HomeSaluteVaccino Pfizer e BioNTech: conservazione a -80° C potrebbe ostacolare la distribuzione?

Vaccino Pfizer e BioNTech: conservazione a -80° C potrebbe ostacolare la distribuzione?

Immagine: Public Domain.

Pfizer e BioNTech hanno annunciato che il loro candidato vaccino contro COVID-19 ha ottenuto il successo nella prima analisi ad interim della sperimentazione del vaccino di fase 3 COVID 19.

Spuntano i primi problemi relativi alla distribuzione di questo nuovo vaccino che dovrebbe essere conservato a -80°, ma nessuna struttura è adeguata a tal fine. Di seguito, il parere di alcuni dei maggiori esperti:

Il Prof Jonathan Ball, Professore di virologia molecolare, Università di Nottingham, ha dichiarato:

- Advertisement -

“È un’ottima notizia che il vaccino Pfizer sia efficace al 90%, ma è importante capire cosa significa. Affinché un vaccino sia veramente efficace, deve proteggere le persone più vulnerabili dalla sofferenza di COVID-19 grave o impedire a quelle meno vulnerabili di essere infettate e quindi trasmettere il virus ad altri. È improbabile che la semplice riduzione della comparsa dei sintomi nelle persone che altrimenti avrebbero avuto una lieve infezione abbia un grande beneficio. Infatti, nello scenario peggiore, se le persone vaccinate vengono infettate dal virus e presumono di essere protette, potrebbe significare che possono ancora diffondere il virus in modo asintomatico. I vaccini saranno incredibilmente importanti nella nostra battaglia contro questo virus, ma dobbiamo essere certi che funzioneranno come speriamo “.

Il Dottor Jonathan Stoye, Group Leader, Retrovirus-Host Interactions Laboratory, The Francis Crick Institute, ha dichiarato:

“Si possono prevedere almeno due inconvenienti del vaccino Pfizer, anche supponendo che funzioni bene come pensiamo attualmente. Innanzitutto, richiede due iniezioni per la piena efficacia, distanziate da 3 a 4 settimane l’una dall’altra. In secondo luogo, deve essere conservato a -80 gradi prima dell’uso. Entrambe le proprietà complicheranno gravemente la somministrazione del vaccino a molti destinatari, in particolare nei paesi che sono caldi e hanno catene del freddo meno sviluppate. Ci sono quindi tutte le ragioni per continuare la ricerca di nuovi vaccini, in particolare quelli che richiedono solo una dose che può essere distribuita in polvere e ricostituita prima dell’uso

Il Prof Toby Peters, Professore di economia, Università di Birmingham, ha dichiarato:

- Advertisement -

“Gli sforzi per trovare una soluzione duratura alla pandemia COVID-19 si sono concentrati sullo sviluppo, il test e la produzione su larga scala di un vaccino efficace. Tuttavia, è stata prestata poca attenzione a ciò che è necessario per distribuirlo rapidamente su larga scala. Per proteggere sia l’efficacia che la sicurezza, la maggior parte dei vaccini deve essere mantenuta a una temperatura specifica, normalmente 2-8 ° CIl nuovo vaccino a due dosi di Pfizer deve essere mantenuto a -80 ° C – in nessun luogo del pianeta esiste la capacità logistica per distribuire vaccini a questa temperatura e volume senza investimenti massicci. Il problema è particolarmente acuto nel Sud del mondo, dove molti villaggi rurali non hanno nemmeno un frigorifero per i vaccini già funzionanti. Dobbiamo cogliere questa opportunità irripetibile per creare soluzioni sostenibili per l’implementazione del vaccino COVID-19 che possa anche fornire sistemi di catena del freddo per la salute resilienti e sostenibili, comprese le temperature ultra basse. La gestione della temperatura a -80 ° C è una sfida difficile, ma non possiamo permettere che diventi, per impostazione predefinita, una soluzione divisa. La ricerca suggerisce che un’equa distribuzione del vaccino COVID-19 a livello globale impedirebbe il 61% dei decessi successivi, rispetto al 33% dei decessi evitati se fosse distribuito prima ai paesi ad alto reddito “.

Il Dottor Colin Butter, Professore associato e responsabile del programma in scienze bioveterinarie, Università di Lincoln, ha dichiarato:

“La notizia sull’analisi ad interim del vaccino contro il coronavirus Pfizer / BioNTech è fondamentalmente una notizia molto buona. Tuttavia, restano alcuni ostacoli e domande:1) l‘approvazione normativa deve essere concessa prima dell’uso, 2) più risultati dello studio verranno rilasciati e potrebbero dare ulteriore fiducia ai già notevoli risultati di efficacia superiore al 90%. Attualmente non ci sono dati pubblicati sul fatto che il vaccino protegga solo dalla malattia clinica o prevenga anche la trasmissione ad un altro individuo. Nel primo caso, gli individui saranno ben protetti, ma l’immunità di gregge non sarà raggiunta. Il vaccino richiede di essere conservato a -80 ° C, che è oltre le capacità della consueta cella frigorifera e del trasporto utilizzato per i prodotti congelati. Ciò non è insormontabile e si spera che siano già stati fatti piani per il trasporto e le risorse di stoccaggio adeguate. Inolgtre, il coronavirus ha prodotto un mutante, infettando il visone in Danimarca, che un rapporto preliminare suggerisce potrebbe essere meno suscettibile al vaccino. Questo è ovviamente motivo di preoccupazione,  ma può, se necessario, essere affrontato con continue modifiche del vaccino, come per l’influenza stagionale. Anche i risultati di ulteriori studi, inclusi quelli, come il vaccino di Oxford, che richiedono una catena del freddo meno rigorosa, sono attesi con impazienza “.

La Prof.ssa Azra Ghani, Chair in Infectious Disease Epidemiology, Imperial College London, ha dichiarato:

“L’azienda ha messo a punto un protocollo dettagliato della sperimentazione clinica che troverete in questo sito: https://pfe-pfizercom-d8-prod.s3.amazonaws.com/2020-11/C4591001_Clinical_Protocol_Nov2020.pdf e che chiarisce alcune cose. L’efficacia primaria che viene riportata si basa sui casi sintomatici. Quindi questo non ci dice se previene lo stesso livello di infezioni né nulla sulla trasmissione in avanti. La mia comprensione è che i partecipanti sono stati seguiti dopo la seconda dose di vaccino a 21 giorni. Si sono verificati un totale di 94 casi da 7 giorni dopo la seconda dose. L’efficacia del 90% deriva dall’osservazione di come questi casi sono stati distribuiti tra coloro che hanno ricevuto il vaccino e quelli che non l’hanno ricevuto. Ma il numero effettivo in ciascun braccio dello studio non può essere calcolato dalle informazioni fornite perché dipende da quante persone sono state seguite in ciascun braccio. È importante sottolineare che questo non è il risultato di 94 persone in quanto ce ne saranno molte di più in entrambi i bracci dello studio che non hanno ricevuto COVID-19 da 7 giorni dopo la seconda dose.  L’efficacia del 90% significa che il numero di casi sintomatici di COVID-19 per 1000 partecipanti a 7 giorni dopo la seconda dose di vaccino è inferiore del 90% in quelli che hanno ricevuto il vaccino rispetto a quelli che hanno ricevuto il placebo.  Non mi è chiaro se si tratta del gruppo di età 18-55 anni o sia di quel gruppo che del gruppo di 65-85 anni”. 

La Prof.Trudie Lang, Direttrice, The Global Health Network, Nuffield Department of Medicine, University of Oxford, ha dichiarato:

“Questa è una notizia entusiasmante e riflette certamente i progressi straordinariamente rapidi che sono stati fatti nella corsa globale per sviluppare un vaccino per COVID-19. I dati positivi degli studi clinici in un lasso di tempo così breve da quando è emerso questo virus sono senza dubbio un risultato importante per la scienza e con le squadre coinvolte bisogna congratularsi. Ora è importante per noi saperne di più su coloro che hanno dimostrato di essere protetti dalle infezioni e se rappresentano le popolazioni a rischio e quindi non vediamo l’ora di vedere i dati completamente esaminati. Il vaccino a mRNA è una nuova tecnologia. La maggior parte dei vaccini somministrano parte di un virus (o virus intero inattivato) e questo innesca una risposta immunitaria che è quindi in grado di reagire alle infezioni successive con il virus vero e proprio. Questo potenziale vaccino COVID-19 utilizza la tecnologia mRNA, sviluppata dall’uso nelle terapie contro il cancro. Questo vaccino istruisce le cellule umane a generare la proteina virale COVID-19. Questa proteina virale provoca quindi una risposta immunitaria che dovrebbe consentire a un destinatario del vaccino di rispondere a una vera infezione COVID. Un punto di forza di questo candidato è che è più facile da produrre rispetto ad altri approcci in fase di sviluppo, il che potrebbe rendere la distribuzione più veloce ed economica. Tuttavia, i vaccini a mRNA richiedono una conservazione molto fredda e quindi questa potrebbe essere una limitazione importante per la loro disponibilità in tutto il mondo. Qualunque sia il risultato finale di questo vaccino, questa è una pietra miliare nella ricerca di un vaccino per porre fine all’impatto devastante di questa pandemia globale, ovunque “. 

Steve Bates, CEO della UK Bioindustry Association, ha dichiarato:

“Notizie incoraggianti ed entusiasmanti oggi da Pfizer e BioNTech che hanno annunciato che il loro candidato al vaccino COVID-19 ha dimostrato prove di efficacia contro COVID-19 nei partecipanti senza precedenti prove di infezione da SARS-CoV-2, sulla base della prima analisi ad interim di efficacia. La Vaccine Taskforce del Regno Unito ha negoziato un accordo di fornitura per garantire questa terapia già a luglio, quando gran parte dell’entusiasmo riguardava i primi contatti di altri candidati all’mRNA. Le notizie di oggi non solo convalidano l’approccio della task force di esperti del governo al lavoro veloce, ma rendono anche testimonianza del loro straordinario lavoro fino ad oggi. Uno degli elementi chiave di una decisione precoce di cercare la fornitura abilitata è il tempo di pianificazione per l’implementazione di quello che è un prodotto nuovo e complesso, con requisiti di conservazione a temperature molto basse, dove saranno necessarie ulteriori innovazioni e l’esperienza di un gruppo poliedrico. In questo, il Regno Unito ha il vantaggio delle strutture, delle catene di approvvigionamento e delle competenze di NHS e Public Health England, che dovrebbero consentire al Regno Unito di essere tra i primi paesi al mondo a essere in grado di vaccinare se questo candidato sarà approvato per l’uso e le dosi saranno disponibili. Il viaggio dei vaccini COVID-19 è lo sforzo di staffetta più complesso che abbia mai sperimentato ed è fantastico vedere la fase di sviluppo di questo candidato vicino al suo completamento con successo, con la regolamentazione e la distribuzione che saranno le prossime a turno ad afferrare il testimone.

Il Dottor Penny Ward, Pérofessore in medicina farmaceutica in visita al King’s College di Londra e Presidente del Comitato per l’istruzione e gli standard della Facoltà di medicina farmaceutica, ha dichiarato:

“È ovviamente una buona notizia che la prima analisi ad interim dei dati dello studio controllato con placebo in corso sul vaccino BioNTech / Pfizer ha mostrato un’efficacia preventiva contro la malattia COVID-19 del 90% se giudicata dalla malattia a partire da 7 giorni o più tardi dopo il completamento del corso di iniezione. Date le somiglianze di risposta immunitaria tra i vari vaccini in esame, potrebbe anche prevedere risultati simili in altri studi clinici, dove i risultati sono presto previsti. Esistono diverse limitazioni sia in generale che per questo vaccino in particolare.In primo luogo le informazioni fornite non ci consentono di comprendere la gravità della malattia tra i destinatari del placebo e del vaccino, che è importante comprendere, poiché l’obiettivo non è solo prevenire i sintomi di una malattia più lieve, ma prevenire il ricovero in ospedale e la morte. In secondo luogo, non è possibile valutare la durata della protezione offerta. Durante un’epidemia in corso sono necessari periodi di follow-up più lunghi per determinare la necessità di dosi ripetute di richiamo. Infine, dobbiamo abbinare i dati sulla malattia con le informazioni sulla protezione contro le infezioni asintomatiche; la protezione contro l’infezione e contro la malattia ridurrebbe la gravità di un’epidemia all’interno della comunità e consentirebbe un controllo più efficace della malattia consentendo alle comunità di tornare a qualcosa di più simile alla vita normale. Pfizer deve anche raccogliere e finalizzare il database sulla sicurezza in modo da poter calcolare il rapporto rischi / benefici. Questi dati sono attesi con impazienza. Infine, per questo specifico vaccino, la necessità di conservare e trasportare il vaccino a -80 ° C (es più freddo che in un congelatore domestico) fornisce sfide per la distribuzione diffusa e può influire sulla velocità con cui il vaccino può essere distribuito nell’uso pratico. C’è ancora molto lavoro da fare, ma almeno per un momento dovremmo congratularci con il team di BioNTech Pfizer e aspettarci altre buone notizie per altri vaccini nel prossimo futuro.

Sappiamo dai dati se il vaccino impedisce alle persone di ammalarsi e / o impedisce loro di sviluppare sintomi e / o impedisce loro di trasmettere il virus?

“Possiamo giudicare dai dati che questo successo del vaccino si riferisce alla protezione contro la malattia sintomatica, ma non conosciamo l’impatto sull’infezione virale o la trasmissione da un caso vaccinato infetto ad altri. Potremmo vedere alcune informazioni sull’infezione virale che è un altro endpoint nello studio quando verranno condivisi i dati completi. La questione sulla trasmissibilità potrebbe non essere valutata in questo momento: se l’incidenza complessiva dell’infezione è la stessa sia nel gruppo placebo che nel gruppo vaccinato, la trasmissione da una persona vaccinata ad altre rimane possibile.

Possiamo dire da questi dati quanto tempo potrebbe durare la protezione?

“No, dobbiamo seguire le persone per un periodo di tempo più lungo e ci deve essere un’epidemia in corso per giudicare quando la protezione potrebbe svanire. Se la protezione da infezioni / malattie può essere abbinata alla risposta immunitaria, questa potrebbe essere stimata più rapidamente, ma al momento ciò rimane sconosciuto.

Cosa sappiamo della cella frigorifera e di questo vaccino?

Sembra che questo vaccino debba essere conservato a -80 ° C (cioè in un congelatore che mantenga una temperatura 4 volte inferiore a un congelatore domestico o in azoto liquido). Ciò potrebbe riflettere una mancanza di dati sulla stabilità a temperature più elevate, nel qual caso potrebbe cambiare nel tempo. Tuttavia, se questo requisito rimane, la distribuzione e lo stoccaggio saranno un problema quando si considera come distribuire e somministrare in modo efficiente il vaccino nella pratica.

Sappiamo chi riceverebbe per primo un vaccino e quali ostacoli ci sono da superare prima di arrivare a quella fase?

“Il Comitato misto per la vaccinazione e l’immunizzazione di solito raccomanderebbe l’uso pertinente del vaccino nel Regno Unito. Diversi modelli hanno stimato l’impatto di diversi tipi di utilizzo, ma inizialmente è molto probabile che le persone ad alto rischio di malattia (gli anziani e quelli con comorbidità ad alto rischio cioè le persone che sono a maggior rischio di aver bisogno di cure in terapia intensiva / morte) e l’assistenza sanitaria dei lavoratori (che sono a maggior rischio di contrarre l’infezione) possono essere tra i gruppi vaccinati inizialmente.

“Prima che il vaccino possa essere utilizzato nella pratica, l’azienda deve presentare un dossier che deve contenere non solo tutti i dati di efficacia e sicurezza da tutte le sperimentazioni cliniche, ma anche dati sugli studi preclinici e dalla scala di produzione che documenta la qualità del il processo di produzione è sicuro e fornisce un prodotto con qualità e sicurezza adeguate per un uso su larga scala. L’azienda deve anche essere in grado di produrre quantità sufficienti di vaccino per consentirne un uso su larga scala nella pratica clinica. Il governo britannico ha preordinato 10 milioni di dosi per la fornitura quest’anno / all’inizio del prossimo che, supponendo che siano necessarie 2 dosi, sono sufficienti per vaccinare 5 milioni di persone. Questo ordine non è sufficiente per fornire il vaccino a tutta la popolazione di età avanzata (> 65 anni) nel Regno Unito nella prima ondata.

Ci sono dati sufficienti qui per essere in grado di dire quanto sia promettente?

“No, dobbiamo conoscere la diffusione del pattern di malattia nei gruppi placebo e vaccinati e anche se il vaccino ha prevenuto l’infezione e la malattia o solo la malattia”.

Perché riportano risultati provvisori sul vaccino: dobbiamo attendere ulteriori dati?

“È normale condurre analisi ad interim durante le sperimentazioni sui vaccini, quindi una sperimentazione può essere interrotta in anticipo se il vaccino non è efficace o provoca effetti collaterali significativi. Tuttavia, per comprendere appieno il contributo del vaccino alla prevenzione e al controllo delle malattie, lo studio deve continuare.

Si tratta di un documento pubblicato o dei primi dati: quanto possiamo esserne sicuri?

Si tratta di un comunicato stampa: la società richiederà l’approvazione normativa / l’uso dell’accesso anticipato negli Stati Uniti e quei dati saranno pubblicati integralmente dalla FDA. Mi aspetto che vedremo anche una pubblicazione anticipata una volta finalizzati i dati. Lo studio è stato condotto secondo le linee guida di buona pratica clinica con monitoraggio regolare: possiamo aspettarci che i dati siano affidabili “.

 

Il dottor Gillies O’Bryan-Tear, Chair, Policy and Communications, Faculty of Pharmaceutical Medicine, ha dichiarato:

“Questi risultati dell’analisi ad interim del primo studio di fase 3 Covid 19 da segnalare, sono inequivocabilmente incoraggianti, anche se come sempre rimangono alcune domande. Pfizer e il suo partner tedesco BioNTech hanno condotto una sperimentazione dell’ innovativo vaccino mRNA in oltre 45.000 partecipanti, più grande della sperimentazione del vaccino di Oxford; hanno arruolato persone di età superiore ai 12 anni che non erano attualmente infette da Covid e che potrebbero avere condizioni di base come il diabete e l’ipertensione. È importante sottolineare che sono stati arruolati pazienti più anziani e il 42% dei pazienti in tutto il mondo aveva background razzialmente ed etnicamente diversi. Lo studio ha anche arruolato alcuni pazienti che avevano precedentemente avuto Covid-19, sebbene i numeri non siano stati forniti e presumibilmente sarebbero piccoli. Questa analisi ad interim da parte di un comitato dati indipendente, che è stata pre-pianificata e approvata dalla FDA, ha valutato 94 casi confermati di Covid-19 e ha scoperto che il vaccino previene la malattia da Covid nel 90% dei vaccinati. La ripartizione esatta non viene riportata. La maggior parte dei partecipanti alla sperimentazione aveva ricevuto le 2 dosi raccomandate del vaccino ei risultati si riferiscono solo a questi pazienti. Pfizer ha fornito un collegamento al protocollo dello studio nel suo comunicato stampa. Sebbene il Comitato per i dati non abbia finora segnalato problemi di sicurezza, il periodo minimo concordato di valutazione della sicurezza di questo vaccino è di due mesi dopo la vaccinazione, in modo che quei risultati saranno disponibili alla fine di questo mese. La sicurezza continuerà a essere valutata per due anni dopo la somministrazione del vaccino in ciascun ricevente. Ci sarà un’analisi finale quando saranno stati arruolati 164 pazienti infetti, e nel comunicato non viene data alcuna indicazione di quando ciò avverrà, ma vista la rapidità di diffusione della seconda ondata non può essere lontana. I risultati sono incoraggianti non solo in relazione a questo vaccino, ma anche ad altri, poiché le risposte immunologiche viste con il vaccino Pfizer / BioNtech negli studi di fase 1 e 2 sono paragonabili a quelle osservate con molti altri vaccini in sviluppo, compresi quelli di Moderna e Oxford / Astra Zeneca. Questi risultati, se confermati, danno una significativa speranza per la disponibilità di un vaccino efficace contro il Covd-19 entro la primavera del prossimo anno. Questo è un risultato importante in così poco tempo e considerando che non ci sono mai state garanzie che saremmo stati in grado di fare un vaccino contro questo virus, visti i precedenti fallimenti con altri virus. L’attenzione sarà ora rivolta alle sfide di produzione e distribuzione che questo successo porta ora: ad esempio, questo vaccino deve essere trasportato a -80 gradi C, una sfida non trascurabile in diverse parti del mondo. Pfizer ha annunciato 50 milioni di dosi entro la fine dell’anno e 1,3 miliardi il prossimo – e il Regno Unito ha preordinato 40 milioni, secondo altri rapporti, sufficienti per 20 milioni di persone. La tempistica di arrivo di queste dosi nel Regno Unito non è nota.

“Dobbiamo salutare il successo dello sviluppatore del vaccino, le persone che hanno avviato e condotto questa grande sperimentazione in così poco tempo, i partecipanti alla sperimentazione che erano disposti a provare un nuovo vaccino per il bene del mondo e i governi che hanno contribuito con ii finanziamento per consentire l’impresa “.

Il Prof Robin Shattock, responsabile del vaccino COVID-19 di Imperial, ha dichiarato:

“Davvero incoraggiato da questo annuncio entusiasmante. Supponendo che sia supportato dai dati, questo non solo rappresenta un potenziale passo avanti per Pfizer / BioNTech, ma anche per i vaccini in generale. Dimostra anche la velocità e l’utilità della tecnologia dei vaccini a RNA. C’è ancora molto da fare, tra cui ottenere le approvazioni normative, aumentare la produzione e elaborare la logistica di enormi programmi di vaccinazione. Si spera che questo sia il primo di molti vaccini candidati a funzionare. Questo annuncio dà sicuramente una spinta al nostro programma di vaccini con RNA autoamplificante. Non ancora il gioco finale, ma si spera l’inizio degli sforzi globali per controllare questa pandemia. Una luce significativa alla fine del tunnel”.

Fonte:Science Media Centre

ULTIMI ARTICOLI

Infezioni batteriche e ferite della pelle: nuovo approccio per il trattamento

(Infezioni batteriche-Immagine: ferita vascolarizzata al microscopio. Credito: Rachel Kratofil). I ricercatori dell'Università di Calgary hanno identificato un nuovo approccio promettente per il trattamento delle infezioni batteriche...

Januvia farmaco per il diabete può contenere tracce di cancerogeno

(Januvia-Immagine Credit Medicalxpress). "Il popolare farmaco per il diabete Januvia può contenere tracce di un probabile cancerogeno, ma i pazienti dovrebbero continuare a usare il...

Cuffia dei rotatori: potenziale trattamento rivoluzionario per la rigenerazione

(Cuffia dei rotatori/Studio-Immagine:Dr. Cato T. Laurencin-Credito UCNN). Un nuovo modo per rigenerare i muscoli potrebbe aiutare a riparare la cuffia dei rotatori nelle spalle danneggiate...

Acufene: svolta nella ricerca di una cura

(Acufene-Immagine Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico). Dopo 20 anni alla ricerca di una cura per l'acufene, i ricercatori dell'UDniversità di Auckland sono entusiasti dei "risultati...

Alimenti fermentati: 4 motivi per cui dovresti mangiarli

(Alimenti fermentati-Immagine Credit Public Domain). Gli alimenti fermentati hanno subito il processo naturale di essere fermentati da batteri, funghi o lieviti benefici. In questo processo,...