HomeSaluteCervello e sistema nervosoAlzheimer: promettente un composto sperimentale

Alzheimer: promettente un composto sperimentale

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain).

Un composto sperimentale, che ha ricevuto la designazione di farmaco orfano, mostra efficacia nel trattamento dei sintomi dell’autismo e del morbo di Alzheimer.

  • I ricercatori hanno sviluppato un nuovo modello per valutare l’effetto di questo farmaco sperimentale sui sintomi legati all’autismo, alle disabilità intellettive e al morbo di Alzheimer e hanno scoperto che un breve segmento proteico chiamato NAP risolve un ampio spettro di sintomi.
  • I sintomi a cui è stato posto rimedio con NAP sono: sviluppo lento, scarsa comunicazione e cervello con un numero relativamente piccolo di sinapsi, bassa attività elettrica e aggregati proteici simili a quelli riscontrati nei malati di Alzheimer.

Un ampio studio internazionale condotto dall’Università di Tel Aviv ha scoperto che un farmaco sperimentale che ha ottenuto la designazione di farmaco orfano dalla FDA per il trattamento futuro di un raro disturbo dello sviluppo, può anche trattare una varietà di sintomi relativi all’autismo, alla disabilità intellettiva e al morbo di Alzheimer.

- Advertisement -

Il farmaco sperimentale NAP, è stato scoperto nel laboratorio della Prof.ssa Illana Gozes del Dipartimento di genetica e biochimica molecolare umana della Sackler Medical School dell’Università di Tel Aviv. Negli ultimi anni, la FDA ha concesso al farmaco sperimentale la designazione di farmaco orfano per il trattamento di un raro disturbo dello sviluppo chiamato sindrome ADNP, che può causare una varietà di sintomi, con caratteristiche distintive che sono la disabilità intellettiva e disturbo dello spettro autistico.

In questo studio, un team di ricercatori guidati dalla Prof.ssa Gozes ha sviluppato un modello di laboratorio innovativo e ha scoperto che NAP può essere efficace nel trattamento di un ampio spettro di sintomi della sindrome ADNP, che è causata da mutazioni nel gene ADNP che è essenziale per sviluppo cerebrale e protezione delle cellule cerebrali cerebrali. Precedenti studi hanno dimostrato che la sindrome ADNP è correlata al morbo di Alzheimer e ad alcuni tipi di disabilità mentali, ritardi dello sviluppo e autismo.

Ramot, la società di commercio tecnologico dell’Università di Tel Aviv, ha depositato una serie di domande di brevetto per proteggere la tecnologia e la sua implementazione e, in collaborazione con la Prof.ssa Gozes, sta raccogliendo fondi per finanziare ulteriori ricerche cliniche. Allo stesso modo, Ramot sta discutendo sulla collaborazione commerciale con le aziende farmaceutiche. “Siamo entusiasti di questa nuova scoperta e crediamo che si tratti di una tecnologia rivoluzionaria che rimedierà a una varietà di sintomi e disabilità in un ampio spettro di malattie orfane“, ha affermato il Prof. Keren Primor Cohen, CEO di Ramot.

Lo studio, che è il culmine della ricerca di dottorato dello studente MD/PhD Dr. Gideon Carmon, è stato affiancato da un team di ricercatori del laboratorio del Prof. Gozes: Dr. Shlomo Sergovich, Gal Hacohen-Kleiman, Inbar Ben-Horin-Hazak, Dr. Oxana Kapitansky, Alexandra Lubincheva e Dr. Eliezer Giladi. Il team è stato inoltre affiancato dal Dr. Moran Rubinstein, dal Prof. Noam Shomron e da Guy Shapira della Facoltà di Medicina Sackler della TAU, e dal Dr. Metsada Pasmanik Chor della Facoltà di Scienze della Vita George S. Wise dell’Università di Tel Aviv. Hanno partecipato anche ricercatori della Repubblica Ceca, della Grecia, della Germania e del Canada. 

- Advertisement -

Lo studio è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista Biological Psychiatry.

La Prof.ssa Gozes ha spiegato che NAP comprende un breve segmento della normale proteina ADNP. In precedenza abbiamo scoperto che il trattamento con NAP corregge la funzione delle cellule nervose umane affette da sindrome ADNP in una provetta di laboratorio. Dice la ricercatrice: “In questo studio, abbiamo cercato di esaminare l’efficacia di NAP nel trattamento di vari aspetti della sindrome utilizzando un modello con la mutazione più dannosa, che ci ha permesso di visualizzare lo sviluppo del cervello e facilitare la risoluzione dei problemi comportamentali”.

Vedi anche:Alzheimer: Sildenafil nuovo candidato farmaco

Lo studio, che ha esaminato un modello che utilizzava topi con sindrome ADNP, ha utilizzato metodi oggettivi per analizzare il comportamento, l’attività elettrica e per identificare ulteriormente il contenuto proteico selezionato nel cervello. I ricercatori hanno scoperto che i topi affetti da sindrome ADNP hanno dimostrato un ampio spettro di esiti patologici, tra cui un aumento dei tassi di morte neonatale subito dopo la nascita, un rallentamento dello sviluppo e un’andatura aberrante, principalmente tra le femmine, nonché una scarsa comunicazione vocale.

Gli esami cerebrali hanno dimostrato ulteriori risultati: un numero relativamente piccolo di sinapsi -i punti di contatto tra le cellule nervose-, attività elettrofisiologica compromessa che dimostra un basso potenziale per la normale eccitazione cerebrale, nonché precipitati (aggregati) della proteina Tau nei topi giovani, simili a quelli nel cervello dei pazienti anziani con malattia di Alzheimer.

Per la maggior parte di questi sintomi, i ricercatori hanno esaminato l’effetto della futura sostanza medicinale NAP, costituita da un segmento corto e normale della proteina ADNP, la stessa proteina danneggiata a causa della mutazione. La Prof.ssa Gozes dice: “In passato, abbiamo scoperto che NAP corregge il funzionamento alterato dell’ADNP che è mutato nel modello delle cellule nervose nella coltura. Abbiamo ora esaminato il suo effetto in vivo – negli animali che modellano la sindrome (mutazione ADNP). Con nostro grande stupore e gioia, abbiamo scoperto che il trattamento con NAP normalizza il funzionamento di questi topi per la maggior parte dei sintomi sopra indicati!”.

I ricercatori hanno inoltre cercato di identificare, nel sangue dei topi, un chiaro indicatore biologico della sindrome ADNP che consentirà la diagnosi di questa grave malattia e un monitoraggio efficace del trattamento mediante un semplice esame del sangue. Con l’aiuto delle tecnologie di sequenziamento genetico, i ricercatori hanno identificato un’anomalia in un modo caratteristico solo delle femmine, nonché un metodo per la riparazione utilizzando NAP su cinque proteine ​​(a livello di RNA messaggero ). Questi risultati corrispondevano ai cambiamenti scoperti nei globuli bianchi dei bambini affetti da sindrome ADNP. Uno degli indicatori scoperti è FOXO3, una proteina con un ruolo importante nella generazione di sinapsi cerebrali e nell’invecchiamento sano.

Gozes ha riassunto: “In questo studio, abbiamo esaminato l’effetto della mutazione più diffusa del gene ADNP in un ampio spettro di aspetti e abbiamo riscontrato un’ampia compromissione del funzionamento fisico e cerebrale parallelamente ai sintomi di autismo, ritardo dello sviluppo, disabilità mentale e morbo di Alzheimer nell’uomo. Allo stesso modo, abbiamo esaminato il potenziale uso del farmaco NAP per il trattamento di queste malattie e abbiamo scoperto che è efficace contro la maggior parte di questi sintomi nei modelli di laboratorioQuesto studio è una pietra miliare importante sulla strada per lo sviluppo di un farmaco o farmaci, che aiuteranno i bambini con autismo derivante da mutazioni genetiche, così come i malati di Alzheimer”.

Fonte:Biological Psychiatry

ULTIMI ARTICOLI

Paradosso biologico offre nuove intuizioni sul mistero del cancro

(Cancro-Immagine: Carlo Maley è ricercatore presso il Biodesign Center for Biocomputing, Security and Society presso l'Arizona State University.Credito: The Biodesign Institute presso l'Arizona State...

Malattie da prioni: come muoiono le cellule cerebrali

(Malattie da prioni-Immagine:neuroni cresciuti in coltura che esprimono una proteina prionica mutante (ciano) che causa malattie da prioni nell'uomo. Questi neuroni mostrano assoni rigonfi che...

Vaccinazione: cosa guida la scelta?

(Vaccinazione-Immagine: modello che collega le variabili di fondo non specifiche del COVID e quelle specifiche del COVID con i cambiamenti nell'intenzione di vaccinazione. Attestazione: PNAS). Nell'esaminare il...

Dolore cronico legato a differenze nella struttura cerebrale

Sapevi che la principale causa di disabilità nel mondo è il dolore cronico? Milioni e milioni di persone vivono la loro quotidianità segnata dal dolore. Non solo causa...

Malattia di von Hippel-Lindau: Belzutifan offre nuova speranza

(Malattia di von Hippel-Lindau-Immagine Credit Public Domain). I pazienti con malattia di von Hippel-Lindau, una condizione genetica causata da una mutazione nel gene VHL che...