La vitamina E può prevenire o ridurre i danni cerebrali da ictus

ictus,vitamina E

Un nuovo studio suggerisce la vitamina E può aiutare a prevenire o ridurre i danni al cervello causati da ictus.

L’ictus si verifica quando un vaso sanguigno o arteria, sono bloccati da coaguli o grassi accumulati, limitando il flusso di sangue al cervello. Questo priva il cervello di ossigeno e porta alla morte delle cellule cerebrali. Ogni anno, circa 15 milioni di persone in tutto il mondo sono vittime di ictus. Di questi, 5 milioni sono rimasti permanentemente disabili.

Dopo un ictus, un paziente è di solito trattato con aspirina, un antiaggregante piastrinico che lavora per fermare la coagulazione del sangue. In circa il 4% dei casi di ictus, i pazienti sono trattati con attivatori del plasminogeno tissutale – l’unico farmaco specifico per l’ ictus approvato dalla Food and Drug Administration – entro 3 ore dall’attacco. Questo farmaco funziona sciogliendo i coaguli di sangue e migliorando il flusso di sangue al cervello.

Il leader dello studio, il Dr. Cameron Rink, del The Medical Center dell’Ohio State University Wexner, dice che è “frustrante”, che dopo 25 anni di ricerca e sperimentazione di oltre 1.000 farmaci neuroprotettivi sperimentali, non esiste alcun trattamento disponibile per prevenire l’ictus, piuttosto che semplicemente trattare i sintomi in seguito.

“In studi su animali, i ricercatori hanno scoperto che gli integratori di tocotrienolo – un tipo di vitamina E – offrono un “collaterale” afflusso di sangue durante l’ictus”.

Ecco perché, nel corso degli ultimi 12 anni, il dottor Rink ha concentrato la sua ricerca su questo trattamento preventivo e il suo ultimo studio ha raggiunto risultati molto promettenti.

Tocotrienolo migliora l’afflusso di sangue

Per raggiungere i loro risultati, il dottor Rink e colleghi hanno condotto una serie di studi su animali, per esaminare gli effetti di integratori di tocotrienolo sui vasi sanguigni in caso di ictus. Il tocotrienolo è un tipo di vitamina E si trova naturalmente nell’olio di palma che ha anche il potenziale di ridurre il colesterolo totale nel sangue.

Dopo 10 settimane di supplementazione con vitamina E, il team ha trovato un’ attivazione dell’arteriogenesi e un aumento del diametro delle arterie esistenti, in risposta alla richiesta di ossigeno. Questo processo può prevenire i danni cerebrali, in quanto offre effettivamente un “collaterale” afflusso di sangue.

Per studiare esattamente come la vitamina E attiva l’ arteriogenesi, il dottor Rink ha utilizzato un metodo di microdissezione laser. per analizzare pezzi di tessuto cerebrale e dei vasi sanguigni, nelle aree esatte in cui si verifica l’ arteriogenesi durante l’ictus.

Utilizzando questa tecnica, il dottor Rink ha potuto anche analizzare l’attività dei micro-RNA, per avere una comprensione di come il  tocotrienolo influenza i geni in caso di ictus.

Il ricercatore conclude affermando che un giorno, proprio come l’aspirina è raccomandata ai pazienti cardiopatici, la vitamina E potrà essere usata come un trattamento comune per la prevenzione dell’ ictus.

Fonte:Ohio State University Center for Clinical and Translational Science news release, accessed 2 May 2014 via Newswise.


Altri articoli su ictus, vitamina E