Udito: scoperti nuovi neuroni nel sistema uditivo periferico

sistema uditivo periferico

I ricercatori del Karolinska Institutet in Svezia hanno identificato quattro tipi di neuroni nel sistema uditivo periferico, tre dei quali sono nuovi alla scienza.

L’analisi di queste cellule può portare a nuove terapie per vari tipi di disturbi dell’udito, come l’acufene e la perdita dell’udito legata all’età. Lo studio è stato pubblicato su Nature Communications.

Quando il suono raggiunge l’orecchio interno, viene convertito in segnali elettrici che vengono trasmessi al cervello attraverso le cellule nervose dell’orecchio nella coclea. In precedenza, la maggior parte di queste cellule erano considerate di due tipi: neuroni di tipo 1 e di tipo 2, di tipo 1 che trasmettevano la maggior parte delle informazioni uditive. Un nuovo studio degli scienziati del Karolinska Institutet mostra che le cellule di tipo 1 comprendono in realtà tre tipi cellulari molto diversi, il che corrisponde alla precedente ricerca che mostra variazioni nelle proprietà elettriche e nella risposta sonora delle cellule di tipo 1.

“Ora sappiamo che ci sono tre diversi percorsi nel sistema uditivo centrale, invece di uno solo”, dice Franc Ois Lallemend, capo gruppo di ricerca presso il Dipartimento di Neuroscienze, Karolinska Institutet, che ha guidato lo studio. “Questo permette di comprendere meglio il ruolo svolto dai diversi neuroni nell’udito e abbiamo anche mappato quali geni sono attivi nei singoli tipi di cellule”.

Il team ha condotto lo studio sui topi utilizzando la tecnica relativamente nuova di sequenziamento dell’RNA a singola cellula. Il risultato è un catalogo dei geni espressi nelle cellule nervose, che può fornire agli scienziati una solida base per una migliore comprensione del sistema uditivo e per l’ideazione di nuove terapie e farmaci.

“Il nostro studio può aprire la strada allo sviluppo di strumenti genetici che possono essere utilizzati per nuovi trattamenti per diversi tipi di disturbi dell’udito, come l’acufene“, afferma il Dott. Lallemend. “La nostra mappatura può anche dare origine a diversi modi di influenzare la funzione delle singole cellule nervose nel corpo“.

Lo studio mostra che questi tre tipi di neuroni hanno probabilmente un ruolo nella decodifica dell’intensità sonora (cioè il volume), una funzione cruciale durante le conversazioni in un ambiente rumoroso, che si basa sulla capacità di filtrare il rumore di fondo. Questa proprietà è anche importante in diverse forme di disturbi dell’udito, come l’acufene o iperacusia (ipersensibilità al suono).

“Una volta che sappiamo quali neuroni causano iperacusia, saremo in grado di iniziare a studiare nuove terapie per proteggerli o ripararli”, spiega il Dott. Lallemend. “Il prossimo passo è mostrare quale effetto hanno queste singole cellule nervose sul sistema uditivo, il che può portare allo sviluppo di migliori strumenti uditivi come gli impianti cocleari“.

I ricercatori hanno anche dimostrato attraverso studi comparativi su topi adulti che questi diversi tipi di neuroni sono già presenti alla nascita.

Fonte: Nature

Altri articoli su sistema uditivo periferico