HomeSaluteVirus e parassitiCome COVID 19 causa danno epatico

Come COVID 19 causa danno epatico

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain).

COVID 19 è la causa di una pandemia mondiale e la principale causa di morte negli Stati Uniti. Il danno epatico (valori elevati dei test biochimici del fegato) è una caratteristica comune di COVID 19 associata a esiti avversi come il ricovero in terapia intensiva (ICU) / ventilazione meccanica e la morte. Il danno epatico in COVID-19 è stato associato a interleuchina 6 elevata (IL-6) e alcuni parametri ipercoagulabili e la patologia epatica ha mostrato microtrombi. Questi risultati suggeriscono un ruolo per la patologia vascolare nel danno epatico in COVID 19, ma mancano dettagli meccanicistici.

Vedi anche:Scoperta la causa di COVID 19 grave

- Advertisement -

COVID-19 è associata quindi a danno epatico e IL-6 elevato. I ricercatori della Yale School of Medicine e dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, hanno ipotizzato e dimostrato per la prima volta che il trans-signaling di IL-6 nelle cellule endoteliali sinusoidali del fegato (LSECs) porta a endoteliopatia (uno stato proinfiammatorio e procoagulante) e danno epatico. Il processo patologico all’origine del danno epatico associato a forme gravi e mortali di Covid-19 è “un’alterazione della vascolarizzazione dovuta all’eccessiva produzione dell’interleuchina IL-6, una citochina che regola la risposta immunitaria dell’organismo“.

La ricerca dimostra che:

  • il danno epatico nei pazienti COVID-19 è associato a IL-6 elevato e coagulopatia.
  • i pazienti COVID-19 hanno endoteliopatia epatica associata a lesione.
  • la trans-segnalazione di IL-6 causa endoteliopatia nelle LSEC.

Per lo studio, coagulopatia e endoteliopatia sono state analizzate retrospettivamente in un sottogruppo (n = 68), seguito da una coorte più ampia (n = 3.780) di pazienti. L’istologia epatica di 43 pazienti  è stata analizzata per l’endoteliopatia e la sua relazione con il danno epatico. Gli LSEC umani primari sono stati utilizzati per stabilire il meccanismo di trans-segnalazione dell’IL-6.

Risultati

Fattore VIII, fibrinogeno, D-dimero, attività / antigene vWF (biomarcatori di coagulopatia / endoteliopatia) erano significativamente elevati nei pazienti infettati da SARS-CoV-2 con danno epatico (ALT elevata). I marcatori dell’attivazione delle cellule endoteliali e delle piastrine (fattore VIII, gli enzimi fibrinolitici, D-dimero, l’antigene del fattore di von Willebrand-Vwf) hanno indicato un legame tra danno epatico, coagulopatia ed endoteliopatia. La citochina IL-6, attraverso un processo detto di “trans-segnalazione”, provoca l’aumento di anticoagulanti (fattore VIII, Vwf) e infiammatori. Si genera anche un aumento delle piastrine nelle cellule dell’endotelio. I ricercatori hanno rilevato l’azione inibitoria da parte dell’inibitore naturale gp130, del farmaco Ruxolitinib che era stato somministrato in alcuni di questi pazienti, e di particolari anticorpi (Stat1/3 siRna)

Conclusione

SARS-CoV-2 causa coagulopatia ed endoteliopatia nell’endotelio epatico guidate dal trans-signaling di IL-6, un possibile meccanismo di danno epatico.

Riepilogo Lay

I pazienti con infezione da SARS-CoV-2 hanno spesso un danno epatico, ma il motivo per cui ciò si verifica rimane sconosciuto. In questi pazienti sono stati osservati alti livelli di interleuchina-6 (IL-6) e del suo recettore circolante, che formano un complesso per indurre segnali infiammatori. Questo documento dimostra che il complesso di segnalazione IL-6 causa cambiamenti dannosi alle cellule endoteliali sinusoidali del fegato e può promuovere la coagulazione del sangue e contribuire al danno epatico.

astratto grafico

Figura miniatura ga1

Fonte:Journal of Hepatology

- Advertisement -
- Advertisement -

ULTIMI ARTICOLI

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...

Singhiozzo: pronta una strategia per intervenire

(Singhiozzo-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università del Texas Health Science Center di San Antonio (UT Health San Antonio) e colleghi di tutto il mondo...