Rilevato meccanismo dietro una specifica malattia autoimmune

malattia autoimmune

Immagine: cellule dell plasma che mostrano accumulo (verde) di anticorpi all’interno delle cellule (rosso). Credito: Northwestern University (Malattia autoimmune).

Gli scienziati della Northwestern Medicine hanno scoperto un meccanismo precedentemente sconosciuto, sottostante una specifica malattia autoimmune.

I risultati dello studio sono stati pubblicati negli Atti della National Academy of Sciences.

Gli scienziati hanno osservato anticorpi diretti contro la fosfatidiletanolamina, un importante fosfolipide, all’interno degli endosomi delle cellule. Questa scoperta è stata la prima osservazione di un meccanismo patogeno dietro l’autoimmunità anti-fosfatidiletanolamina (aPE), un disturbo del sistema immunitario correlato a trombosi, insufficienza da trapianto e perdita di gravidanza.

Fu riportato per la prima volta decenni fa, ma esattamente come funzionava l’autoimmunità aPE era rimasto un mistero nonostante una vasta letteratura documentasse la sua prevalenza, secondo Ming Zhao, Professore associato di Medicina nella Divisione di Cardiologia e autore senior dell’articolo.

( Vedi anche:Nuova terapia tratta la malattia autoimmune senza danneggiare il sistema immunitario).

Le malattie autoimmuni si sviluppano solitamente quando gli anticorpi – proteine ​​che neutralizzano i patogeni – attaccano erroneamente le cellule mentre circolano attraverso il flusso sanguigno. Per bersagliare quelle cellule, gli anticorpi si legano a bersagli antigene accessibili sulla superficie esterna delle cellule, ma Zhao e altri ricercatori non erano stati in grado di identificare un obiettivo accessibile per aPE.

“La scoperta è stata fatta un po’ per caso. Abbiamo interrotto uno studio durante la notte e abbiamo scoperto, con nostra sorpresa al mattino seguente, che l’antigene è accessibile dopo che gli anticorpi sono stati interiorizzati nelle cellule“, ha spiegato Zhao che è anche membro del Robert H. Lurie Comprehensive Cancer Center .

Questa interiorizzazione avviene attraverso l’endosoma, una parte della cellula che campiona l’ambiente esterno e si accumula nelle molecole di segnalazione. In questo caso, l’endosoma attira anche gli anticorpi, rendendo le cellule vulnerabili.

“I nostri dati dimostrano che questo crea un’opportunità per gli anticorpi anti-aPE che vengono introdotti nelle cellule per legarsi al PE in queste minuscole vescicole e attaccare le cellule dall’interno”, ha detto Zhao. “Ciò causa il caos all’interno della cellula, uno stato infiammatorio e  un maggiore rischio di formazione di coaguli di sangue e complicanze della gravidanza”.

È importante notare che la risposta infiammatoria può essere l’effetto principale di aPE, secondo Zhao, perché significa che il trattamento anti-infiammatorio è probabilmente più efficace degli anticoagulanti.

Queste nuove scoperte gettano luce su come la mediazione cellulare verso aPE è mediata e spiega alcuni dei suoi sintomi clinici. Poiché gli endosomi sono parte integrante di quasi tutti i tipi di cellule, il collegamento tra l’attività degli anticorpi aPE e i sintomi clinici, sarà una priorità per gli scienziati nelle indagini future.

Fonte: PNAS


Altri articoli su malattia autoimmune