Trovata una chiave molecolare per ritardare la progressione della sclerosi multipla

sclerosi multipla

Immagine:

Alberto Pérez, Aitor Palomino, María Domercq, Alazne Zabala and Carlos Matute, UPV/EHU, Achucarro center and ciberNed researchers.

La sclerosi multipla è una malattia autoimmune che attacca e distrugge una struttura nota come “guaina mielinica”, la cui integrità è indispensabile per il corretto funzionamento del cervello e del midollo spinale.

L’attuale trattamento della sclerosi multipla si basa sulla modulazione dell’attività del sistema immunitario o impedendo alle sue cellule di accedere al sistema nervoso centrale e danneggiarlo. Queste terapie sono efficaci nelle prime fasi della malattia, ma non ne impediscono l’avanzamento e il progressivo deterioramento funzionale.

( Vedi anche:Una costellazione di sintomi presagisce i primi segni definitivi di sclerosi multipla).

Durante la fase progressiva della malattia sono le cellule microgliali nel cervello che sono la causa principale dell’infiammazione cronica responsabile del deterioramento neurologico. Queste cellule microgliali sono le sentinelle del cervello e reagiscono di fronte a qualsiasi danno o infezione. Questa reazione, che in linea di principio è benefica, diventa dannosa quando si prolunga nel tempo, provocando un’infiammazione cronica e aggravando la malattia e favorendone la progressione.

Nel lavoro appena pubblicato è stato possibile identificare un recettore noto come P2X4 presente nelle cellule microgliali che aumenta il loro potenziale anti-infiammatorio al fine di ridurre il danno nella sclerosi multipla e, soprattutto, incoraggiare le risposte riparatrici del corpo stesso.

Questo sviluppo sperimentale è stato condotto utilizzando modelli animali di questa malattia, grazie ai quali è stato possibile scoprire che i farmaci che attivano questo recettore migliorano i sintomi durante la fase cronica della malattia quando promuovono la riparazione del tessuto nervoso.

Come ha sottolineato la Dr.ssa María Domercq del Dipartimento di Neuroscienze UPV / EHU e che lavora presso il centro di ricerca ACHUCARRO a Leioa (Paesi Baschi), “Stiamo assistendo a una scoperta che sta aprendo un nuovo canale di sviluppo farmacologico per il trattamento della fase progressiva della sclerosi multipla e con essa vogliamo aprire una nuova porta al miglioramento della qualità della vita delle persone che soffrono di sclerosi multipla “.

Questo studio ambizioso è stato sviluppato da un gruppo di ricerca internazionale coordinato dalla Comunità autonoma basca, in particolare da Leioa, con personale di ricerca del centro di ricerca ACHUCARRO, UPV / EHU, CiberNed e CICbiomaGUNE in collaborazione con il contributo tecnico di professionisti dell’Università di Amburgo in Germania e l’Institut de Génomique Fonctionnelle a Montpellier, in Francia.

Fonte: The University of Basque Country Magazine

Altri articoli su sclerosi multipla