Alcuni farmaci per la pressione del sangue legati ad un aumentato rischio di cancro ai polmoni

cancro del polmone

L’uso di farmaci inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACEI) per abbassare la pressione sanguigna è associato ad un aumentato rischio di cancro ai polmoni rispetto all’uso di un altro gruppo di farmaci per la pressione del sangue chiamati inibitori del recettore dell’angiotensina (ARB), secondo uno studio pubblicato oggi su The BMJ.

“l rischio è particolarmente elevato tra le persone che usano gli ACEI per più di cinque anni”, affermano i ricercatori.

Sebbene il rischio per i singoli pazienti sia modesto, gli ACEI sono ampiamente prescritti, quindi questi effetti relativi potrebbero tradursi in un numero elevato di pazienti a rischio di cancro del polmone.

Gli ACEI sono farmaci efficaci usati per il trattamento della pressione alta (ipertensione). L’evidenza suggerisce che gli ACEI possono aumentare il rischio di cancro ai polmoni attraverso l’accumulo di sostanze chimiche simili a proteine ​​chiamate bradichinina e sostanza P, (un neuropeptide, un polipeptide a catena corta appartenente alla famiglia delle tachichinine che agisce da neurotrasmettitore nei mammiferi), nei polmoni. Queste sostanze chimiche sono state trovate sul tessuto del cancro del polmone e la bradichinina può stimolare direttamente la crescita del cancro del polmone.

Tuttavia, i precedenti studi osservazionali che hanno esaminato questa associazione sono limitati e riportano risultati incoerenti.

Per comprendere meglio questa possibile associazione, i ricercatori guidati dal Professor Laurent Azoulay della McGill University in Canada hanno analizzato i dati relativi alle cure primarie nel Regno Unito per quasi un milione di pazienti che hanno iniziato ad assumere un nuovo farmaco antipertensivo tra il 1995 e il 2015.

I pazienti avevano almeno 18 anni di età, senza precedenti tumori e sono stati seguiti per una media di 6,4 anni, durante i quali sono stati identificati 7.952 casi di cancro ai polmoni (un tasso di 1,3 per 1000 persone all’anno).

Dopo aver tenuto conto dei fattori che potrebbero influenzare potenzialmente i risultati, tra cui età, sesso, peso (BMI), stato di fumatore, disturbi legati all’alcol e anamnesi di malattie polmonari, l’uso degli ACEI è stato associato a un aumento del 14% del rischio di cancro polmonare rispetto agli ARB (1,6 v 1,2 casi per 1000 anni persona).

Le associazioni erano evidenti dopo cinque anni di utilizzo e aumentate con periodi di utilizzo più lunghi, in particolare nei pazienti che usavano gli ACEI per più di 10 anni (aumento del rischio del 31%).

I ricercatori sottolineano che questi risultati “dovrebbero essere replicati in altri contesti, in particolare tra i pazienti esposti per periodi più lunghi i farmaci ACEI”.

Questo è uno studio osservazionale, quindi non si possono trarre conclusioni definitive su causa ed effetto ed i ricercatori non possono escludere la possibilità che altri fattori non misurati, come le differenze socioeconomiche, la dieta e la storia familiare di cancro ai polmoni, possano aver influenzato i risultati .

Tuttavia, questo è il più grande studio che valuta questa associazione specifica e le scoperte sono rimaste coerenti dopo ulteriori analisi per testare la forza dei risultati.

Per questa ragione i ricercatori concludono che l’uso degli ACEI è associato ad un aumentato rischio di cancro ai polmoni e richiedono “ulteriori studi, con follow-up a lungo termine, per studiare gli effetti di questi farmaci sull’incidenza del cancro del polmone.

In un editoriale collegato, il Professore associato Deirdre Cronin Fenton del Dipartimento di Epidemiologia clinica presso l’Università di Aarhus in Danimarca, dice che sebbene un aumento relativo del 14% nell’incidenza del cancro del polmone potrebbe non tradursi in un grande rischio assoluto, “i risultati sono importanti data il considerevole uso degli ACEI in tutto il mondo.

“Tuttavia, in un singolo paziente, le preoccupazioni sul rischio a lungo termine del cancro del polmone”dovrebbero essere bilanciate con i guadagni dell’aspettativa di vita associati all’uso di ACEI”, scrive Fenton. “Sono ora necessari ulteriori studi con follow-up a lungo termine per migliorare le prove scientifiche sulla sicurezza a lungo termine di questi farmaci”, conclude il ricercatore.

Fonte: The BMJ


Altri articoli su cancro del polmone