HomeSaluteCervello e sistema nervosoUna costellazione di sintomi presagisce i primi segni definitivi di sclerosi multipla

Una costellazione di sintomi presagisce i primi segni definitivi di sclerosi multipla

Durante i cinque anni che precedono lo sviluppo della sclerosi multipla, i primi segni clinicamente riconosciuti della malattia hanno fino a quattro volte più probabilità di essere curati per disturbi del sistema nervoso come il dolore o disturbi del sonno ed i pazienti hanno il 50% di probabilità in più di visitare uno psichiatra, secondo una nuova ricerca dell’Università della British Columbia.

Lo studio, il più grande sforzo mai compiuto per documentare i sintomi prima della comparsa della malattia, potrebbe consentire ai medici di diagnosticare la malattia – e quindi iniziare a curarla – precocemente, rallentando il danno che provoca al cervello e al midollo spinale.

La SM deriva dal sistema immunitario del corpo che attacca la mielina, il materiale grasso che isola i neuroni e consente una rapida trasmissione dei segnali elettrici. Quando la mielina è danneggiata, la comunicazione tra il cervello e altre parti del corpo viene interrotta, causando problemi di vista, debolezza muscolare, difficoltà di equilibrio e coordinazione e disturbi cognitivi.

- Advertisement -

Poiché i sintomi sono vari, spesso associati ad altri disturbi e possono essere transitori, diagnosticare la SM può essere una sfida. La conferma della malattia di solito viene effettuata mediante risonanza magnetica (MRI), un test degli impulsi nervosi o un esame del liquido spinale.

Il Canada ha uno dei più alti tassi di SM al mondo, per ragioni che sfuggono agli scienziati.

I ricercatori, guidati da Helen Tremlett, un Prof.ssa della Divisione di Neurologia presso la UBC, hanno esaminato le cartelle cliniche di 14.000 persone con sclerosi multipla da BC, Saskatchewan, Manitoba e Nuova Scozia tra il 1984 e il 2014 e li hanno confrontati con le cartelle cliniche di 67.000 persone senza la malattia.

Tremlett e l’ ex postdoctoral José Wijnands hanno scoperto che la fibromialgia, una condizione che coinvolge il dolore muscoloscheletrico diffuso, era più di tre volte più comune nelle persone a cui fu successivamente diagnosticata la sclerosi multipla e la sindrome dell’intestino irritabile era quasi il doppio.

- Advertisement -

( Vedi anche:Nuovi indizi sulle cause della sclerosi multipla).

Altre due condizioni con tassi nettamente più alti tra le persone diagnosticate con la SM: emicrania e qualsiasi disturbo dell’umore che include depressione, ansia e disturbo bipolare.

I tassi più alti di queste malattie corrispondono anche a un maggiore uso di farmaci per i disturbi muscoloscheletrici, i disturbi del sistema nervoso e disturbi del tratto genito-urinario, insieme con antidepressivi e antibiotici.

Lo studio, pubblicato su Multiple Sclerosis Journal, fornisce una prova definitiva che la SM può essere preceduta da sintomi precoci – noti come prodromi – che non sono considerati manifestazioni “classiche” della malattia, come visione offuscata o intorpidimento o debolezza negli arti. Fino al 2000, i libri di testo di medici affermavano che la SM non aveva un prodromo.

“L’esistenza di tali” segnali di pericolo “è ben accettata per il morbo di Alzheimer e il morbo di Parkinson, ma sono state fatte poche indagini su un modello simile per la SM“, ha detto Tremlett, Presidente della ricerca canadese in Neuroepidemiologia e sclerosi multipla e membro del Djavad Mowafaghian Center for Brain Health. “Ora dobbiamo approfondire questo fenomeno, magari usando tecniche di data mining: vogliamo vedere se ci sono modelli riconoscibili relativi al sesso, all’età o al” tipo “di SM che alla fine si sviluppano”.

Fonte: The University of British Columbia

ULTIMI ARTICOLI

Il multivitaminico quotidiano può essere un’abitudine non necessaria

(Multivitaminico-Immagine Credit Public Domain). Una persona su tre ingurgita un multivitaminico ogni mattina, probabilmente con un sorso d'acqua. La verità su questa abitudine popolare può...

Alzheimer: come l’intestino contribuisce allo sviluppo

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La ricerca guidata dai Dott. Yuhai Zhao e Walter J Lukiw del LSU Health New Orleans Neuroscience Center e dei Dipartimenti...

COVID 19: terapia inalatoria blocca la replicazione virale

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università della California, a Berkeley, hanno creato un nuovo terapeutico COVID-19 che potrebbe un giorno rendere il trattamento...

Asma: trovato un potenziale trattamento a lungo termine

(Asma-Immagine Credit Public Domain). Un possibile modo per affrontare una delle cause alla base dell'asma è stato sviluppato dai ricercatori dell'Aston University e dell'Imperial College...

Cancro al seno: un nuovo farmaco riduce le metastasi cerebrali

(Cancro al seno-Immagine:grafico a cascata delle risposte nei pazienti valutabili per la risposta in base ai criteri RANO-BM nello studio TUXEDO-1. Le barre blu illustrano...