Home Salute Cervello e sistema nervoso I meccanismi molecolari della depressione

I meccanismi molecolari della depressione

Riepilogo: lo studio rivela come il sistema oppioide del cervello sia collegato ai cambiamenti dell’umore associati alla depressione e all’ansia. La neuroimaging ha rivelato che in pazienti con depressione c’è un numero ridotto di recettori degli oppioidi in aree specifiche del cervello.

Fonte: Università di Turku

Un nuovo studio condotto a Turku, in Finlandia, rivela come i sintomi che indicano depressione e ansia siano collegati ai cambiamenti della funzione cerebrale già in soggetti sani.

- Advertisement -

I ricercatori del centro nazionale PET di Turku hanno dimostrato che il sistema oppioide nel cervello è collegato ai cambiamenti dell’umore associati alla depressione e all’ansia.

La depressione e l’ansia sono in genere associate a umore ridotto e ridotta esperienza di piacere. Gli oppioidi regolano i sentimenti di dolore e piacere nel cervello. Il nuovo studio condotto a Turku mostra che i sintomi associati alla depressione e all’ansia sono collegati a cambiamenti nel sistema oppioide del cervello già in soggetti sani.

Abbiamo scoperto che più i sintomi depressivi e ansiosi avevano i soggetti, meno recettori degli oppioidi c’erano nel loro cervello. Questi recettori funzionano come piccoli “bacini” che sono influenzati sia dagli oppioidi propri del cervello che dagli oppiacei. Questo tipo di cambiamenti dell’umore mediati dagli oppioidi può essere un meccanismo importante nel sistema nervoso centrale “, afferma il Professor Lauri Nummenmaa dell’Università di Turku.

Vedi anche: Esketamina, farmaco per la depressione resistente e rischio suicidario

- Advertisement -

Questi risultati mostrano che i cambiamenti d’umore che indicano la depressione possono essere rilevati nel cervello già all’inizio. Sia gli oppioidi del cervello che i farmaci a base di oppiacei sintetici regolano l’umore. Sulla base dei risultati, i farmaci che hanno un effetto sul sistema oppioide possono aiutare nel trattamento della depressione “, aggiunge Nummenmaa.

Lo studio è stato condotto con la tomografia a emissione di positroni (PET) e complessivamente 135 volontari hanno partecipato. Una piccola dose di tracciante radioattivo che si lega ai recettori degli oppioidi del cervello è stata iniettata nella loro circolazione. Il decadimento dei traccianti è stato misurato con una telecamera PET, mentre i sintomi depressivi e ansiosi dei soggetti sono stati misurati con questionari.

Questo mostra scansioni cerebrali dallo studio

Lo studio si basa sul database AIVO dell’ Ospedale universitario di Turku e del centro PET di Turku. Il database contiene diverse scansioni molecolari in vivo del cervello per analisi approfondite: https://aivo.utu.fi/

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Neuropsychopharmacology.

Lo studio è stato finanziato dall’Accademia di Finlandia e dalla Fondazione Sigrid Jusélius.

Fonte: Neuropsicofarmacology

ULTIMI ARTICOLI

Declino cognitivo legato all’età: nuovo farmaco lo inverte

Declino cognitivo-Immagine: Public Domain. Il declino cognitivo legato all'età può essere causato da una sorta di "blocco fisiologico reversibile piuttosto che da una degradazione permanente. Secondo...

Scoperti nuovi meccanismi che causano grovigli tau

Grovigli tau. Immagine: Credit Public Domain. Grovigli tau, derivati dalla forma mutata della proteina tau, sono particolarmente pericolosi perché si ammassano all'interno dei neuroni causando...

Come SARS-CoV-2 raggiunge il cervello

SARS-CoV-2-Immagine: Pubvlic Domain. SARS-CoV-2 entra nel cervello attraverso le cellule nervose nella mucosa olfattiva. Utilizzando campioni di tessuto post mortem, un team di ricercatori della Charité...

La depressione può essere rivelata dalla pupilla

Depressione-Immagine Credit Public Domain. "La depressione può essere rivelata dalla dilatazione delle pupille", secondo uno studio degli scienziati dell'Istituto Max Planck di Psichiatria che lo...

Alzheimer: modificare un gene per prevenire la malattia

Alzheimer-Immagine Credit Public Domain. Un team di ricercatori della Laval University ha trovato prove che si potrebbe prevenire lo sviluppo della malattia di Alzheimer modificando...