HomeSaluteUn interruttore molecolare ripara il danno neurologico nei disturbi come la Sclerosi...

Un interruttore molecolare ripara il danno neurologico nei disturbi come la Sclerosi multipla

Immagine, guaina mielinica. Credito: Wikipedia.

Un interruttore molecolare ha la capacità di attivare una sostanza che ripara il danno neurologico in disturbi come la sclerosi multipla (SM), secondo i  ricercatori della Mayo Clinic. Le prime ricerche sui modelli animali potrebbero far avanzare l’utilizzo di una terapia già approvata dalla FDA e anche portare a nuove strategie per il trattamento di malattie del sistema nervoso centrale.

Una ricerca di Isobel Scarisbrick, Ph.D., pubblicata sul Journal of Neuroscience, rileva che spegnendo geneticamente un recettore attivato da proteine ​​del sangue, chiamato Protease Activated Receptor 1 (PAR1), il corpo attiva la rigenerazione della mielina, una sostanza grassa che ricopre e protegge i nervi.

“La rigenerazione della mielina ha un enorme potenziale per migliorare la funzione. Abbiamo dimostrato che quando blocchiamo il recettore PAR1, la guarigione neurologica è migliore e si verifica più rapidamente. In molti casi, il sistema nervoso ha una buona capacità di riparazione innata”, afferma Dr Scarisbrick , ricercatore principale dello studio e autore senior. Questo studio pone le basi per lo sviluppo di nuove strategie di rigenerazione della mielina clinicamente rilevanti”.

- Advertisement -

Mielina, trombina e sistema nervoso

La mielina agisce come un isolante che protegge i segnali elettrici inviati attraverso il sistema nervoso. La demielinizzazione o lesioni alla mielina, rallenta i segnali elettrici tra le cellule cerebrali, con conseguente perdita della funzione sensoriale e motoria. A volte il danno è permanente. La demielinizzazione si trova in disturbi come la SM, il morbo di Alzheimer, il morbo di Huntington, la schizofrenia e le lesioni del midollo spinale.

La trombina è una proteina nel sangue che aiuta nella guarigione. Tuttavia, troppa trombina innesca il recettore PAR1 trovato sulla superficie delle cellule e questo blocca la produzione di mielina. Le cellule progenitrici degli oligodendrociti in grado di rigenerare la mielina si trovano spesso nei siti di lesione della mielina, comprese le lesioni demielinizzanti nella sclerosi multipla.

Vedi anche, 7T MRI offre nuove informazioni sulla sclerosi multipla

- Advertisement -

Questi oligodendroglia non riescono a differenziarsi in cellule rigeneranti della mielina mature per ragioni che rimangono scarsamente comprese”, afferma Dr Scarisbrick. “La nostra ricerca identifica PAR1 come un interruttore molecolare della rigenerazione della mielina. In questo studio, dimostriamo che il blocco della funzione di PAR1, noto anche come recettore della trombina, promuove la rigenerazione della mielina in due modelli sperimentali unici di malattia demielinizzante”.

La ricerca

La ricerca si è concentrata su due modelli di topo. Uno era un modello di lesione acuta della mielina e l’altro di demielinizzazione cronica, ciascuno dei quali ha modellato caratteristiche uniche della perdita di mielina presenti nella SM, nella malattia di Alzheimer e in altri disturbi neurologici. I ricercatori hanno bloccato geneticamente PAR1 per bloccare l’azione dell’eccesso di trombina.

La ricerca non solo ha scoperto un nuovo interruttore molecolare che attiva la rigenerazione della mielina, ma ha anche scoperto una nuova interazione tra il recettore PAR1 e un sistema di crescita molto potente chiamato fattore neurotropico derivato dal cervello (BDNF). BDNF è come un fertilizzante per le cellule cerebrali che le mantiene in salute, funzionanti e in crescita.

Significativamente, i ricercatori hanno scoperto che un attuale farmaco approvato dalla Food and Drug Administration che inibisce il recettore PAR1 ha anche mostrato la capacità di migliorare la produzione di mielina nelle cellule testate in laboratorio.

“È importante dire che non abbiamo e non stiamo sostenendo che i pazienti possono già assumere questo inibitore in questo momento”, afferma il Dott. Scarisbrick. “Non abbiamo ancora usato il farmaco negli animali e non è pronto per essere utilizzato nei pazienti ai fini della riparazione della mielina. Usando i sistemi di coltura cellulare, stiamo dimostrando che questo farmaco  ha il potenziale per migliorare la rigenerazione della mielina”.

Sono necessarie ulteriori ricerche per verificare e far avanzare i risultati verso la pratica clinica.

Fonte, J Neurosci

ULTIMI ARTICOLI

Il multivitaminico quotidiano può essere un’abitudine non necessaria

(Multivitaminico-Immagine Credit Public Domain). Una persona su tre ingurgita un multivitaminico ogni mattina, probabilmente con un sorso d'acqua. La verità su questa abitudine popolare può...

Alzheimer: come l’intestino contribuisce allo sviluppo

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La ricerca guidata dai Dott. Yuhai Zhao e Walter J Lukiw del LSU Health New Orleans Neuroscience Center e dei Dipartimenti...

COVID 19: terapia inalatoria blocca la replicazione virale

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università della California, a Berkeley, hanno creato un nuovo terapeutico COVID-19 che potrebbe un giorno rendere il trattamento...

Asma: trovato un potenziale trattamento a lungo termine

(Asma-Immagine Credit Public Domain). Un possibile modo per affrontare una delle cause alla base dell'asma è stato sviluppato dai ricercatori dell'Aston University e dell'Imperial College...

Cancro al seno: un nuovo farmaco riduce le metastasi cerebrali

(Cancro al seno-Immagine:grafico a cascata delle risposte nei pazienti valutabili per la risposta in base ai criteri RANO-BM nello studio TUXEDO-1. Le barre blu illustrano...