HomeSaluteUso dei cannabinoidi per curare l'obesità

Uso dei cannabinoidi per curare l’obesità

(Cannabinoidi-Immagine Credito Chris Roussakis/Bloomberg/Getty Images).

Un ricercatore dell’Università di Toronto, Justin Matheson, si è chiesto se i cannabinoidi, composti naturalmente presenti nella pianta, possano effettivamente essere usati per trattare l’obesità.

“A prima vista, la ricerca sembra un po’ paradossale”, afferma Matheson, che ha conseguito un dottorato di ricerca. dal dipartimento di farmacologia e tossicologia della Facoltà di Medicina di Temerty nel 2020 e sta ora completando una borsa di studio post-dottorato nel Laboratorio di ricerca sulle dipendenze presso il Centro per le dipendenze e la salute mentale dell’Università di Toronto.

- Advertisement -

“Ma quello che il mio supervisore, il Professor Bernard Le Foll, Presidente di psichiatria delle dipendenze presso la Facoltà di Medicina di Temerty e altri hanno scoperto è che le persone che usano regolarmente cannabis in realtà hanno un indice di massa corporea inferiore, un minor rischio di obesità e un minor rischio di diabete, rispetto alle persone che non fanno uso di cannabis”, dice Matheson che fa anche paete della coorte inaugurale dei borsisti del Toronto Cannabis and Cannabinoid Research Consortium (TC3).

Di recente ha parlato con la giornalista Gabrielle Giroday del suo lavoro e del campo in rapida crescita della ricerca sulla salute legata alla cannabis e ai cannabinoidi.

Giroday: Cosa ti interessava in questo settore di ricerca?

Matheson:”Il mio lavoro è in gran parte focalizzato sull’uso di sostanze e sulle dipendenze. Per il mio dottorato, mi sono concentrato su sesso e genere e su come influiscono sull’uso di cannabis. Ad esempio, nel 2019 ho pubblicato un articolo che esaminava come il fumo di cannabis colpisse i giovani adulti di sesso diverso.,Prima di questo progetto, ero già molto interessato a indagare sulla dipendenza dalla cannabis e a vedere come i cannabinoidi possono essere usati per trattare i disturbi da uso di sostanze. Per quanto riguarda questa ricerca attuale, ci sono interessanti paralleli tra obesità e eccesso di cibo e dipendenza o disturbi da uso di sostanze. Entrambi implicano modelli comportamentali dannosi che portano a un’assunzione eccessiva di cibo o droghe psicoattive. È una nuova area che merita un’ulteriore esplorazione.

- Advertisement -

Giroday: Puoi spiegare il tuo approccio?

Matheson:”Questa ricerca includerà uno studio randomizzato controllato che esaminerà se il nabilone, un farmaco cannabinoide sintetico, può ridurre il peso corporeo negli adulti con obesità. Stiamo reclutando un campione di 60 persone che hanno l’obesità e le stiamo randomizzando per ricevere una dose elevata del farmaco Nabilone, una dose bassa o un placebo. I partecipanti avranno dai 25 ai 45 anni. Nabilone sarà assunto come una capsula orale. È molto simile al THC, che è il componente attivo della cannabis, ma è strutturalmente leggermente diverso. I partecipanti allo studio assumeranno Nabilone giornalmente nel corso di 12 settimane. Durante quel periodo, controlleremo il peso corporeo dei pazienti e altre misure per vedere se ci sono effetti negativi del Nabilone. Nella ricerca, non stiamo solo cercando di vedere se il farmaco cannabinoide può ridurre il peso corporeo negli adulti obesi, ma stiamo anche cercando di capire perché. Lo faremo utilizzando la neuroimaging, misurando i cambiamenti nel microbioma intestinale e misurando i cannabinoidi nel sangue e diversi ormoni. Stiamo anche misurando l’attività cerebrale dei partecipanti al basale, prima che inizino il trattamento e alla fine delle 12 settimane. Nello specifico, siamo interessati a vedere come cambia la risposta neurale alle immagini del cibo nel corso del trattamento. Abbiamo iniziato a reclutare partecipanti per prendere parte alla ricerca e speriamo di terminare la sperimentazione in due anni.

Vedi anche:La cannabis medica ha un enorme potenziale terapeutico, ma mancano ancora studi affidabili

Giroday: Cosa speri di ottenere attraverso questo lavoro?

Matheson: Il nabilone è simile al THC. E sappiamo che la cannabis in realtà è favorevole all’appetito, in quanto aumenta l’appetito. In passato, la cannabis è stata associata allo “sballo” ed è stata utilizzata da persone con sindromi da deperimento o che hanno problemi di appetito. Quindi, in superficie, la ricerca sembra un po’ paradossale. Ma quello che il mio supervisore Le Foll e altri hanno scoperto è che le persone che usano regolarmente la cannabis in realtà hanno un indice di massa corporea inferiore, un minor rischio di obesità e un minor rischio di diabete rispetto alle persone che non usano la cannabis. Questa ricerca sarà la prima sperimentazione sull’uomo per vedere se la somministrazione di nabilone porterà a un peso corporeo inferiore negli adulti obesi, che replicherebbe i risultati sugli animali e che sarebbe in linea con ciò che stiamo vedendo nei dati epidemiologici. Non sappiamo ancora cosa troveremo.

Come misurerai gli effetti del nabilone su ciascun partecipante?

Matheson: Il sistema endocannabinoide, che è il sistema innato del corpo che sta alla base degli effetti dei cannabinoidi, è un sistema che è molto coinvolto in tutti i tipi di processi cerebrali come le nostre percezioni di piacere e ricompensa. Quindi, pensiamo che sia possibile che la nostra ricerca possa scoprire che il Nabilone riduce le risposte dei partecipanti alle immagini del cibo, motivo per cui stiamo facendo neuroimaging del cervello dei partecipanti.

Inoltre, esiste anche un’interessante relazione tra cannabinoidi e batteri intestinali, quindi vogliamo misurare il microbioma intestinale per vedere se cambia con il trattamento. La ricerca ha scoperto che le persone obese tendono ad avere livelli più elevati di endocannabinoidi, che sono i composti cannabinoidi del corpo. Riteniamo che l’assunzione di Nabilone, o qualsiasi farmaco cannabinoide, per un periodo di tempo possa alterare i livelli di endocannabinoidi, il che potrebbe essere un modo in cui il Nabilone porta a una riduzione del peso corporeo.

Giroday: Come descriveresti il ​​campo della ricerca sulla cannabis o sui cannabinoidi in questi giorni?

Penso che la ricerca sulla cannabis e sui cannabinoidi sia cambiata, soprattutto dopo la legalizzazione. È decisamente un settore in crescita e mi sento fortunato di essere entrato in questo campo quando l’ho fatto nel 2015, tre anni prima della legalizzazione. Continuo a pensare che ci sia ancora molto stigma intorno all’uso della cannabis. Questo colpisce i partecipanti con cui lavoro, che spesso usano cannabis o hanno un disturbo da consumo di cannabis. Speriamo che con la legalizzazione questo cambi. Penso che sia un momento davvero emozionante per fare ricerca sulla cannabis, soprattutto perché ci sono molte idee sbagliate. Sembra essere un argomento molto polarizzante. Ci sono sostenitori della cannabis che la presentano come una “droga panacea”, e poi ci sono proibizionisti, che sostengono che è cattiva, danneggia le persone e dovrebbe essere illegale. Per me, la verità è da qualche parte nel mezzo. Ci sono molte idee sbagliate nella comunità di ricerca e nel pubblico in generale, motivo per cui il campo è così affascinante e perché è lì che voglio portare il resto della mia carriera.

Fonte:U of T News

ULTIMI ARTICOLI

Uso dei cannabinoidi per curare l’obesità

(Cannabinoidi-Immagine Credito Chris Roussakis/Bloomberg/Getty Images). Un ricercatore dell'Università di Toronto, Justin Matheson, si è chiesto se i cannabinoidi, composti naturalmente presenti nella pianta, possano effettivamente...

SLA: passo avanti nella comprensione

La Sla è una grave malattia neurodegenerativa progressivamente invalidante che colpisce individui adulti, caratterizzata dalla compromissione dei motoneuroni (le cellule responsabili della contrazione dei...

Omicron potrebbe provenire da un topo

(Omicron-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Accademia cinese delle scienze di Pechino hanno recentemente riportato nuove intriganti prove per una possibile origine da un topo...

Infarto: nuova luce sugli effetti dannosi del trattamento standard

(Infarto-Immagine Credit Public Domain). Uno studio condotto dalla Scuola di Medicina dell'Università dell'Indiana sta sfidando i metodi di trattamento standard utilizzati per prevenire il danno...

Epilessia: studiare le cause della morte improvvisa

(Epilessia-Immagine Credito: Pexels). Un paziente su 1.000 con epilessia muore improvvisamente ogni anno. I ricercatori hanno confermato che alcune crisi di tipo grave (crisi convulsive generalizzate...