HomeSaluteOcchiAspirina: uso regolare collegato a degenerazione maculare

Aspirina: uso regolare collegato a degenerazione maculare

(Aspirina-Immagine Credit Public Domain).

Un nuovo studio ha scoperto che l’uso regolare di aspirina è significativamente associato a una maggiore incidenza di degenerazione maculare (AMD neovascolare), una delle principali cause di cecità nelle persone anziane.

I ricercatori del Center for Vision Research del Westmead Millennium Institute for Medical Research (WMI), uno stretto affiliato dell’Università di Sydney, hanno scoperto che il consumo regolare di aspirina è associato a un aumentato rischio di degenerazione maculare neovascolare correlata all’età (AMD) – una delle principali cause di cecità negli anziani.

- Advertisement -

La ricerca mostra che il rischio sembra essere indipendente da una storia di fumo, che è anche un noto fattore di rischio prevenibile per l’AMD.

L’aspirina è uno dei farmaci più utilizzati al mondo con oltre 100 miliardi di compresse consumate ogni anno. L’aspirina è comunemente usata nella prevenzione delle malattie cardiovascolari, come l’infarto del miocardio (attacco cardiaco) e l’ictus ischemico.

Mentre uno studio europeo quinquennale pubblicato l’anno scorso suggeriva che l’uso regolare di aspirina (definito come una o più volte alla settimana nell’ultimo anno) fosse associato all’AMD, altri studi avevano riportato risultati incoerenti.

Lo studio di Gerald Liew, PhD e colleghi del Center for Vision Research è stato condotto per un periodo molto più lungo e ha trovato prove evidenti del rischio.

- Advertisement -

I ricercatorin hanno condotto un’analisi prospettica dei dati di uno studio australiano (il Blue Mountains Eye Study) che includeva quattro esami durante un periodo di 15 anni.

Vedi anche:Un’aspirina al giorno allontana le malattie cardiache?

Su 2.389 partecipanti, 257 individui (10,8%) facevano uso regolare di aspirina. Dopo il follow-up di 15 anni, 63 individui dei 2.389 partecipanti hanno sviluppato AMD neovascolare incidente, secondo i risultati.

L’incidenza cumulativa dell’AMD neovascolare tra i consumatori non regolari di aspirina era dello 0,8% a cinque anni, dell’1,6% a 10 anni e del 3,7% a 15 anni”, ha affermato il Direttore del Center for Vision Research di WMI, il Professor Paul Mitchell.

“Tra i consumatori regolari di aspirina, l’incidenza cumulativa è stata rispettivamente dell’1,9% a cinque anni, del 7% a 10 anni e del 9,3% a 15 anni, indicando che l’uso regolare di aspirina è significativamente associato a una maggiore incidenza di AMD neovascolare. Questo aumento è stato di circa 2,5 volte, dopo aver tenuto conto di variabili potenzialmente confondenti”.

Gli autori del rapporto osservano che qualsiasi decisione in merito all’interruzione della terapia con aspirina è “complessa e deve essere individualizzata”.

“Attualmente, non ci sono prove sufficienti per raccomandare un cambiamento della pratica clinica, tranne forse nei pazienti con forti fattori di rischio per l’AMD neovascolare (es. AMD tardiva esistente nell’altro occhio) ”, concludono gli autori.

Sarà importante anche un’ulteriore conferma di questi risultati.

Fonte:JAMA

ULTIMI ARTICOLI

Il multivitaminico quotidiano può essere un’abitudine non necessaria

(Multivitaminico-Immagine Credit Public Domain). Una persona su tre ingurgita un multivitaminico ogni mattina, probabilmente con un sorso d'acqua. La verità su questa abitudine popolare può...

Alzheimer: come l’intestino contribuisce allo sviluppo

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La ricerca guidata dai Dott. Yuhai Zhao e Walter J Lukiw del LSU Health New Orleans Neuroscience Center e dei Dipartimenti...

COVID 19: terapia inalatoria blocca la replicazione virale

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università della California, a Berkeley, hanno creato un nuovo terapeutico COVID-19 che potrebbe un giorno rendere il trattamento...

Asma: trovato un potenziale trattamento a lungo termine

(Asma-Immagine Credit Public Domain). Un possibile modo per affrontare una delle cause alla base dell'asma è stato sviluppato dai ricercatori dell'Aston University e dell'Imperial College...

Cancro al seno: un nuovo farmaco riduce le metastasi cerebrali

(Cancro al seno-Immagine:grafico a cascata delle risposte nei pazienti valutabili per la risposta in base ai criteri RANO-BM nello studio TUXEDO-1. Le barre blu illustrano...