HomeAlimentazione & BenessereAlghe, vermi e micoproteine ​​tra i futuri alimenti

Alghe, vermi e micoproteine ​​tra i futuri alimenti

(Alghe-Immagine: fotobioreattori (PBR) all’avanguardia, chiusi e modulari per la produzione di clorella e alghe spirulina. Credito: mmagine per gentile concessione di Vaxa, Islanda).

Alghe, vermi e micoproteine ​​tra gli alimenti del futuro! “Sono necessari cambiamenti radicali nel sistema alimentare per salvaguardare il nostro approvvigionamento alimentare e combattere la malnutrizione di fronte ai cambiamenti climatici, al degrado ambientale e alle epidemie”, afferma il nuovo rapporto dell’Università di Cambridge.

I ricercatori affermano che il nostro futuro approvvigionamento alimentare globale non può essere salvaguardato dagli approcci tradizionali per migliorare la produzione alimentare. Suggeriscono che sistemi all’avanguardia e ad ambiente controllato, che producono nuovi alimenti, dovrebbero essere integrati nel sistema alimentare per ridurre la vulnerabilità ai cambiamenti ambientali, ai parassiti e alle malattie. 

- Advertisement -

Il rapporto è stato pubblicato oggi sulla rivista Nature Food.

I ricercatori affermano che la malnutrizione globale potrebbe essere eliminata coltivando alimenti tra cui spirulina, clorella, larve di insetti come la mosca domestica, micoproteine ​​(proteine ​​derivate da funghi) e macroalghe come le alghe zuccherine. Questi alimenti hanno già attirato l’interesse come alternative nutrienti e più sostenibili ai tradizionali alimenti vegetali e animali.

La produzione di questi “alimenti del futuro” potrebbe cambiare il modo in cui operano i sistemi alimentari. Possono essere coltivati ​​su scala in sistemi modulari e compatti adatti per contesti urbani e comunità isolate come quelle su isole remote. In un approccio che i ricercatori chiamano “reti alimentari policentriche“, il cibo potrebbe essere prodotto localmente e in modo coerente dalle comunità, riducendo la dipendenza dalle catene di approvvigionamento globali.

Per giungere alle loro conclusioni, i ricercatori hanno analizzato circa 500 articoli scientifici pubblicati su diversi futuri sistemi di produzione alimentare. I più promettenti, compresi i fotobioreattori di microalghe (dispositivi che utilizzano una fonte di luce per coltivare microrganismi) e le serre per l’allevamento di insetti, riducono l’esposizione ai pericoli dell’ambiente naturale coltivando in ambienti chiusi e controllati.

- Advertisement -

Vedi anche:Gli elmiti potrebbero favorire la longevità

“Alimenti come le alghe zuccherine, le mosche, i vermi della farina e le alghe unicellulari come la clorella, hanno il potenziale per fornire diete sane e resistenti al rischio di malnutrizione in tutto il mondo”, ha affermato il Dott. Asaf Tzachor, ricercatore presso il Centro per il Study of Existential Risk (CSER) dell’Università di Cambridge e primo autore del rapporto. Ha aggiunto: “Il nostro attuale sistema alimentare è vulnerabile. È esposto a una litania di rischi – inondazioni e gelate, siccità e periodi di siccità, agenti patogeni e parassiti – che i miglioramenti marginali della produttività non cambieranno. Per rendere a prova di futuro la nostra fornitura di cibo abbiamo necessità di integrare metodi di coltivazione completamente nuovi nel sistema attuale”.

Il rapporto sostiene che è pericoloso fare affidamento sul cibo prodotto attraverso l’agricoltura convenzionale e i sistemi di approvvigionamento, che sono a rischio di grave interruzione a causa di una varietà di fattori al di fuori del controllo umano. La pandemia COVID-19 ha evidenziato questa vulnerabilità: le restrizioni imposte dal governo sui viaggi hanno interrotto la produzione alimentare e le catene di approvvigionamento in tutto il mondo.

Parallelamente, le recenti sfide ambientali ai sistemi alimentari includono incendi e siccità nel Nord America, focolai di peste suina africana che colpisce i maiali in Asia e in Europa e sciami di locuste del deserto nell’Africa orientale. Si prevede che il cambiamento climatico aggraverà queste minacce.

“I progressi tecnologici aprono molte possibilità ai sistemi di approvvigionamento alimentare alternativi che sono più resistenti al rischio e possono fornire in modo efficiente un’alimentazione sostenibile a miliardi di persone”, ha affermato Catherine Richards, ricercatrice di dottoranda presso il Centro per lo studio del rischio esistenziale di Cambridge. “La pandemia di coronavirus è solo un esempio delle crescenti minacce al nostro sistema alimentare globalizzato. Diversificare la nostra dieta con questi alimenti futuri sarà importante per raggiungere la sicurezza alimentare per tutti”.

Il peso della malnutrizione è probabilmente la crisi umanitaria più persistente: due miliardi di persone soffrono di insicurezza alimentare, di cui oltre 690 milioni di persone sono denutrite e 340 milioni di bambini che soffrono di carenze di micronutrienti.

I ricercatori affermano che le riserve sul consumo di nuovi cibi come gli insetti potrebbero essere superate utilizzandoli come ingredienti piuttosto che mangiarli interi: pasta, hamburger e barrette energetiche, ad esempio, possono contenere larve di insetti macinate e micro e macro alghe trasformate.

Fonte:Nature Food

ULTIMI ARTICOLI

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...

Singhiozzo: pronta una strategia per intervenire

(Singhiozzo-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università del Texas Health Science Center di San Antonio (UT Health San Antonio) e colleghi di tutto il mondo...