HomeSaluteVirus e parassitiVariante SARS-CoV-2 Iota e rischio mortalità tra anziani

Variante SARS-CoV-2 Iota e rischio mortalità tra anziani

(SARS-CoV-2-Immagine-Credit Public Domain).

Uno studio condotto presso il New York City Department of Health and Mental Hygiene, USA e la Mailman School of Public Health, Columbia University, USA, ha determinato la velocità di trasmissione, la capacità di fuga immunitaria e il tasso di mortalità per infezione della variante B.1.526 della sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2).

I risultati rivelano che la variante ha una trasmissibilità e un potenziale di fuga immunitaria considerevolmente più elevati rispetto alle varianti precedentemente circolanti e che può aumentare il tasso di mortalità per infezione del 62% – 82% tra gli anziani. 

- Advertisement -

Lo studio è attualmente disponibile sul server di prestampa medRxiv * .

Con la progressione della pandemia della COVID-19, sono state identificate diverse nuove varianti di SARS-CoV-2. A causa dell’aumentata infettività e patogenicità, alcune di queste varianti sono state designate come Varianti di Concern (VOC) o Varianti di Interesse (VOI) dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

La variante B.1.526 di SARS-CoV-2, nota anche come variante lota, è stata identificata per la prima volta a New York City nel novembre 2020. Successivamente, la variante è stata rilevata in tutti i 52 stati degli Stati Uniti, nonché in 27 paesi in tutto il mondo.

Come osservato in uno studio di laboratorio, questa variante è moderatamente resistente alla neutralizzazione da parte di anticorpi monoclonali terapeutici e anticorpi indotti da vaccino/infezione. Al contrario, le prove indicano che la variante non aumenta il rischio di infezioni in individui vaccinati o precedentemente infetti.

- Advertisement -

In questo studio, gli scienziati hanno analizzato più set di dati epidemiologici e di popolazione raccolti a New York City e hanno eseguito modelli matematici per determinare la velocità di trasmissione, la capacità di evasione immunitaria e il rischio di mortalità per infezione della variante B.1.526.

Disegno dello studio

Gli scienziati hanno utilizzato un sistema di inferenza del modello di rete per stimare le dinamiche di trasmissione di SARS-CoV-2 e variabili e parametri a livello di popolazione a New York City. Sulla base delle informazioni raccolte, hanno condotto un’analisi di modellizzazione multivariante e strutturata per età a livello di città per stimare i cambiamenti di infezione e capacità di evasione immunitaria per la variante B.1.526. L’analisi finale ha utilizzato i dati ottenuti da due modelli per stimare il tasso di mortalità specifico della variante tra gli individui infetti da SARS-CoV-2 (rischio di mortalità per infezione).      

Per il sistema di inferenza del modello di rete, hanno utilizzato più set di dati epidemiologici e set di dati sulle vaccinazioni. Allo stesso modo, l’analisi del modello multi-variante ha utilizzato quattro set di dati settimanali, inclusi casi confermati e sospetti di COVID-19, ricoveri, mortalità e percentuale di diverse varianti di SARS-CoV-2 che circolano a New York City.

Osservazioni importanti

A New York City, la prevalenza a livello di popolazione dell’infezione da SARS-CoV-2 è stata stimata al 16,6% alla fine della prima ondata di pandemia. Allo stesso modo, alla fine della seconda ondata, la prevalenza stimata era del 41,7%. Mentre la maggior parte delle infezioni si è verificata nella popolazione anziana durante la prima ondata, la seconda ondata ha causato infezioni in tutte le fasce d’età.

Confronto di diverse combinazioni di cambiamenti nella trasmissibilità e proprietà di fuga immunitaria per B.1.526.  Il pannello di sinistra mostra l'accuratezza complessiva (A), l'RMSE relativo (B) e la correlazione (C) delle stime del modello in diverse impostazioni di trasmissibilità e fuga immunitaria.  Le croci bianche (x) indicano la combinazione di parametri più performante.  Il pannello di destra mostra le stime del modello utilizzando la combinazione di parametri complessivamente più performante (vale a dire, prevalenza iniziale 1,5-3,5%, trasmissibilità superiore del 15-25% e fuga immunitaria dello 0-10%).  Le linee e le aree circostanti mostrano le stime mediane simulate dal modello e l'intervallo interquartile;  i punti mostrano le osservazioni corrispondenti;  i colori indicano varianti diverse come specificato in legenda.  Si noti che queste simulazioni del modello hanno utilizzato lo stesso tasso di rilevamento delle infezioni, il tasso di ospedalizzazione e l'IFR (vale a dire, la media tra novembre 2020 e aprile 2021);  cioè, non hanno tenuto conto dei cambiamenti nell'accertamento del caso o della gravità della malattia per settimana durante questo periodo, a causa, ad esempio, dell'aumento della gravità della malattia da parte delle nuove varianti.  Pertanto, ci sono state maggiori deviazioni dalle osservazioni durante i mesi successivi della simulazione con più infezioni da parte delle nuove varianti.

Confronto di diverse combinazioni di cambiamenti nella trasmissibilità e proprietà di fuga immunitaria per B.1.526. Il pannello di sinistra mostra l’accuratezza complessiva (A), l’RMSE relativo (B) e la correlazione (C) delle stime del modello in diverse impostazioni di trasmissibilità e fuga immunitaria. Le croci bianche (x) indicano la combinazione di parametri più performante. Il pannello di destra mostra le stime del modello utilizzando la combinazione di parametri complessivamente più performante (vale a dire, prevalenza iniziale 1,5-3,5%, trasmissibilità superiore del 15-25% e fuga immunitaria dello 0-10%). Le linee e le aree circostanti mostrano le stime mediane simulate dal modello e l’intervallo interquartile; i punti mostrano le osservazioni corrispondenti; i colori indicano varianti diverse come specificato in legenda. Si noti che queste simulazioni del modello hanno utilizzato lo stesso tasso di rilevamento delle infezioni, il tasso di ospedalizzazione e l’IFR (vale a dire, la media tra novembre 2020 e aprile 2021); cioè, non hanno tenuto conto dei cambiamenti nell’accertamento del caso o della gravità della malattia per settimana durante questo periodo, a causa, ad esempio, dell’aumento della gravità della malattia da parte delle nuove varianti. Pertanto, ci sono state maggiori deviazioni dalle osservazioni durante i mesi successivi della simulazione con più infezioni da parte delle nuove varianti.

Trasmissibilità e potenza di evasione immunitaria della variante B.1.526 SARS-CoV-2

Durante la seconda ondata di pandemia è stato osservato un rapido aumento dei casi infetti da B.1.526. Prima dell’identificazione della variante in un quartiere specifico per la prima volta all’inizio di novembre 2020, nello stesso quartiere è stato osservato un graduale aumento della velocità di trasmissione complessiva di SARS-CoV-2. La velocità di trasmissione è rimasta elevata tra novembre 2020 e febbraio 2021, seguita da una riduzione alla linea di base quando la variante B.1.526 è diventata dominante in tutta la città. Al contrario, la velocità di trasmissione è rimasta costante in altri quartieri. Nel complesso, queste osservazioni indicano che l’aumento della velocità di trasmissione in quel particolare quartiere è probabilmente dovuto alla rapida diffusione precoce della variante B.1.526.

Vedi anche:Variante Lambda SARS-CoV-2 potrebbe essere la più pericolosa

La stima effettuata dai dati raccolti ha rivelato che la velocità di trasmissione della variante B.1.526 è del 15 – è del 25% superiore a quella delle varianti precedentemente circolanti. Inoltre, i dati hanno rivelato che la variante può indurre infezioni rivoluzionarie nello 0 – 10% della popolazione. Con questo moderato aumento della trasmissibilità e della capacità di evasione immunitaria, la variante B.1.526 è diventata dominante a New York City da novembre 2020 a marzo 2021. Successivamente, con l’aumento della variante più infettiva B.1.1.7, la prevalenza di B.1.526 è diminuita gradualmente.

Rischio di morte per infezione da SARS-CoV-2

Nonostante una riduzione del tasso di mortalità a seguito della vaccinazione di massa, è stata stimata un’induzione del tasso di mortalità per infezione a New York City durante la seconda ondata di pandemia. Le stime fatte dagli scienziati sull’infezione specifica per la variante e sui tassi di mortalità hanno rivelato che la variante B.1.526 aumenta i tassi di mortalità per infezione del 46%, 82% e 62% negli individui di età compresa tra 45 e 64 anni, 65 e 74 anni e rispettivamente sopra i 75 anni. Rispetto alle varianti precedentemente circolanti, la variante B.1.526, nel complesso, ha causato un’induzione del 60% nel tasso di mortalità per infezione. Questa induzione era paragonabile a quella stimata per la variante B.1.1.7.

Significato dello studio

Lo studio sottolinea l’importanza di monitorare le caratteristiche epidemiologiche delle nuove varianti di SARS-CoV-2 per gestire meglio la pandemia da COVID-19.

Fonte:medRxiv *

*Avviso IMPORTANTE

bioRxiv pubblica rapporti scientifici preliminari che non sono stati ancora sottoposti a revisione paritaria e, pertanto, non devono essere considerati conclusivi.

ULTIMI ARTICOLI

Neuroblastoma: identificato il tallone di Achille

(Neuroblastoma-Immagine:cellule di neuroblastoma ingrandite. Credito: Baylor College of Medicine). Il neuroblastoma, un cancro infantile che si sviluppa dalle cellule neurali delle ghiandole surrenali, rappresenta il...

Come l’epatite E inganna il sistema immunitario

(Epatite E-Immagine Credit Public Domain). Ogni anno oltre 3 milioni di persone vengono infettate dal virus dell'epatite E. Finora non è disponibile alcun trattamento efficace. Un team...

IBD: integratore di clorofillina e verdure verdi alleviano la malattia intestinale

(Integratore di clorofillina-Immagine Credit Public Domain) L'integratore di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa,...

SARS-CoV-2: come il trattamento antivirale promuove l’emergere di nuove varianti

I pazienti con infezioni prolungate contribuiscono all'emergere di nuove varianti di SARS-CoV-2?  Un gruppo di ricerca del Leibniz Institute of Virology (LIV) e dell'University Medical...

Alzheimer: la Rapamicina induce un aumento delle beta amiloide

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La somministrazione orale di Rapamicina a un modello murino di malattia di Alzheimer induce un aumento delle placche proteiche beta (β)-amiloide, secondo...