Alzheimer: un composto previene il danno neurologico

0
21

Immagine: il cervello dei modelli di topi trattati con il riboside di nicotinamide ha mostrato una riduzione delle proteine tau e un minor danno al DNA rispetto ai topi non trattati.Credit: National Institutes of Health.

Il supplemento riboside di nicotinammide ( NR )  – una forma di vitamina B3 – ha dimostrato di prevenire il danno neurologico e ha migliorato la funzione cognitiva e fisica in un nuovo modello murino di malattia di Alzheimer. I risultati dello studio, condotto da ricercatori del National Institute on Aging (NIA) del National Institutes of Health, suggeriscono un potenziale nuovo obiettivo per il trattamento del morbo di Alzheimer.

Lo studio è stato pubblicato il 5 febbraio 2018 negli Atti della National Academy of Sciences.

Il Il riboside di nicotinammide agisce sul cervello normalizzando i livelli di nicotinammide adenina dinucleotide (NAD +), un metabolita vitale per l’energia cellulare, l’auto-rinnovamento delle cellule staminali, la resistenza allo stress neuronale e la riparazione del DNA. Nella malattia di Alzheimer, la normale attività di riparazione del DNA del cervello è compromessa, portando alla disfunzione mitocondriale, a una minore produzione di neuroni e a una maggiore disfunzione e infiammazione neuronale.

( Vedi anche:Ansia: un primo indicatore del morbo di Alzheimer?).

“Il perseguimento di interventi per prevenire o ritardare il morbo di Alzheimer e le relative demenze è una priorità nazionale importante”, ha affermato Richard J. Hodes, Direttore del NIA. “Stiamo incoraggiando la sperimentazione di una varietà di nuovi approcci e i risultati positivi di questo studio suggeriscono una strada da percorrere ulteriormente”.

Il team internazionale di scienziati è stato guidato da Vilhelm A. Bohr, ricercatore senior e capo del laboratorio di Gerontologia molecolare del programma di ricerca del NIA e dal Dr. Yujun Hou, un ricercatore postdottorato in laboratorio.

Sulla base dei loro studi sul cervello postmortem umano, i ricercatori hanno sviluppato un nuovo ceppo di topi che imitano le principali caratteristiche del morbo di Alzheimer come la patologia tau, le sinapsi in fallimento, la morte neuronale e il deterioramento cognitivo. Usando questo modello animale, i ricercatori hanno testato gli effetti di un integratore a base di riboside di nicotinammide aggiungendolo all’acqua che i topi hanno bevuto. Durante un periodo di tre mesi, i ricercatori hanno scoperto che i topi che hanno ricevuto NR hanno mostrato ridotti livelli di proteine tau nel loro cervello, ma nessun cambiamento nelle beta-amiloidi.

I topi trattati con riboside di nicotinammide hanno anche mostrato meno danni al DNA, neuroplasticità più elevata (attività e riorganizzazione delle cellule cerebrali associate all’apprendimento o alla memoria), aumento della produzione di nuovi neuroni da cellule staminali neuronali e livelli inferiori di danno neuronale e morte. Nell’area dell’ippocampo del cervello – in cui il danno e la perdita di volume si riscontrano in persone con demenza – il  riboside di nicotinammide sembrava cancellare il danno al DNA esistente o impedire che si diffondesse ulteriormente.

I topi trattati con NR hanno anche ottenuto risultati migliori rispetto ai topi di controllo su numerosi test comportamentali e di memoria, come labirinti di acqua e riconoscimento di oggetti. I topi trattati mostravano anche una migliore forza muscolare e di presa, una maggiore resistenza e un’andatura migliore rispetto alle loro controparti di controllo. Il gruppo di ricerca ritiene che questi benefici fisici e cognitivi siano dovuti ad un effetto ringiovanente che le cellule staminali hanno avuto sia nei muscoli e sia nel tessuto cerebrale.

“Siamo incoraggiati da questi risultati che mostrano un benefico effetto in questo modello di malattia di Alzheimer”, ha detto il Dr. Bohr. “Non vediamo l’ora di verificare ulteriormente come il riboside di nicotinammide o composti simili potrebbero essere utilizzati per il loro possibile beneficio terapeutico per le persone con demenza”.

Fonte: PNAS