano un rischio 2,7 volte più elevato rispetto alle donne nei tre quintili più alti.

I risultati suggeriscono che, tra le donne in gravidanza con bassi livelli di EPA + DHA, mangiare più pesce o assumere un integratore di olio di pesce potrebbe potenzialmente ridurre il rischio di parto prematuro. Gli autori hanno tuttavia ammonito che ampie generalizzazioni sui risultati dello studio potrebbero essere limitate a causa del fatto che è stato condotto a Demark, dove i tassi di natalità pretermine sono bassi e hanno affermato che i risultati dovrebbero essere replicati in altre popolazioni. Hanno anche avvertito che i risultati potrebbero non riflettere esclusivamente una variazione nella dieta; la variazione dei fattori genetici sottostanti può anche avere un ruolo.

“E’ importante replicare questi risultati in altre popolazioni, ma i risultati di questo studio suggeriscono certamente che la valutazione di EPA + lo stato di DHA nelle donne ha il potenziale di essere utilizzata in futuro per aiutare a prevedere il rischio di parto pretermine “, ha detto il co-autore Jeremy Furtado, ricercatore senior presso la Harvard Chan School.

“La nascita pretermine ha enormi costi sanitari, economici ed emotivi. I nostri risultati sono coerenti con i risultati della maggior parte degli studi randomizzati sugli integratori di acidi grassi a catena lunga omega-3 in gravidanza e supportano l’importanza di garantire un adeguato apporto di questi nutrienti durante la gravidanza attraverso l’assunzione di pesce o integratori, per aiutare a prevenire la nascita pretermine  “, ha detto il co-autore Andrew Thorne-Lyman, ricercatore associato presso la Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health che ha lavorato a questo studio mentre era membro della facoltà di Harvard Chan School.

Fonte: EbioMedicine

Altri articoli su acidi grassi omega 3, nascita pretermine