Tubercolosi latente e “tolleranza della malattia”

tubercolosi

Immagine: radiografia colorata del torace di un paziente che mostra tubercolosi disseminata, o miliare, nei polmoni e, se non trattata, ha un tasso di mortalità quasi del 100%. I polmoni contengono lesioni (tubercoli, rosa) costituite da tessuto morto infetto. Tzelepis et al hanno utilizzato modelli murini di TB, hanno identificato il ruolo fondamentale della ciclofilina D mitocondriale per regolare l’immunità mediata da cellule T nella tolleranza della malattia indipendente dalla resistenza dell’ospite al Mycobacterium tuberculosis .

 Un nuovo studio spiega perchè il 90% della popolazione, infettato dal virus che causa la tubercolosi, non sviluppa la malattia.

Storicamente, il nostro punto di vista sulla difesa dell’ospite contro l’infezione è che dobbiamo eliminare gli agenti patogeni per sradicare la malattia. Tuttavia, questa prospettiva è stata recentemente messa alla prova dal momento che i biologi che studiano le piante, hanno fatto luce su un’antica strategia che implica la capacità del corpo di “tollerare” piuttosto che “resistere” alle infezioni per mantenere la salute. Questo concetto, denominato “tolleranza alle malattie“, offre l’opportunità di sviluppare nuove strategie che mitigano le conseguenze dell’infezione.

Dalla scoperta del Mycobacterium tuberculosis o Mtb, (i batteri che causano la tubercolosi) oltre un secolo fa, sono stati compiuti grandi progressi nella definizione di strategie che facilitino l’eliminazione dei batteri. Ad esempio, la scoperta di antibiotici è stata una svolta importante nel trattamento della tubercolosi attiva. Tuttavia, più del 90% degli individui infetti da TBC tollerano i batteri senza alcun trattamento.

Il Dr. Maziar Divangahi, immunologo polmonare presso l’Istituto di ricerca del McGill University Health Center (RI-MUHC) e Professore di Medicina presso la McGill University di Montreal, ha cercato di spiegare perché la stragrande maggioranza delle persone infettate con Mtb può tollerare l’infezione senza sviluppare la malattia. I medici riferiscono questa condizione come “tubercolosi latente” che colpisce un quarto della popolazione globale. “La TBC è un perfetto esempio di tolleranza delle malattie“, afferma il Dr. Divangahi che è anche Direttore associato del Research Translational in Respiratory Diseases Program al RI-MUHC e membro del McGill International TB Center.

Il team del Dr. Divangahi ha scoperto che anziché combattere per resistere al patogeno, la tolleranza del corpo al Mtb è il meccanismo chiave per prevenire la diffusione dell’infezione. Più sorprendentemente, i ricercatori hanno scoperto che avere livelli eccessivi di cellule T, che sono noti come soldati del nostro sistema immunitario, potrebbe causare più danni che benefici.

“Abbiamo sempre pensato che avere più linfociti T potesse fornire una protezione migliore contro la tubercolosi, ma abbiamo scoperto che poteva squilibrare la tolleranza alle malattie causando danni estesi ai tessuti, al fine di uccidere l’ospite”, afferma il Dr. Divangahi, autore principale dello studio pubblicato oggi in Science Immunology che è anche il Direttore associato dei Meakins-Christie Laboratories.

( Vedi anche:Tubercolosi: le cipolle potrebbero aiutare a combattere l’antibiotico resistenza).

Tolleranza della malattia contro la resistenza dell’ospite

Il sistema di difesa del nostro corpo è diviso in due parti: una è la resistenza, che mira a eliminare il patogeno, mentre l’altra è la tolleranza, che è progettata per controllare il danno tissutale causato dall’infezione.

Mentre la tolleranza alle malattie è un campo di ricerca consolidato in organismi semplici come le piante, la nostra comprensione di questa strategia di difesa dell’ospite negli esseri umani è molto limitata“, afferma il Dr. Divangahi.

Sebbene gli immunologi e i vaccinologi abbiano compiuto progressi nello studio della resistenza dell’ospite alle malattie infettive, poco si sa sui meccanismi di tolleranza della malattia negli esseri umani.

Una proteina chiave nella tolleranza della malattia

Il team del Dr. Divangahi ha determinato che una proteina nei mitocondri chiamata ciclofilina D (CypD) funge da punto di controllo chiave per l’attivazione delle cellule T. Attraverso la collaborazione con il Dr. Russell Jones della McGill University, che è un esperto internazionale di biologia delle cellule T, i ricercatori hanno identificato che CypD è necessaria per controllare il metabolismo delle cellule T che sono tradizionalmente considerate importanti per eliminare il Mtb”, afferma il Dr. Divangahi. “Tuttavia, abbiamo scoperto che l’aumento dell’attivazione delle cellule T nei topi eliminando un punto di controllo metabolico ha inaspettatamente compromesso la sopravvivenza dell’ospite senza alcun impatto sulla crescita di Mtb“.

“In contrasto con il pensiero convenzionale, mostriamo che le cellule T sono essenziali per regolare la tolleranza del corpo alle infezioni da Mtb“, spiega uno dei primi autori dello studio, il Dr. Nargis Khan, che è attualmente un borsista postdottorato nel laboratorio del Dr. Divangahi al RI-MUHC.

La diffusa resistenza ai farmaci per vari ceppi Mtb, la limitata offerta di antibiotici efficaci e la mancanza di un vaccino efficace, indicano che sono urgenti approcci alternativi per trattare la tubercolosi. “Se potessimo comprendere i meccanismi dell’ immunità naturale che controlla la tubercolosi nel 90-95% degli individui infetti”, dice il Dr. Divangahi, “saremo in grado di progettare una nuova terapia o un nuovo vaccino per ridurre sostanzialmente il carico mondiale di questa antica malattia”.

Fonte: Science Immunology


Altri articoli su tubercolosi