HomeAlimentazione & BenessereAlimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine – se non centinaia – di nuovi prodotti nei negozi di alimentari: funghi con una durata di conservazione più lunga, mais resistente alla siccità e banane impermeabili a un fungo che minaccia l’approvvigionamento globale. Alcuni prodotti, tra cui una varietà di semi di soia che produce olio da cucina più sano, sono già in vendita negli Stati Uniti.

I sostenitori affermano che l’editing genetico è più veloce e più preciso dei metodi tradizionali di allevamento delle colture. Può affrontare sfide in rapida evoluzione per produrre cibo e avvantaggiare i consumatori. I critici tuttavia, sostengono che questa nuova tecnologia potrebbe creare conseguenze indesiderate e che le agenzie governative devono affrontare le carenze delle normative attuali. Secondo l’attuale legge federale degli Stati Uniti, gli alimenti geneticamente modificati non devono essere etichettati.

Dato il contraccolpo sull’ingegneria transgenica degli organismi geneticamente modificati (OGM), ci sono molte speculazioni sul fatto che il pubblico accetterà alimenti geneticamente modificati, anche se il processo per crearli è diverso.

- Advertisement -

Un  nuovo studio della Iowa State University è il primo a valutare l’accettazione pubblica degli alimenti geneticamente modificati utilizzando un campione rappresentativo a livello nazionale di 2.000 residenti negli Stati Uniti. I ricercatori hanno intervistato i partecipanti per capire quanto erano disposti a mangiare o a evitare  cibi geneticamente modificati e per comprendere i fattori che modellano le loro decisioni. I ricercatori hanno in programma di ripetere l’indagine ogni due anni per il prossimo decennio per tenere traccia di come cambierà l’atteggiamento del pubblico nei confronti degli alimenti geneticamente modificati man mano che più prodotti entrano nel mercato.

“In questo momento, ci sono molte persone nel mezzo. Non hanno completamente preso una decisione sugli alimenti geneticamente modificati, ma man mano che impareranno di più sulle tecnologie e sui prodotti, probabilmente si sposteranno positivamente verso l’accettazione. Penso che molto dipenderà dalla loro esperienza di consumo, dal tipo di messaggio di cui si fidano e da chi lo invia, nonché dai prodotti che incontrano”, ha affermato il ricercatore senior Christopher Cummings.

Cummings è stato coautore dell’articolo pubblicato su Frontiers in Food Science and Technology con David Peters, Professore di sociologia e sociologo rurale con ISU Extension and Outreach.

I fattori sociali guidano le decisioni

I ricercatori hanno scoperto che la probabilità di una persona di mangiare o evitare cibi geneticamente modificati è principalmente determinata dai suoi valori sociali e dalla sua fiducia nel Governo, nell’industria e nei gruppi ambientalisti.

- Advertisement -

“Gli esperti del settore alimentare tendono a pensare che le persone prendono decisioni sul cibo in base al costo, all’aspetto, al gusto e al contenuto nutrizionale. Ma il nostro studio mostra che quando si dispone di una nuova tecnologia con cui le persone non hanno familiarità, altri fattori svolgono un ruolo molto più importante, in particolare i valori sociali ed etici delle persone e se si fidano del Governo e dell’industria per essere protetti“, ha affermato Peters.

Lo studio rivela che le persone che sono più disposte a mangiare cibi modificati geneticamente crudi o trasformati generalmente considerano la scienza e la tecnologia come un mezzo primario per risolvere i problemi della società. Ripongono un alto livello di fiducia nei regolatori alimentari del governo e nell’industria delle biotecnologie agricole e generalmente non hanno forti convinzioni su come dovrebbe essere prodotto il cibo. Inoltre tendono ad essere più giovani (Generazione Z e millennial sotto i 30 anni di età) con livelli di istruzione e reddito familiare più elevati.

Vedi anche:I potenziali rischi derivati da alimenti geneticamente modificati

Al contrario, le persone che hanno maggiori probabilità di evitare di mangiare cibi modificati geneticamente crudi o trasformati sono più scettiche nei confronti della scienza e della tecnologia. Attribuiscono maggiore valore al modo in cui viene prodotto il loro cibo, affermando che l’etica gioca un ruolo importante e si basano maggiormente sulle proprie convinzioni personali o sui gruppi ambientalisti piuttosto che sul governo e sull’industria. Le persone in questo gruppo tendono anche ad avere redditi più bassi e ad essere più religiose, anziane e donne.

Circa il 60% delle donne nel sondaggio ha affermato che non sarebbero disposte a mangiare ed evitare di proposito cibi geneticamente modificati.

Ingegneria cisgenica (alimenti geneticamente modificati)   

Con l’ingegneria cisgenica, gli scienziati utilizzano strumenti come CRISPR-Cas, ZFN o TALEN per modificare una sezione specifica del DNA in una pianta o in un animale o sostituirla con materiale genetico di una specie sessualmente compatibile. Il cambiamento genetico viene trasmesso alla sua prole, come nell’allevamento tradizionale. 

La tecnologia è più recente dell’ingegneria transgenica; il primo alimento geneticamente modificato ad entrare nel mercato è una varietà di semi di soia per l’olio da cucina privo di grassi trans, nel marzo 2019. Secondo l’attuale legge federale, gli alimenti geneticamente modificati non devono essere approvati dalla Food and Drug Administration statunitense e l’etichettatura è volontaria.

Ingegneria transgenica (OGM)

Con l’ingegneria transgenica, gli scienziati inseriscono nel genoma di una pianta o di un animale geni di un’altra specie o geni che sono stati prodotti sinteticamente.

La tecnologia è emersa negli anni ’90 ed è arrivata lentamente sul mercato all’inizio degli anni 2000. La maggior parte delle colture OGM coltivate negli Stati Uniti sono destinate all’alimentazione del bestiame, ma alcune entrano direttamente nella dieta umana, principalmente attraverso l’amido di mais, lo sciroppo di mais, l’olio di mais, l’olio di soia, l’olio di colza e lo zucchero semolato.

Gli OGM sono regolamentati dalla Food and Drug Administration, dall’Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti e dal Dipartimento dell’agricoltura degli Stati Uniti e, a partire da gennaio 2022, gli alimenti OGM sono tenuti dalla  legge federale  a includere un’etichetta “Bioingegneria” o “Derivato dalla bioingegneria”.

“Le attuali normative affermano che gli alimenti geneticamente modificati sono analoghi all’allevamento selettivo tradizionale e, pertanto, non rientrano nello stesso processo di revisione degli OGM. Ma alcuni gruppi di consumatori, organizzazioni commerciali e gruppi ambientalisti non sono d’accordo”, ha affermato Cummings.

Ha aggiunto, che diversi paesi dell’Unione Europea hanno già rilasciato forti dichiarazioni che non accetteranno alimenti geneticamente modificati.

Progetto alimenti modificati geneticamente

Peters e Cummings fanno parte di un team interdisciplinare di esperti dell’ISU e della State University of New York College of Environmental Science and Forestry (SUNY-ESF) che cercano di rispondere a:

  • Quali sono le considerazioni sociali ed etiche relative agli alimenti geneticamente modificati?
  • In che modo le parti interessate differiscono nelle loro opinioni sugli alimenti geneticamente modificati?
  • Come dovrebbero essere governati e regolamentati i raccolti e gli alimenti geneticamente modificati?
  • Di quali organizzazioni si fida il pubblico per governare gli alimenti geneticamente modificati?
  • Come vengono rappresentati dai media gli alimenti geneticamente modificati?

“Vogliamo lavorare con le autorità di regolamentazione del governo, i gruppi ambientalisti, i gruppi di consumatori e l’industria alimentare per arrivare a un quadro comune che non soffoca l’innovazione, ma dà comunque ai consumatori il diritto di sapere come viene prodotto il loro cibo”, ha affermato Peters.

In un altro studio che dovrebbe essere pubblicato quest’anno, Peters e Cummings hanno scoperto che il 75% del pubblico americano concorda sul fatto che dovrebbe esserci una legge federale sull’etichettatura per gli alimenti geneticamente modificati, indipendentemente dal fatto che intendano o meno acquistarli o evitarli.

I ricercatori hanno ospitato un seminario deliberativo all’inizio di quest’anno per riunire diverse parti interessate per discutere l’impegno pubblico e le questioni di governance, nonché potenziali strade per un processo di certificazione volontaria e un’etichetta per gli sviluppatori di alimenti modificati geneticamente.

“La preoccupazione è che se più di questi alimenti geneticamente modificati si trasferiranno sul mercato e i consumatori non lo sapranno, ci sarà un contraccolpo quando lo scopriranno“, ha affermato Peters. “Le aziende biotecnologiche che supportano le etichette volontarie vogliono che altre aziende seguano l’esempio. La speranza è che le etichette migliorino la trasparenza e instillino fiducia tra i consumatori, evitando qualsiasi potenziale contraccolpo o opposizione alla tecnologia”.

Il team di ricerca per il progetto  Gene-Edited Foods  sta attualmente lavorando su una serie di raccomandazioni per strumenti e strategie di governance per colmare le lacune nella fiducia pubblica relative agli alimenti geneticamente modificati.

Fonte: Università statale dell’Iowa

ULTIMI ARTICOLI

Infezioni batteriche e ferite della pelle: nuovo approccio per il trattamento

(Infezioni batteriche-Immagine: ferita vascolarizzata al microscopio. Credito: Rachel Kratofil). I ricercatori dell'Università di Calgary hanno identificato un nuovo approccio promettente per il trattamento delle infezioni batteriche...

Januvia farmaco per il diabete può contenere tracce di cancerogeno

(Januvia-Immagine Credit Medicalxpress). "Il popolare farmaco per il diabete Januvia può contenere tracce di un probabile cancerogeno, ma i pazienti dovrebbero continuare a usare il...

Cuffia dei rotatori: potenziale trattamento rivoluzionario per la rigenerazione

(Cuffia dei rotatori/Studio-Immagine:Dr. Cato T. Laurencin-Credito UCNN). Un nuovo modo per rigenerare i muscoli potrebbe aiutare a riparare la cuffia dei rotatori nelle spalle danneggiate...

Acufene: svolta nella ricerca di una cura

(Acufene-Immagine Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico). Dopo 20 anni alla ricerca di una cura per l'acufene, i ricercatori dell'UDniversità di Auckland sono entusiasti dei "risultati...

Alimenti fermentati: 4 motivi per cui dovresti mangiarli

(Alimenti fermentati-Immagine Credit Public Domain). Gli alimenti fermentati hanno subito il processo naturale di essere fermentati da batteri, funghi o lieviti benefici. In questo processo,...