Home Salute Virus e parassiti Vaccini COVID 19: le sfide che ci attendono

Vaccini COVID 19: le sfide che ci attendono

Vaccini COVID 19-Immagine Credito: Oxford Univ./John Cairns / EPA-EFE / Shutterstock.

Quando finalmente emergono risultati positivi sui vaccini COVID 19, i ricercatori devono aiutare il mondo ad affrontare diverse sfide: l’esitazione, la logistica di fornitura e il prezzo dei vaccini.

A un anno dal primo caso noto di COVID-19, il mondo ha fame di buone notizie e in questo mese, i produttori di vaccini hanno fornito un nutrimento gradito.

- Advertisement -

Ampie sperimentazioni cliniche di quattro candidati vaccini COVID 19 tanno mostrando una notevole promessa, con tre di efficacia superiore al 90% – un tasso inaspettatamente alto – secondo i risultati pubblicati finora. Nessuno dei vaccini ha riportato segnali di sicurezza preoccupanti e uno ha mostrato risultati promettenti negli anziani, un gruppo demografico particolarmente vulnerabile a SARS-CoV-2 ma che a volte risponde meno bene ai vaccini.

I primi studi avevano dimostrato che questi vaccini COVID 19 candidati potevano stimolare una risposta immunitaria. Gli ultimi studi dimostrano che questa risposta immunitaria può proteggere le persone contro COVID-19, un risultato importante. Lo sviluppo di vaccini è irto di possibilità di fallimento e anche il più ardente ottimista potrebbe non aspettarsi di avere un vaccino altamente efficace contro un nuovo virus meno di un anno dopo che il suo genoma è stato sequenziato.

Ma c’è ancora molto lavoro da fare per ricercatori e medici. 

In primo luogo, devono determinare l’efficacia dei vaccini nelle persone ad alto rischio di COVID-19, compresi gli anziani, le persone con obesità e quelle con diabete. In secondo luogo, non è chiaro quanto bene alcuni dei vaccini proteggano contro il COVID-19 grave. Terzo, non è nemmeno chiaro in che misura i vaccini impediscano a coloro che sono stati vaccinati di trasmettere il virus ad altri.

- Advertisement -

Allo stesso tempo, i ricercatori e i responsabili politici devono considerare come affrontare le sfide non legate agli stessi candidati al vaccino. Queste includono l’esitazione del vaccino, stanchezza con le attuali restrizioni di salute pubblica e l’incredibile logistica della vaccinazione della popolazione mondiale. Anche se il traguardo sembra essere in vista, c’è ancora molto terreno difficile da attraversare.

Alcune persone sono comprensibilmente preoccupate che la velocità sia della revisione scientifica che della regolamentazione dei vaccini possa compromettere la sicurezza, nonostante le assicurazioni contrarie degli sviluppatori di vaccini e dei regolatori. Per creare fiducia nella vaccinazione, è importante che le autorità di regolamentazione, le aziende e i loro partner di ricerca mantengano le promesse fatte per garantire la trasparenza, pubblicare i dati e impegnarsi in una discussione aperta su tali dati non appena arrivano.  

La Food and Drug Administration statunitense, ad esempio, si è impegnata a tenere una riunione pubblica dei suoi consulenti esterni all’inizio di dicembre per discutere i dati prima di rilasciare un’autorizzazione all’uso di emergenza per distribuire un vaccino. Questo tipo di trasparenza – e la possibilità di esprimere apertamente le preoccupazioni sui dati, se ce ne fossero – è assolutamente necessaria. È in contrasto con la precedente concessione opaca dell’agenzia di autorizzazioni per i trattamenti COVID-19.

Vedi anche:Vaccino AstraZeneca più efficace con mezza dose iniziale

La maggior parte dei team di vaccini e delle autorità di regolamentazione dei farmaci ha dichiarato il proprio impegno per la trasparenza dei dati. Ma gran parte di ciò che sappiamo sugli ultimi test sui vaccini è stato comunicato attraverso comunicati stampa e interviste ai media, piuttosto che attraverso documenti di ricerca che sono stati oggetto di revisione paritaria indipendente.

Tale velocità di comunicazione è necessaria in caso di emergenza. Ma i dati più completi non dovrebbero essere trattenuti e le squadre coinvolte devono essere preparate a fornire l’accesso a tutti i dati rilevanti non appena ciò sia praticamente possibile, per consentire ad altri di esaminare i loro risultati e testare le loro affermazioni. È importante che le aziende continuino a rilasciare i propri dati man mano che le analisi sono completate e rilascino documenti di prestampa degli studi completati, in modo che il lavoro possa essere discusso rapidamente.

Le autorità di regolamentazione dovrebbero anche condividere i propri dati e analisi con organismi di regolamentazione di altri paesi, per accelerare le decisioni di approvazione in tutto il mondo. E le autorità di regolamentazione e i produttori di vaccini devono ricordare che i vaccini saranno meno efficaci se le persone rifiuteranno l’inoculazione a causa dell’esitazione del vaccino.

È anche fondamentale che le attuali misure di sanità pubblica non siano allentate. Le prossime festività natalizie in alcuni paesi potrebbero innescare epidemie mentre le persone si affrettano a vedere familiari e amici. La vigilanza è ancora importante, forse anche di più, poiché le persone vedono una luce gradita alla fine del tunnel pandemico.

La distribuzione dei vaccini rappresenta un’altra sfida scoraggiante ed è accompagnata da domande come “quanto costerà il vaccino e chi lo pagherà”. Uno dei vaccini che ha mostrato successo negli studi in fase avanzata è stato sviluppato dai ricercatori dell’Università di Oxford, nel Regno Unito e dall’azienda farmaceutica AstraZeneca a Cambridge, nel Regno Unito. Questo vaccino può essere conservato in un normale frigorifero, il che rende la distribuzione rapida più fattibile di quanto sarebbe per il vaccino sviluppato da Pfizer a New York City e BioNTech a Mainz, Germania – che potrebbe essere più efficace del vaccino di Oxford, ma deve essere conservato a temperature inferiori a −70 ° C.

È importante sottolineare che AstraZeneca e Oxford si sono anche impegnate a fornire il loro vaccino a prezzo di costo a tutti durante la pandemia e a mantenere questo prezzo per i paesi a basso e medio reddito dopo la pandemia, quando sarà ancora necessario un vaccino in caso di future epidemie. Ma, quando Nature è andato in stampa, né Pfizer né Moderna, una compagnia farmaceutica di Cambridge, Massachusetts, che ha un candidato vaccino altrettanto promettente, si erano impegnate a mantenere bassi i prezzi una volta terminata l’attuale pandemia. Devono cambiare questa posizione.

Alcuni paesi, la maggior parte ricchi, hanno già preordinato quasi quattro miliardi di dosi di vaccino e hanno opzioni per altri 5 miliardi, ai prezzi attuali. COVAX, un’alleanza globale che cerca di garantire che i paesi a basso e medio reddito ricevano un’adeguata fornitura di vaccini, è stata in grado di garantire vaccini solo per circa 250 milioni di persone, molto al di sotto di quanto necessario. Quando i prezzi inizieranno ad aumentare, i paesi più poveri saranno ancora meno in grado di pagare di quanto non lo siano ora.

Non rendere il vaccino accessibile a queste nazioni sarebbe moralmente sbagliato. Sarebbe anche miope, perché, come spesso dicono i ricercatori di malattie infettive, “un’epidemia ovunque è un’epidemia ovunque”.

Fonte: Nature

ULTIMI ARTICOLI

Microbo intestinale può promuovere il cancro al seno

(Cancro al seno-Immagine: coltura tridimensionale di cellule di cancro al seno umano, con DNA colorato in blu e una proteina nella membrana della superficie...

Virus letali:prodotti naturali che bloccano la diffusione

(Virus letali-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Scripps Institution of Oceanography e della Skaggs School of Pharmacy and Pharmaceutical Sciences dell'Università della California di...

COVID 19: identificata nuova causa di coaguli di sangue

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I coaguli di sangue continuano a devastare i pazienti con grave infezione da COVID-19 e un nuovo studio spiega cosa...

Lo zenzero contrasta alcume malattie autoimmuni

(Zenzero-Immagine Credit Public Domain). Lo zenzero è noto per avere effetti anti-infiammatori e antiossidanti che lo rendono un popolare rimedio naturale per il trattamento delle...

COVID 19: un vaccino italianio da biotech ReiThera

"L'Italia ha investito nella società locale di biotecnologie ReiThera per sostenere lo sviluppo del suo vaccino COVID-19", ha detto un alto funzionario martedì dopo...