HomeSaluteOssa e muscoliArtrite reumatoide: identificato un tipo di cellule T che promuove la risposta...

Artrite reumatoide: identificato un tipo di cellule T che promuove la risposta autoimmune

Per la prima volta, i ricercatori hanno identificato un tipo di cellule T che svolge un ruolo chiave nel promuovere la risposta autoimmune dannosa che infiamma e attacca le articolazioni nell’artrite reumatoide. La scoperta – realizzata con tecnologie che aiutano ad analizzare solo  “poche cellule” – offre importanti nuovi indizi sulla biologia della malattia e potrebbe portare a più potenti trattamenti mirati.

Lo studio – condotto dal Brigham and Women Hospital (BWH), è stato pubblicato sulla rivista Nature .

Il primo autore, il  Dr Deepak Rao, co-Direttore dell’ Human Immunology Center del BWH, dice:

- Advertisement -

“I nostri risultati hanno individuato un percorso verso trattamenti che sono molto più precisi e concentrati solo sulle più importanti cellule immunitarie”.

L’artrite reumatoide è una malattia autoimmune che diminuisce la qualità della vita e causa la morte prematura e disabilità. La condizione dolorosa è causata dall’ infiammazione del rivestimento delle articolazioni (la membrana sinoviale) e può colpire anche altri organi.

( Vedi anche:Individuati nuovi obiettivi per il trattamento dell’ artrite reumatoide).

L’infiammazione cronica delle articolazioni erode gradualmente la cartilagine e le ossa, causando a volte, la deformazione delle articolazioni.

- Advertisement -

L’artrite reumatoide è classificata come una malattia autoimmune perché è il risultato di una risposta immunitaria difettosa in cui le cellule del sistema immunitario scambiano tessuti del corpo per agenti patogeni. Tuttavia, le cause esatte non sono note.

Non vi è attualmente alcuna cura per l’artrite reumatoide, ma i farmaci sono sempre più efficaci nel trattamento della malattia e riescono a prevenire la deformità articolare.

Studi precedenti hanno fornito prove significative che le cellule T – e il modo in cui interagiscono con le cellule B produttrici di anticorpi – sono fortemente coinvolte nell’artrite reumatoide.

Il nuovo studio punta il dito contro un particolare tipo di cellule T.

Per lo studio, il Dr. Rao e colleghi hanno utilizzato un approccio chiamato “decostruzione della malattia”, per studiare i campioni da pazienti ad un livello di dettaglio mai raggiunto precedentemente.

I ricercatori hanno usato sofisticate tecnologie, come la citometria di massa e sequenziamento RNA, per isolare e caratterizzare cellule specifiche tra i molti tipi trovati nel sangue,  liquido delle articolazioni circostanti e tessuti articolari.

Un unico tipo di cellule T stimola la produzione di autoanticorpi

 

I ricercatori hanno trovato un ( abbondante) unico tipo di cellule T nei pazienti con artrite reumatoide. Le cellule sono un tipo di cellule CD4 + e rappresentano circa un quarto delle cellule T nelle articolazioni dei pazienti.

I ricercatori hanno scoperto che il nuovo tipo di cellule T individuato, è programmato per entrare nel tessuto infiammato e stimolare le cellule B  a produrre autoanticorpi – anticorpi che attaccano il tessuto del corpo, invece di agenti patogeni.

Lo studio è il primo a dare una descrizione dettagliata di un tipo di cellule T con questa caratteristica non convenzionale.

I ricercatori ora vogliono esplorare ulteriormente i segnali che incoraggiano queste cellule CD4 + a svilupparsi anche per scoprire se le stesse sono coinvolte in altre malattie autoimmuni come il diabete di tipo 1, il lupus e la sclerosi multipla.

Il team prevede inoltre di verificare se le cellule T uniche potrebbero essere un obiettivo efficace per nuovi trattamenti per l’artrite reumatoide.

“Queste cellule non aderiscono alla visione convenzionale delle cellule T helper e questa scoperta è davvero interessante”, ha dichiarato il Prof. Rao.

Fonte: Medicalnews

ULTIMI ARTICOLI

Oggi, Giornata Nazionale contro le leucemie, linfomi e mieloma

Come ogni anno il  21 giugno, al solstizio d’estate, AIL celebra la Giornata Nazionale per la lotta contro le Leucemie, i Linfomi e il Mieloma. Un’occasione per...

Sindrome infiammatoria post COVID 19

(COVID 19-Immagine Credit Canadian Medical Association Journal). In rari casi, gli adulti che si sono ripresi da COVID-19 possono sviluppare una sindrome infiammatoria multisistemica e i...

Batteri intestinali proteggono l’intestino da SARS-CoV-2

(Batteri intestinali-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Yonsei University in Corea del Sud hanno scoperto che alcuni batteri intestinali che risiedono nell'intestino umano producono...

Invecchiamento: farmaco prolunga la vita dei moscerini

Invecchiamento: i ricercatori hanno scoperto che un farmaco contro il cancro chiamato Tremetinib prolunga la vita dei moscerini e potrebbe essere usato anche dagli...

Vaccini COVID 19: rivelata nuova potente ricetta

(Vaccini COVID 19-Immagine Credit Public Domain). Gli scienziati del NEIDL, del Broad Institute, affermano che i vaccini COVID 19 di prossima generazione potrebbero stimolare un...