HomeSaluteOssa e muscoliArtrite reumatoide: come il fumo esacerba l'infiammazione

Artrite reumatoide: come il fumo esacerba l’infiammazione

(Artrite reumatoide-Immagine Credit Public Domain).

In uno studio volto a indagare il meccanismo responsabile dell’esacerbazione dell’artrite reumatoide nei fumatori, i ricercatori del Center for Research on Inflammatory Diseases (CRID), collegato all’Università di San Paolo (USP) in Brasile, hanno scoperto un nuovo percorso nel processo infiammatorio associato al danno osseo causato dall’artrite reumatoide. La scoperta apre opportunità a nuovi interventi terapeutici per mitigare gli effetti della malattia per la quale al momento non esiste un trattamento specifico.

Lo studio è stato pubblicato in Proceedings of the National Academy of Sciences ( PNAS ).

- Advertisement -

 I ricercatori hanno identificato l’azione di un meccanismo molecolare coinvolto nel processo infiammatorio: il rilascio da parte dei linfociti T di vescicole extracellulari cariche di materiale genetico (microRNA). Le vescicole raggiungono le cellule del tessuto osseo, aumentando la formazione di osteoclasti, cellule che scompongono la matrice ossea nelle articolazioni (una funzione fondamentale nella manutenzione, riparazione e rimodellamento osseo).

“Lo studio si proponeva di ampliare la nostra comprensione di come il fumo di sigaretta esacerba il processo infiammatorio nell’artrite reumatoide. Abbiamo scoperto un percorso associato al danno osseo. Questa è una scoperta importante poiché il dolore e l’infiammazione sono stati trattati con farmaci, ma il danno osseo che è una complicanza debilitante di questa malattia è praticamente irreversibile“, ha detto Fernando de Queiroz Cunha, ricercatore principale CRID, uno dei centri di ricerca, innovazione e divulgazione (RIDC) supportati da FAPESP.

L’artrite reumatoide è una malattia autoimmune in cui per un motivo sconosciuto il sistema immunitario scambia parti del corpo del paziente per un agente patogeno invasore e le attacca. È noto che l’infiammazione innescata dalla reazione eccessiva del sistema immunitario coinvolge le cellule Th17, un sottotipo di cellule T e crea effetti a cascata come il rilascio di citochine (proteine ​​di segnalazione), tra cui IL-17, così come altre molecole che partecipano alla progressione della malattia.

Vedi anche:Artrite reumatoide: nuovi biomarker migliorano la diagnosi

- Advertisement -

Il fumo è noto per essere un fattore aggravante per l’artrite reumatoide. 

Precedenti ricerche dello stesso gruppo CRID hanno dimostrato che il fumo di sigaretta esacerba il processo infiammatorio nell’artrite principalmente attivando il recettore degli idrocarburi arilici (AhR) sulle cellule Th17.

“L’AhR è un sensore intracellulare che rileva gli inquinanti che partecipano al processo infiammatorio. Quando l’AhR viene attivato sui linfociti T da alcuni ligandi, si differenziano ancora di più in Th17. L’aumento delle cellule Th17 esacerba il processo infiammatorio. Anche se il fumo non causa l’artrite reumatoide, peggiora la malattia“, ha detto Paula Donate, una ricercatrice CRID la cui ricerca post-dottorato è stata supportata da FAPESP.

Donate ha spiegato che AhR agisce principalmente come fattore di trascrizione. Se questo recettore viene attivato da un agente esterno come il fumo di sigaretta, entra nel nucleo cellulare insieme ad altre proteine ​​e promuove la trascrizione di vari geni, compresi i microRNA, che sono piccoli RNA regolatori all’interno della cellula“, ha detto.

Componente extracellulare

Nello studio, i ricercatori volevano scoprire quali microRNA nelle cellule Th17 erano più espressi a causa dell’attivazione di AhR. La loro analisi ha indicato miR-132. I rivcercatori hanno analizzato l’intera serie di microRNA espressi dalle cellule Th17 e hanno correlato i risultati con i dati di una sperimentazione di laboratorio su topi e campioni di pazienti umani.

“Con nostra sorpresa, tuttavia, quando abbiamo trattato i linfociti T con antagonisti dei microRNA, hanno continuato a differenziarsi normalmente in cellule Th17, rilasciando le citochine caratteristiche del processo infiammatorio nell’artrite reumatoide. Non aver avuto influenza sul processo intracellulare, era un segno che miR-132 poteva essere rilasciato nel mezzo extracellulare “, ha detto Donate.

Quando i ricercatori hanno isolato le vescicole extracellulari rilasciate da Th17 e le hanno studiate in vitro, hanno scoperto che le grandi quantità di miR-132 confezionate nelle vescicole extracellulari agivano come mediatori infiammatori, inducendo la differenziazione degli osteoclasti tramite l’inibizione dell’enzima cicloossigenasi 2 (COX-2) .

“Le vescicole extracellulari sono un meccanismo chiave di comunicazione cellulare. Vengono rilasciate praticamente da tutti i tipi di cellule e si trovano in tutti i tipi di fluido corporeo. Nel caso delle cellule Th17, le vescicole rilasciate nelle articolazioni possono trasportare microRNA al tessuto osseo, aumentando la quantità degli osteoclasti e dell’erosione ossea. In sintesi, questo è un meccanismo precedentemente sconosciuto che siamo riusciti a chiarire e che in futuro potrebbe essere una base per nuove terapie per le lesioni articolari “, ha detto Donate.

Fonte: PNAS

ULTIMI ARTICOLI

Vaccini COVID 19: rivelata nuova potente ricetta

(Vaccini COVID 19-Immagine Credit Public Domain). Gli scienziati del NEIDL, del Broad Institute, affermano che i vaccini COVID 19 di prossima generazione potrebbero stimolare un...

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...