Uno studio dimostra che l’olio di pesce può aiutare a trattare la depressione

Immagine: Public Domain.

Uno studio pubblicato su Molecular Psychiatry mostra che le cellule staminali adulte derivate dal paziente possono essere utilizzate per modellare il disturbo depressivo maggiore e testare come un paziente può rispondere ai farmaci.

Utilizzando cellule staminali di adulti con diagnosi clinica di depressione, i ricercatori dell’Università dell’ Illinois a Chicago che hanno condotto lo studio, hanno anche scoperto che l’olio di pesce, quando testato nel modello, ha creato una risposta antidepressiva.

Mark Rasenick della UIC, principale ricercatore dello studio, afferma che la ricerca fornisce una serie di nuove scoperte che possono aiutare gli scienziati a capire meglio come funziona il cervello e perché alcune persone rispondono al trattamento farmacologico per la depressione, mentre altre sperimentano benefici limitati dai farmaci antidepressivi.

“È stato anche entusiasmante trovare prove scientifiche che l’olio di pesce – un prodotto naturale facile da ottenere – possa essere un trattamento efficace per la depressione”, ha detto Rasenick, illustre Professore di fisiologia e biofisica e psichiatria presso il College of Medicine. Il disturbo depressivo maggiore, o depressione, è il disturbo psichiatrico più comune. Circa una persona su sei sperimenterà almeno un episodio depressivo nella sua vita. Tuttavia, il trattamento antidepressivo fallisce in circa un terzo dei pazienti.

Per lo studio, i ricercatori della UIC hanno utilizzato cellule della pelle di adulti con depressione che sono state convertite in cellule staminali presso il Massachusetts General Hospital e hanno quindi diretto quelle cellule staminali a svilupparsi in cellule nervose. Le biopsie cutanee sono state prelevate da due tipi di pazienti: persone che avevano precedentemente risposto al trattamento antidepressivo e persone che in precedenza erano state resistenti agli antidepressivi. Quando è stato testato l’olio di pesce, i modelli di pazienti sensibili al trattamento e resistenti al trattamento hanno risposto entrambi.

Vedi anche:I meccanismi molecolari della depressione

Rasenick afferma che la risposta è stata simile a quella osservata dagli antidepressivi da prescrizione, ma è stata prodotta attraverso un meccanismo diverso. Abbiamo visto che l’olio di pesce agiva, in parte, sulle cellule gliali, non sui neuroni“, ha detto Rasenick, che è anche ricercatore presso il Jesse Brown VA Medical Center e Presidente e Direttore scientifico della Pax Neuroscience, una startup della UIC . “Per molti anni, gli scienziati hanno prestato scarsa attenzione alle cellule gliali – un tipo di cellula cerebrale che circonda i neuroni – ma ci sono prove crescenti che queste cellule possano svolgere un ruolo nella depressione. Il nostro studio suggerisce che le cellule gliali possono anche essere importanti per l’azione antidepressiva. Il nostro studio ha anche dimostrato che un modello di cellule staminali può essere utilizzato per studiare la risposta al trattamento e che l’olio di pesce come trattamento, o compagno di trattamento, per la depressione richiede ulteriori indagini”.

Co-autori dello studio sono Jiang-Zhou Yu dell’UIC e Jennifer Wang, Steven Sheridan e Roy Perlis del Massachusetts General Hospital.

Fonte: UIC