HomeSaluteAcufene: svolta nella ricerca di una cura

Acufene: svolta nella ricerca di una cura

(Acufene-Immagine Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico).

Dopo 20 anni alla ricerca di una cura per l’acufene, i ricercatori dell’UDniversità di Auckland sono entusiasti dei “risultati incoraggianti” di una sperimentazione clinica di una terapia basata su un’app per iPhone o smartphone Android e cuffie Bluetooth.

Lo studio ha randomizzato 61 pazienti a uno dei due trattamenti, il prototipo del nuovo “politerapico digitale” o una popolare app di auto-aiuto  chiamata White Noise Lite (WN) che produce rumore bianco (il rumore bianco è un particolare tipo di rumore caratterizzato dall’assenza di periodicità nel tempo e da ampiezza costante su tutto lo spettro di frequenze). L’outcome primario era il cambiamento clinicamente significativo nell’indice funzionale del tinnito (TFI) tra il basale e le 12 settimane di terapia.

- Advertisement -

In media, il gruppo con il politerapico (31 persone) ha mostrato miglioramenti clinicamente significativi a 12 settimane, mentre l’altro gruppo (30 persone) no. I risultati sono stati appena pubblicati su Frontiers in Neurology.

“Questo è più significativo di alcuni dei nostri lavori ed è probabile che abbia un impatto diretto sul futuro trattamento dell’acufene“, afferma il Professore associato in Audiologia Grant Searchfield.

La chiave del nuovo trattamento è una valutazione iniziale da parte di un audiologo che sviluppa il piano di trattamento personalizzato, combinando una gamma di strumenti digitali, in base all’esperienza individuale dell’acufene.

“Prove precedenti hanno riscontrato che il rumore bianco, la consulenza basata sugli obiettivi, i giochi orientati agli obiettivi e altre terapie basate sulla tecnologia sono efficaci per alcune persone in alcune occasioni”, afferma il Dott. Searchfield.

- Advertisement -

“Questo trattamento è più rapido ed efficace, ci vogliono 12 settimane anziché 12 mesi affinché più individui ottengano un certo controllo”.

Vedi anche:Acufene associato all’uso frequente di analgesici da banco

Non esiste una pillola in grado di curare l’acufene.

“Quello che fa questa terapia è essenzialmente ricablare il cervello in un modo che riduce l’enfasi del suono dell’acufene a un rumore di fondo che non ha significato o rilevanza per l’ascolto“, afferma il Dottor Searchfield.

Il ricercatore in audiologia, il Dottor Phil Sanders, afferma che i risultati sono entusiasmanti e ha trovato gratificante condurre la sperimentazione personalmente.

Il sessantacinque percento dei partecipanti ha riportato un miglioramento”.

L’acufene è un rumore fantasma e le sue cause sono complesse. Finora ha sfidato qualsiasi trattamento di successo.

Sebbene la maggior parte delle persone soffra di acufene o ronzio nelle orecchie almeno in alcune occasioni, circa il cinque percento lo sperimenta in misura angosciante. Gli impatti possono includere disturbi del sonno, difficoltà a svolgere le attività quotidiane e depressione.

Il Dr. Searchfield afferma che vedere l’angoscia dei suoi pazienti e non avere un trattamento efficace da offrire ha ispirato la sua ricerca. “Volevo fare la differenza”, ha detto.

Il prossimo passo sarà perfezionare il prototipo e procedere a prove locali e internazionali più ampie in vista dell’approvazione della FDA.

I ricercatori sperano che l’app sarà clinicamente disponibile in circa sei mesi.

Fonte:Frontiers in Neurology

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...