Home Alimentazione & Benessere Una dieta ricca di flavonoidi protegge da cancro e malattie cardiache

Una dieta ricca di flavonoidi protegge da cancro e malattie cardiache

Il consumo di prodotti ricchi di flavonoidi come mele e tè protegge contro il cancro e le malattie cardiache e in particolare, protegge i fumatori e i bevitori pesanti, secondo una nuova ricerca.

I ricercatori della School of Medical and Health Sciences della ECU hanno analizzato i dati di una ricerca danese sulla dieta, cancro e salute che ha valutato le diete di 53.048 danesi per 23 anni.

Lo studio ha dimostrato che le persone che consumavano abitualmente quantità moderate o elevate di alimenti ricchi di flavonoidi, composti presenti in alimenti e bevande a base vegetale, avevano meno probabilità di morire di cancro o malattie cardiache.

Nessuna soluzione rapida per cattive abitudini

Il ricercatore capo Dott. Nicola Bondonno ha affermato che, mentre lo studio ha rilevato un minor rischio di morte in coloro che hanno consumato cibi ricchi di flavonoidi, l’effetto protettivo di questi composti sembra essere più forte per le persone ad alto rischio di malattie croniche dovute al fumo di sigaretta e per quelle persone che bevono più di due bevande alcoliche standard al giorno.

“Questi risultati sono importanti in quanto evidenziano il potenziale del consumo di alimenti ricchi di flavonoidi, di prevenire il cancro e malattie cardiache, in particolare nelle persone ad alto rischio di queste malattie croniche”, ha dett Bondonno.

Vedi anche, Il consumo di alimenti ricchi di flavonoidi riduce il rischio di Parkinson

“Ma è anche importante notare che il consumo di flavonoidi non contrasta tutti i maggiori rischi di morte causati dal fumo e dall’elevato consumo di alcol. Di gran lunga la cosa migliore da fare per la salute è smettere di fumare e ridurre il consumo di l’alcol. Sappiamo che questo tipo di cambiamenti nello stile di vita può essere molto impegnativo, quindi incoraggiare il consumo di flavonoidi potrebbe essere un nuovo modo di alleviare il rischio aumentato, incoraggiando al contempo le persone a smettere di fumare e ridurre il consumo di alcol”, ha aggiunto il ricercatore.

I partecipanti che consumavano circa 500 mg di flavonoidi totali ogni giorno presentavano un rischio più basso di cancro o morte per malattie cardiache.

“È importante consumare una varietà di diversi composti flavonoidi presenti in diversi alimenti e bevande a base vegetale. Questo è facilmente raggiungibile attraverso la dieta: una tazza di tè, una mela, un’arancia, 100 gr di mirtilli e 100 gr di broccoli,  fornirebbero un vasta gamma di composti flavonoidi e oltre 500 mg di flavonoidi totali”

Il Dr. Bondonno ha affermato che mentre la ricerca ha stabilito un’associazione tra consumo di flavonoidi e minor rischio di morte, l’esatta natura dell’effetto protettivo non è chiara.

“I flavonoidi hanno dimostrato di essere antinfiammatori e migliorare la funzione dei vasi sanguigni, il che potrebbe spiegare perché sono associati a un minor rischio di morte per malattie cardiache e cancro ..”

Il passo successivo di questa ricerca sarà di esaminare più da vicino da quali tipi di tumori e malattie cardiache i flavonoidi ci proteggono.

Lo studio, ‘Flavonoid intake is associated with lower mortality in the Danish Diet Cancer and Health Cohort’, è stato pubblicato il 13 agosto su Nature Communications.

Lo studio dell’ECU è stato realizzato attraverso una collaborazione con ricercatori dell’Herlev & Gentofte University Hospital, dell’Università di Aarhus, nonché del Danish Cancer Society Research Center, Aalborg University Hospital, le Università dell’Australia occidentale e l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro.

Fonte, Nature


ULTIMI ARTICOLI

Identificata la proteina che causa le convulsioni

Immagine: Public Domain. Gli scienziati, guidati da un ricercatore biomedico dell'Università della California, Riverside, hanno identificato un nuovo meccanismo responsabile dello sviluppo anormale delle connessioni neuronali...

Nuova luce sui meccanismi responsabili dell’emicrania familiare

Immagine: Public Domain. I neuroscienziati dell'Università di Zurigo hanno gettato una nuova luce sui meccanismi responsabili dell'emicrania familiare: hanno dimostrato che una disfunzione genetica in...

L’ananas potrebbe essere una nuova arma contro COVID-19?

Immagine: Public domain. I risultati di una recente ricerca negli Stati Uniti indicano che il gambo di ananas ricco di bromelina può essere utilizzato come agente...

Gli acidi biliari stimolano la rigenerazione intestinale

Immagine:Cripte intestinali di topo. Credito: K. Schoonjans (EPFL). I ricercatori dell'EPFL hanno fatto una scoperta sorprendente su come gli acidi biliari agiscono come molecole di...

L’agenzia europea per i farmaci approva gli steroidi per il trattamento di COVID 19

Immagine:SARS-CoV-2 (mostrato qui in un'immagine al microscopio elettronico). Credito: Istituto nazionale di allergia e malattie infettive, NIH. L'Agenzia europea per i medicinali (EMA), venerdì 18 settembre...