Lo zinco inverte i cambiamenti che si verificano nel cervello e causano l’autismo

autismo,zinco

I cambiamenti cellulari nel cervello, causati da mutazioni genetiche che si verificano nell’ autismo, possono essere invertiti dallo zinco secondo la ricerca condotta presso l’Università di Auckland.

Gli scienziati del Dipartimento di Fisiologia dell’ Università di Auckland hanno studiato come nell’autismo le mutazioni genetiche modificano la funzione delle cellule cerebrali.

Quest’ultimo lavoro, uno sforzo della collaborazione congiunta tra neuroscienziati della Auckland, dell’ America e della Germania, è stato pubblicato oggi sulla prestigiosa rivista Journal of Neuroscience .

Lo studio è stato finanziato dal  Marsden Fund and the Neurological Foundation.

Johanna Montgomery, della University’s Department of Physiology and Centre for Brain Research, autore principale dello studio, dice:

“Siamo alla ricerca di modi per invertire questi deficit cellulari cerebrali causati da cambiamenti genetici che si traducono in cambiamenti comportamentali nell’autismo”.

( Vedi anche:Prevenire l’ autismo con la carnitina).

Studi internazionali hanno scoperto che normalmente ci sono alti livelli di zinco nel cervello e che le cellule cerebrali sono regolate dallo zinco, ma la carenza di zinco è prevalente nei bambini autistici.

“La ricerca, condotta utilizzando modelli animali, ha dimostrato che quando una madre segue una dieta a basso contenuto di zinco, la prole avrà più probabilità di sviluppare comportamenti autistici. Il nostro lavoro dimostra che anche le cellule che portano cambiamenti genetici associati con l’autismo sono in grado di rispondere allo zinco. Abbiamo focalizzato la nostra attenzione sulla proteina SHANK3 che si localizza a livello delle sinapsi nel cervello ed è associata a disturbi dello sviluppo neurologico quali l’autismo e la schizofrenia”, ha spiegatola ricercatrice.

“Pazienti umani con mutazioni genetiche SHANK3 mostrano deficit comportamentali. In questo studio abbiamo dimostrato che SHANK3 è un componente chiave di un sistema di segnalazione zinco-sensibile che regola la comunicazione delle cellule cerebrali “.

“Curiosamente, i cambiamenti genetici in SHANK3 non alterano la sua capacità di rispondere alle zinco”.

“Come risultato, abbiamo dimostrato che lo zinco può aumentare nel cervello la comunicazione cellulare che è compromessa da  cambiamenti associati a SHANK3″.

” La variazione dei livelli di zinco, che normalmente vengono regolati dal corpo, non solo mette in pericolo la funzione delle sinapsi nel cervello, ma può portare ad anomalie cognitive e comportamentali osservate nei pazienti con disturbi psichiatrici”.

“I nostri risultati suggeriscono che fattori dietetici e/o ambientali, possono portare a variazioni dei livelli di zinco che potrebbero alterare il sistema di segnalazione di questa proteina e ridurre la sua capacità di regolare la funzione delle cellule nervose nel cervello” dice la ricercatrice.

Questi risultati hanno applicazioni sia nell’ autismo che nei disturbi psichiatrici come la schizofrenia.

La prossima fase della ricerca è indagare l’impatto degli integratori di zinco nella dieta sui comportamenti autistici.

“Troppo zinco può essere tossico, quindi è importante determinare il livello ottimale per prevenire e trattare l’autismo”.

Fonte: Auckland University

Altri articoli su autismo, zinco